Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 6910 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Venerdì, 17 Luglio 2020

Anomalie uracali nel gatto e nel cane

  • Condizioni rare, spesso asintomatiche, la cui diagnosi è spesso accidentale
Vota questo articolo
(0 Voti)

UAQuesto studio retrospettivo ha studiato la prevalenza di diverse anomalie uracali (UA, urachal anomaly) in 60 gatti e 38 cani e la loro associazione con sintomi clinici e alterazioni delle analisi delle urine.

Tra le UA, il diverticolo vescicouracale era l’anomalia più frequentemente diagnosticata sia nel gatto (96,7%) che nel cane (89,5%). Nello specifico, il diverticolo vescicouracale intramurale era il più comune (nel 76,7% dei gatti e nel 71,1% dei cani), mentre quello extramurale era più raro (nel 20,0% dei gatti e nel 18,4% dei cani). In entrambe le specie, l'alterazione più evidente era l’ispessimento diffuso o focale della parete della vescica. L’alterazione più comunemente osservata a carico del contenuto vescicale era la presenza di urolitiasi (nel 33,3% dei gatti e nel 31,6% dei cani). I cani con UA erano più spesso asintomatici (p = 0,01). Nessuna differenza è stata trovata nei gatti. Stranguria, ematuria e ostruzione uretrale erano i segni clinici più frequentemente segnalati, mentre ematuria e leucocituria erano le anomalie più frequenti all'analisi delle urine.

Il contenuto completo è libero e gratuito per gli ISCRITTI. Accedi da questo link.


Eleonora Malerba Med Vet PhD

Letto 221 volte Ultima modifica il Giovedì, 16 Luglio 2020 19:19

SCIVAC Rimini Web

eveditoria Editoria Scientifica

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.