Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 7311 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Mercoledì, 23 Giugno 2021

Epidemiologia dei pestivirus bovini in Italia

  • Nei bovini il maggior numero di sottogenotipi di pestivirus è stato documentato nei paesi europei
Vota questo articolo
(0 Voti)

Cow and calfI pestivirus sono patogeni diffusi ed economicamente importanti che infettano i bovini e altri animali. Il Pestivirus A (precedentemente noto come virus della diarrea virale bovina 1, BVDV-1), il Pestivirus B (virus della diarrea virale bovina 2, BVDV-2) e il Pestivirus H (pestivirus HoBi-like, HoBiPeV) infettano principalmente i bovini. Come altri virus a RNA, i pestivirus sono caratterizzati da un alto tasso di variabilità genetica. Quest'ultimo è testimoniato dall'esistenza di un certo numero di sottogenotipi virali all'interno di ciascuna specie. Nei bovini, il maggior numero di sottogenotipi di pestivirus è stato documentato nei paesi europei, in particolare in Italia. Lo scopo di questa review è quello di fornire una panoramica aggiornata sulla diversità genetica dei pestivirus negli allevamenti bovini italiani. Tutte e tre le specie di pestivirus bovini sono state identificate nella popolazione bovina con frequenza e distribuzione geografica variabili. La diversità genetica dei ceppi di pestivirus italiani può avere implicazioni diagnostiche e immunologiche, influenzando le prestazioni degli strumenti diagnostici e la protezione immunitaria determinata dai vaccini disponibili in commercio. In italia, si raccomanda l’implementazione e il rafforzamento di approcci coordinati per il controllo dei pestivirus bovini. Pertanto, sarebbe estremamente importante aumentare le misure di controllo e restrizione nel commercio dei bovini e prodotti biologici di origine bovina, compresi quelli contenenti siero bovino fetale.

“Epidemiology of Bovine Pestiviruses Circulating in Italy” Camilla Luzzago, et al. Review Front Vet Sci. 2021 Jun 2;8:669942. doi: 10.3389/fvets.2021.669942.

Scritto da
Antonio Maria Tardo Med Vet PhD student

Letto 205 volte Ultima modifica il Mercoledì, 23 Giugno 2021 11:48

VET Channel

eveditoria Editoria Scientifica

0
Shares
0
Shares