Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 6315 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Venerdì, 18 Aprile 2003

Via libera alla carne clonata nel menu dei giapponesi?

  • Secondo il governo giapponese è' sicura.
Vota questo articolo
(0 Voti)
Via libera alla carne clonata  nel menu dei giapponesi?Il Giappone potrebbe essere la prima nazione al mondo a consentire il commercio di carne e latte provenienti da bovini clonati.

In un report dell'Health, Labour and Welfare Ministry giapponese si afferma che, nel corso di uno studio durato tre anni, non sono state riscontrate anomalie nel latte e nella carne derivati dalla clonazione. Tuttavia, nel contempo, si auspica la creazione di un sistema di gestione e controllo di eventuali problemi che possono manifestarsi negli anni a venire.

La vendita di prodotti animali derivati da clonazione è attualmente proibita in Giappone. Anche se dal Ministero fanno sapere che al momento non c'è in programma di consentire la distribuzione di carne e latte di animali clonati nel mercato domestico, tra l'altro da sempre caratterizzato da consumatori esigenti e restrizioni severe in tema di biotecnologie, la notizia potrebbe portare ad un futuro mutamento di posizione del Paese in proposito.





Via libera alla carne clonata  nel menu dei giapponesi?Il Giappone potrebbe essere la prima nazione al mondo a consentire il commercio di carne e latte provenienti da bovini clonati.

In un report dell'Health, Labour and Welfare Ministry giapponese si afferma che, nel corso di uno studio durato tre anni, non sono state riscontrate anomalie nel latte e nella carne derivati dalla clonazione. Tuttavia, nel contempo, si auspica la creazione di un sistema di gestione e controllo di eventuali problemi che possono manifestarsi negli anni a venire.

La vendita di prodotti animali derivati da clonazione è attualmente proibita in Giappone. Anche se dal Ministero fanno sapere che al momento non c'è in programma di consentire la distribuzione di carne e latte di animali clonati nel mercato domestico, tra l'altro da sempre caratterizzato da consumatori esigenti e restrizioni severe in tema di biotecnologie, la notizia potrebbe portare ad un futuro mutamento di posizione del Paese in proposito.





Letto 459 volte

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.