Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 7430 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Venerdì, 15 Ottobre 2021

Leishmaniosi nel gatto

  • L’obiettivo di questa review era quello di descrivere le attuali conoscenze sulla leishmaniosi felina
Vota questo articolo
(0 Voti)

Leish CatLa leishmaniosi è la terza più importante malattia trasmessa da vettori nell'uomo, preceduta dalla malaria e dalla filariosi linfatica. La malattia è considerata endemica nelle aree tropicali e subtropicali, dove le temperature più elevate favoriscono lo sviluppo del suo vettore, i flebotomi. Questa zoonosi è causata dall'infezione di protozoi Leishmania spp. e la forma più grave, mucocutanea e viscerale, è determinata da Leishmania infantum, che predomina nell’area mediterranea. Gli ospiti abituali di questo parassita sono i cani e l'uomo, ma negli ultimi anni è stato osservato un aumento dei casi di infezione da L. infantum nei gatti. Questo aumento potrebbe essere dovuto all'uso di repellenti per i flebotomi nei cani, i quali obbligano il parassita a cercare altri ospiti. Il ruolo dei gatti nell'epidemiologia di questa malattia non è noto, sebbene negli ultimi anni sia stato osservato un aumento della prevalenza della leishmaniosi felina nelle aree endemiche. Le tecniche diagnostiche e il trattamento non sono standardizzati nel gatto, il che rende difficile stabilire la prevalenza e l'epidemiologia della leishmaniosi felina. Inoltre, i segni clinici e la risposta immunitaria contro la Leishmania nel gatto sono diversi rispetto al cane, con un maggiore resistenza ai farmaci. È necessario migliorare le nostre conoscenze sull'infezione da L. infantum nei gatti, compresi i segni clinici, la trasmissione, il trattamento e il ruolo dei gatti nell'epidemiologia di questa zoonosi. Infine, sono necessari nuovi trattamenti alternativi per controllare la diffusione di questa malattia in tutte le specie di mammiferi.

“Feline Leishmaniosis: An Emerging Public Health Problem” Ana Elena Ahuir-Baraja, et al. Vet Sci. 2021 Aug 30;8(9):173. doi: 10.3390/vetsci8090173.


Antonio Maria Tardo Med Vet PhD Student

Letto 669 volte Ultima modifica il Lunedì, 11 Ottobre 2021 22:36

VET Channel

eveditoria Editoria Scientifica

0
Shares
0
Shares