Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 7700 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Lunedì, 04 Luglio 2022

Tetano nel cavallo: reperti clinici e risposta al trattamento

  • Descrivere i reperti clinici e i protocolli terapeutici in 17 cavalli affetti da tetano
Vota questo articolo
(0 Voti)

1Il tetano è una malattia dolorosa e spesso fatale causata dalle esotossine rilasciate dal batterio Clostridium tetani. Il Clostridium tetani è un commensale del tratto gastrointestinale dell'uomo e degli animali domestici e le sue spore sono altamente resistenti ai cambiamenti ambientali, agli acidi e agli alcali e possono persistere nel terreno per molti anni. La malattia è caratterizzata da rigidità muscolare generalizzata e spasmi, iperestesia, convulsioni, arresto respiratorio e morte. I cavalli sono gli animali domestici più suscettibili. Il trattamento è in genere diretto all'eliminazione della fonte della tossina, neutralizzazione di qualsiasi tossina non legata, instaurazione dell'immunità antitossinica, controllo delle alterazioni neuromuscolari e sollievo del dolore.

L’obiettivo di questo studio era quello di descrivere i reperti clinici e i protocolli terapeutici in 17 cavalli affetti da tetano, trattati tra marzo 2012 e dicembre 2021. La diagnosi di tetano era basata sull'anamnesi e sui reperti dell'esame fisico. Tutti i cavalli hanno ricevuto un protocollo di trattamento che comprendeva la somministrazione di siero antitetanico (50.000 UI, per via endovenosa, seguita da tre iniezioni della stessa dose a intervalli di 48 ore), penicillina procaina (25.000 UI kg, per via intramuscolare, BID, per 10 giorni), e miorilassante (acepromazina 0,02-0,05 mg/kg, per via intramuscolare, BID, per 8 giorni). Quando necessario, sono state effettuate terapie di supporto basate sull'uso di soluzioni reidratanti, alimentazione tramite sondino nasogastrico e assistenza al mantenimento della posizione quadrupede. Il tasso di mortalità osservato in questo studio è risultato essere del 23,52%. La diagnosi precoce associata al trattamento ha contribuito maggiormente alla guarigione dell'animale.

Per leggere l’articolo completo devi fare login con i tuoi codici EGO.


Antonio Maria Tardo Med Vet PhD Student

Letto 174 volte Ultima modifica il Domenica, 03 Luglio 2022 12:00

vetchannel.jpg

eveditoria Editoria Scientifica

0
Shares
0
Shares