Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 7140 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Mercoledì, 20 Gennaio 2021

Adenomi ipofisari nel gatto

  • I gatti sottoposti ad ipofisectomia avevano un tempo di sopravvivenza maggiore rispetto ai casi non trattati chirurgicamente
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ipofisi IstoL’obiettivo del presente studio era quello di descrivere l’esito dell'esame istologico della ghiandola ipofisaria di gatti sottoposti ad esame autoptico o in seguito ad ipofisectomia.

I risultati hanno evidenziato che l'adenoma e l'iperplasia erano le lesioni più comuni. L’adenoma ipofisario era maggiormente associato, rispetto all'iperplasia, all'evidenza clinica di una patologia endocrina o di una massa intracranica (P <0,001). Un esame istochimico e immunoistochimico è stato effettuato su 44 adenomi ipofisari felini derivati ​​da autopsia o ipofisectomia. Gli adenomi venivano differenziati dall'iperplasia per la presenza di fibre di reticolina interrotte. Un gatto aveva un adenoma doppio (somatotropo e melanotropo). In 20 casi erano presenti adenomi somatotropi costituiti da cellule acidofile PAS (periodic acid-Schiff) negative che esprimevano l'ormone della crescita; Tra questi, 16/20 avevano l'ipersomatotropismo e 17/20 avevano il diabete mellito. In 11 casi erano presenti adenomi melanotropi costituiti da cellule basofile o cromofobe PAS positive che esprimevano l’ormone stimolante i melanociti e l’ormone adrenocorticotropo; Tra questi, 5/11 avevano l’ipercortisolismo e 6/11 avevano il diabete mellito. In 11 casi erano presenti adenomi gonadotropi costituiti da cellule cromofobe PAS negative che esprimevano l’ormone follicolo-stimolante e/o l’ormone luteinizzante. Infine, in due casi erano presenti adenomi tireotropi costituiti da cellule basofile o cromofobe PAS negative che esprimevano l'ormone stimolante la tiroide. Nei gatti con adenomi gonadotropi o tireotropi non è stata evidenziata una malattia ipofisi-dipendente. L'indice di proliferazione Ki-67 era inferiore negli adenomi somatotropi rispetto agli adenomi melanotropi. Quattordici gatti con adenoma somatotropo o melanotropo sono stati sottoposti ad ipofisectomia e hanno avuto un tempo mediano di sopravvivenza di 899 giorni contro 173 giorni dei casi non chirurgici (17 gatti). Dopo aver aggiustato per età, dimensione e tipo di adenoma, i gatti ipofisectomizzati hanno avuto un tempo di sopravvivenza complessivamente migliore rispetto ai casi non chirurgici (P = 0,029).

Il contenuto completo è libero e gratuito per gli ISCRITTI. Accedi da questo link.

Scritto da
Tardo Antonio Maria

Letto 236 volte Ultima modifica il Martedì, 19 Gennaio 2021 12:11

VET Channel

eveditoria Editoria Scientifica

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.