Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 7042 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Lunedì, 02 Novembre 2020

Trattamento dell'iperplasia prostatica benigna del cane

  • L'utilizzo della finasteride ha preservato la qualità del liquido seminale
Vota questo articolo
(0 Voti)

prostateL'iperplasia prostatica benigna (IPB) è una delle malattie più importanti dell’apparato riproduttivo del cane anziano. Gli approcci terapeutici, che comprendono l'orchiectomia e il trattamento farmacologico, hanno come obiettivi: la riduzione del volume della prostata e dei segni clinici. Uno dei farmaci più comunemente utilizzati nel trattamento dell'IPB è la finasteride; risultano tuttavia scarse le informazioni in merito ai possibili effetti collaterali di tale farmaco.
Pertanto, lo scopo di questo studio è valutare le alterazioni dell’IPB nel cane e gli effetti del trattamento con finasteride a breve termine (2 mesi) sui parametri clinici, endocrinologici e riproduttivi.

I cani sono stati quindi assegnati a quattro gruppi sperimentali: gruppo non affetti (n = 5), IPB (n = 5), non affetti-Finasteride (n = 5) e IPB-Finasteride (n = 5). I pazienti sono stati valutati mensilmente per 2 mesi mediante una valutazione andrologica completa, ecografia B-mode ed ecografia Doppler dell'arteria testicolare, profilo ormonale (testosterone, estrogeni e diidrotestosterone) e valutazione dello stress ossidativo del liquido seminale. Dopo 2 mesi, i cani sono stati orchiectomizzati e i testicoli sono stati sottoposti ad analisi istologica.

Il contenuto completo è libero e gratuito per gli ISCRITTI. Accedi da questo link.

Scritto da
Michele Tumbarello Med Vet PhD student

Letto 482 volte Ultima modifica il Domenica, 04 Ottobre 2020 18:07

SCIVAC Rimini Web

eveditoria Editoria Scientifica

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.