Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 7377 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Lunedì, 04 Ottobre 2021

Ruolo prognostico dell'ampiezza di distribuzione dei globuli rossi (RDW) nel cane

  • I cani con RDW elevato evidenziavano una mortalità superiore
Vota questo articolo
(0 Voti)

mortality dogGli autori di questo studio volevano dimostrare che l'ampiezza di distribuzione dei globuli rossi (RDW) potesse essere associata ad un aumento della probabilità di mortalità nei cani e gatti ospedalizzati.

Sono state identificate ed analizzate retrospettivamente le cartelle cliniche degli animali presentati al servizio di emergenza e ricoverati in terapia intensiva, che disponevano di un emocromo ed un profilo sierico eseguita al momento del ricovero. Complessivamente, sono stati inclusi nello studio 6661 animali (5183 cani e 1478 gatti). I pazienti sono stati stratificati in quintili in base alla presentazione di RDW e sono stati eseguiti modelli di regressione logistica per valutare la relazione tra RDW e mortalità intraospedaliera. I pazienti canini con una RDW di presentazione nel quarto e quinto quintile superiore avevano un aumento delle probabilità di mortalità intraospedaliera per tutte le cause analizzate (p < 0,0001). In particolare, i cani del quinto quintile superiore avevano una probabilità di morte di 2,1 volte maggiore rispetto ai cani del primo quintile e i cani del quarto quintile superiore avevano una probabilità di morte di 1,9 volte maggiore rispetto ai cani del primo quintile. Questa relazione si è dimostrata significativa anche dopo aver analizzato e diviso i pazienti per età, sesso, valori di laboratorio chiave (escludendo HCT), malattia medica rispetto a quella chirurgica e categoria di diagnosi. Questa relazione non era più significativa con l'inclusione dell'HCT. Non è stata identificata alcuna associazione significativa tra la presentazione di RDW e la mortalità intraospedaliera nei gatti.

Il contenuto completo è libero e gratuito per gli ISCRITTI. Accedi da questo link.

Scritto da
Michele Tumbarello Med Vet PhD student

Letto 418 volte Ultima modifica il Sabato, 02 Ottobre 2021 19:59

VET Channel

eveditoria Editoria Scientifica

0
Shares
0
Shares