Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 7276 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Mercoledì, 12 Maggio 2021

Sorveglianza a lungo termine del virus dell'Epatite E in un allevamento di suini in Italia

  • Valutare la prevalenza dell’infezione da HEV zoonotici in un allevamento suinicolo e determinare per quanto tempo il virus può persistere nell’ambiente
Vota questo articolo
(0 Voti)

Swine pigletsNell'uomo, il virus dell'epatite E (hepatitis E virus, HEV) è responsabile di un'epatite acuta a trasmissione enterica, che può cronicizzare nei pazienti immunocompromessi. I genotipi 3 e 4 (HEV-3 e HEV-4) sono zoonotici e i suini domestici e il cinghiale rappresentano i principali reservoir. Il verificarsi di casi autoctoni in Europa, in aumento negli ultimi 10 anni, è stato associato alla trasmissione zoonotica di origine alimentare di HEV-3, principalmente legata al consumo di prodotti a base di carne di maiale poco cotti o crudi e carne di cinghiale. I ceppi zoonotici di HEV-3 sono diffusi negli allevamenti di suini, tuttavia sono disponibili poche informazioni sulla dinamica dell'infezione da HEV-3 negli allevamenti, tra i suini. Gli obiettivi di questo studio erano quelli di valutare la prevalenza dell'infezione da HEV zoonotici tra suini di età diverse lungo la catena di produzione e di determinare per quanto tempo il virus può persistere nell'ambiente di un allevamento.

La presenza di HEV-RNA è stata valutata mediante RT-PCR su 281 campioni di pool fecali collezionati durante 19 mesi (2017-2019) in un allevamento a due siti (circa 1.000 scrofe), nel Nord Italia. In totale 67/281 pool fecali (23,8%) sono risultati positivi per la presenza di HEV-RNA (sito 1: 59/221, 26,7%; sito 2: 8/60, 13,3%). Il sequenziamento nucleotidico ha rivelato un’unica variante virale di HEV-3 circolante durante il periodo di sorveglianza di 19 mesi. Lo stesso ceppo di HEV-3 era stato rilevato nello stesso allevamento nel 2012, indicando la persistenza dello stesso virus per 7 anni ed evidenziando il ruolo dell'ambiente come fonte continua di infezione negli allevamenti di suini.

Il contenuto completo è libero e gratuito per gli ISCRITTI. Accedi da questo link.

Scritto da
Tardo Antonio Maria

Letto 223 volte Ultima modifica il Sabato, 08 Maggio 2021 18:24

VET Channel

eveditoria Editoria Scientifica

0
Shares
0
Shares