Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 7430 articoli

Mercoledì, 24 Novembre 2021

Patogenesi dell'anemia emolitica immunomediata non rigenerativa del cane

  • Immunoglobulina G e fosfatidilserina sembrano avere un ruolo nell'emolisi
Vota questo articolo
(0 Voti)

cane anemicoSebbene si ritenga che l'anemia emolitica immunomediata non rigenerativa (PIMA) preveda l’azione di anticorpi che hanno come target i precursori eritroidi (RBC nucleati, nRBC), la sua patogenesi è, ad oggi, sconosciuta. A tal proposito, si pensa che l'immunoglobulina G (IgG) o la fosfatidilserina (PS) possano promuovere la distruzione di nRBC nella PIMA. L’ipotesi degli autori dello studio era che i cani con PIMA avessero elevati livelli di IgG e PS contro gli nRBC e che i cani con anemia emolitica immunomediata (IMHA) evidenziassero elevati livelli di PS a carico dei globuli rossi maturi rispetto ai cani sani.

Nello studio sono stati inclusi campioni di sangue di 20 cani sani, di cani con IMHA (11) o altre condizioni (non IMHA) (9), campioni di aspirato midollare (con o senza campioni di sangue contestuale) di 10 cani sani e di cani con PIMA (17) o altre (non -IMHA, non PIMA) condizioni (7).

Il contenuto completo è libero e gratuito per gli ISCRITTI. Accedi da questo link.

Scritto da
Michele Tumbarello Med Vet PhD student

Letto 295 volte Ultima modifica il Lunedì, 22 Novembre 2021 13:03

VET Channel

eveditoria Editoria Scientifica

0
Shares
0
Shares