Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 6997 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Venerdì, 18 Settembre 2020

Terapia della meningoencefalomielite di origine sconosciuta nel cane

  • Confronto tra due protocolli di trattamento con citosina arabinoside
Vota questo articolo
(0 Voti)

dog on iv fluidsLa somministrazione di citosina arabinoside (CA) mediante continuous rate infusion (CRI) al momento della diagnosi è risultata essere associata ad un maggior tasso di sopravvivenza a 3 mesi, se confrontata con la somministrazione sottocutanea, in cani con diagnosi di meningoencefalomielite di origine sconosciuta (MUO). Non è noto, tuttavia, se la somministrazione di iniezioni sottocutanee di CA sequenziali, successive alla CRI di CA, possa apportare alcun beneficio per il paziente. L’obiettivo di questo studio è quello di confrontare l’outcome clinico di cani con diagnosi di MUO in trattamento con protocollo CA CRI con o senza successive iniezioni sottocutanee di CA.

Sono stati inclusi nello studio in 42 cani con diagnosi di MUO trattati con CA mediante CRI (gruppo CRI) e confrontati con 41 cani del gruppo controllo trattati con CA CRI e successive iniezioni sottocutanee di CA (gruppo CRI + CA sottocutanea). Entrambi i gruppi ricevevano prednisolone come trattamento aggiuntivo. I cani inclusi venivano seguiti in maniera prospettica per almeno 36 mesi successivi alla diagnosi.

Il contenuto completo è libero e gratuito per gli ISCRITTI. Accedi da questo link.

Scritto da
Tardo Antonio Maria

Letto 332 volte Ultima modifica il Venerdì, 18 Settembre 2020 10:01

SCIVAC Rimini Web

eveditoria Editoria Scientifica

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.