Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 7430 articoli

Mercoledì, 03 Novembre 2021

Utilità clinica dell'emocoltura nel cane

  • I risultati dello studio supportano l’uso dell’emocoltura nei casi con sospetta infezione e conseguente batteriemia
Vota questo articolo
(0 Voti)

Main Image 6Non è presente in letteratura nessun consensus riguardo l’uso dell’emocoltura negli animali da compagnia con sospetta sepsi. Inoltre, l’evidenza sull'utilità clinica dell'emocoltura risulta ancora limitata. Gli obiettivi di questo studio retrospettivo erano quelli di determinare: 1) la frequenza di emocolture positive ottenute da cani ospedalizzati; 2) la prevalenza di batteri antibiotico-resistenti; 3) la frequenza e la tipologia di modifiche alla terapia antimicrobica dopo aver ottenuto il risultato dell’emocoltura.

I risultati hanno mostrato che, in un periodo di 10 anni, l’emocoltura era stata effettuata in 45 cani; tra questi, in 9 (20%) casi è stato ottenuto un risultato positivo e in 36 (80%) non è stata rilevata crescita batterica. I motivi più frequenti per l’effettuazione dell'emocoltura erano febbre di origine sconosciuta (n = 14), sospetta infezione dei tessuti molli (7) e sospetta discospondilite (7). Le diagnosi finali più frequenti erano infezione dei tessuti molli (n = 11), discospondilite (7) e causa non nota (6). Non è stata evidenziata alcuna differenza significativa tra i gruppi con emocoltura positiva e quelli con emocoltura negativi per le seguenti variabili: motivi più frequenti per l’emocoltura (P = 0,55), diagnosi finale (P = 0,80), sopravvivenza fino al risultato dell'emocoltura (P = 0,37), o se l'infezione era stata acquisita in ospedale o meno (P = 0,99). Nel gruppo con emocoltura positiva, è stato rilevato un numero significativamente maggiore di cani immunodepressi (P = 0,02). Nei cani con emocoltura positiva, il 63% ha avuto una de-escalation della terapia antimicrobica e nessuno ha avuto una escalation; invece, il 19% dei cani con emocoltura negativa ha avuto una de-escalation e il 7% una escalation.

Il contenuto completo è libero e gratuito per gli ISCRITTI. Accedi da questo link.


Antonio Maria Tardo Med Vet PhD Student

Letto 390 volte Ultima modifica il Lunedì, 01 Novembre 2021 14:43

VET Channel

eveditoria Editoria Scientifica

0
Shares
0
Shares