Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 6774 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Lunedì, 09 Marzo 2020

Test di immunofluorescenza per la diagnosi di leishmaniosi felina

  • Buona accuratezza da sfruttare per approfondire gli aspetti epidemiologici della malattia
Vota questo articolo
(0 Voti)

catleiI dati relativi alla prevalenza dell'infezione da Leishmania infantum nella specie felina sono estremamente variabili; questa differenza è per lo più conseguente alle differenze nelle tecniche diagnostiche utilizzate. Ad oggi, non esiste un consensus riguardo il metodo gold standard per la diagnosi della leishmaniosi felina.

In questo studio gli autori riportano le prestazioni di un nuovo test di immunofluorescenza (IFAT, immunofluorescence antibody test) confrontandole con quelle del IFAT comunemente usato per la diagnosi di leishmaniosi canina (IFAT-OIE) e con quelle di un test di immunoassorbimento enzimatico (ELISA, enzyme-linked immunosorbent assay).

Il contenuto completo è libero e gratuito per gli ISCRITTI. Accedi da questo link.


Eleonora Malerba Med Vet PhD

Letto 386 volte

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.