Stampa questa pagina
Lunedì, 11 Aprile 2022

COVID-19 e peritonite infettiva felina: caratteristiche cliniche e molecolari a confronto

  • I sintomi della FIP e il decorso della malattia rapidamente progressivo presentano un certo grado di analogia con il COVID-19
Vota questo articolo
(0 Voti)

FIPL'emergere della sindrome respiratoria acuta grave 2 (SARS-CoV-2) ha portato la comunità medica e scientifica ad affrontare le questioni relative alla patogenesi e alla presentazione clinica del COVID-19; tuttavia, mancano ancora modelli clinici rilevanti al di fuori dell'uomo. Nei felini, un coronavirus ubiquitario, descritto come coronavirus felino (FCoV), può manifestarsi clinicamente come peritonite infettiva felina (FIP). Quest’ultima malattia, caratterizzata da una grave infiammazione sistemica, rappresenta una delle principali cause di mortalità nei gatti giovani. I diversi sintomi extra polmonari della FIP e il decorso della malattia rapidamente progressivo, insieme a un agente eziologico strettamente correlato, presentano un certo grado di analogia con il COVID-19.

L’obiettivo di questa review era quello di confrontare le caratteristiche molecolari e cliniche tra FIP e COVID-19. Sebbene esistano differenze importanti tra le due sindromi, alcune caratteristiche sovrapponibili supportano la possibilità di considerare i coronavirus felini come modello clinico naturale per la malattia da coronavirus negli esseri umani.

Per leggere l’articolo completo devi fare login con i tuoi codici EGO.


Antonio Maria Tardo Med Vet PhD Student

Letto 948 volte Ultima modifica il Sabato, 09 Aprile 2022 16:56