Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 7430 articoli

Lunedì, 18 Ottobre 2021

Valutazione dell'SDMA nei puledri neonati

  • SDMA non può essere utilizzata come marker di disfunzione renale nei puledri neonati
Vota questo articolo
(0 Voti)

foalLa dimetilarginina simmetrica (SDMA) è ampiamente utilizzata in alcune specie come marker di disfunzione renale ed è considerata un indicatore più sensibile della velocità di filtrazione glomerulare rispetto alla creatinina. Gli intervalli di riferimento sono stabiliti nei cavalli adulti sani (≤14 μg/dL) e le concentrazioni sono aumentate nei cavalli con danno renale acuto (mediana 32 μg/dL; intervallo 15-92). L’obiettivo degli autori di questo studio era stabilire il range di normalità delle concentrazioni di SDMA nei purosangue neonatali.

Sono stati pertanto prelevati campioni di sangue da puledri purosangue di età inferiore a 36 ore ritenuti sani dall'esame obiettivo generale. I criteri di esclusione includevano puledri di cavalle sottoposte a trattamento per placentite e puledri che hanno sviluppato una malattia clinica o sono morti/sottoposti ad eutanasia entro 2 settimane dalla nascita. In tutti i pazienti sono state misurate le concentrazioni sieriche di SDMA.

Il contenuto completo è libero e gratuito per gli ISCRITTI. Accedi da questo link.

Scritto da
Michele Tumbarello Med Vet PhD student

Letto 327 volte Ultima modifica il Sabato, 16 Ottobre 2021 13:56

VET Channel

eveditoria Editoria Scientifica

0
Shares
0
Shares