Stampa questa pagina
Mercoledì, 30 Marzo 2022

Nuove frontiere terapeutiche dell'osteosarcoma canino

  • I pazienti sottoposti alla vaccinazione mostravano tempi di sopravvivenza più lunghi
Vota questo articolo
(0 Voti)

sarcoma appendicolare caneNonostante gli sforzi per sviluppare nuove strategie di trattamento, gli osteosarcomi umani e canini continuano ad evidenziare una prognosi sfavorevole e una sopravvivenza limitata. Lo scopo degli autori di questo studio clinico era testare l'efficacia antitumorale e la sicurezza di un vaccino antitumorale a base di peptidi. I pazienti inclusi nello studio erano cani con osteosarcoma appendicolare non metastatico sottoposti a terapia standard (SOC), consistente in amputazione e chemioterapia adiuvante. 

Le cellule di osteosarcoma canino infettate da Salmonella sono state indotte a rilasciare peptidi immunogenici che costituivano la componente vaccinale. I cani con osteosarcoma appendicolare non metastatico erano idonei al reclutamento. Dopo l'amputazione dell'arto e la chemioterapia adiuvante con carboplatino, i cani sono stati vaccinati mensilmente per sei volte e monitorati nel frattempo con radiografie toraciche seriali. Una popolazione di cani sottoposti a trattamento SOC (amputazione e carboplatino adiuvante) prima che il vaccino fosse disponibile è stata utilizzata come gruppo controllo. Gli endpoint primari erano il tempo alla metastasi (TTM) e la sopravvivenza tumore-specifica (TSS). Gli endpoint secondari erano fattibilità, tossicità, oltre a risposta anticorpale e cellulo-mediata legate al vaccino. 

Per leggere l’articolo completo devi fare login con i tuoi codici EGO.

Scritto da
Michele Tumbarello Med Vet PhD student

Letto 293 volte Ultima modifica il Lunedì, 28 Marzo 2022 18:48