Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 6762 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Venerdì, 14 Febbraio 2020

Strisce reattive per la stima della BUN in conigli e furetti

  • Discreta affidabilità ma la misurazione con analizzatori biochimici rimane il gold standard
Vota questo articolo
(0 Voti)

rabferL’obiettivo di questo studio era quello di valutare l'affidabilità di strisce reattive disponibili in commercio nello stimare la concentrazione di BUN e nell’identificare una condizione di iperazotemia nei conigli (Oryctolagus cuniculus) e nei furetti (Mustela putorius furo) da compagnia.

Sono stati impiegati 65 campioni ematici prelevati da 53 conigli e 71 campioni ematici prelevati da 50 furetti. Le concentrazioni di BUN sono state sia misurate con un analizzatore biochimico di laboratorio che stimate con una striscia reattiva. I risultati ottenuti con entrambe le metodiche sono stati classificati in 4 categorie in funzione del valore di BUN ottenuto (le categorie più elevate corrispondevano a concentrazioni maggiori di BUN). Sono stati considerati iperazotemici i campioni dai quali l’analizzatore biochimico misurava concentrazioni di BUN ≥ 27 mg/dL nei conigli o ≥ 41 mg/dL nei furetti. Basandosi sulla striscia reattiva, sono stati considerati iperazotemici i campioni che davano un risultato in categoria 3 o 4 nei conigli o in categoria 4 nei furetti.

Il contenuto completo è libero e gratuito per gli ISCRITTI. Accedi da questo link.


Gaia Carotenuto Med Vet PhDstudent

Letto 186 volte

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.