Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 6270 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Mercoledì, 19 Maggio 2004

Modificazioni oviduttali dell'estro nella cagna

  • Studiato l'epitelio dell'ovidotto nelle diverse fasi estrali
Vota questo articolo
(0 Voti)
Modificazioni oviduttali dell'estro nella cagnaScarse sono le conoscenze circa le modificazioni morfologiche e l'attività proliferativa dell'epitelio dell'ovidotto canino durante le varie fasi del ciclo estrale.

Uno studio ha sottoposto nove cagne nullipare adulte sane a ovaristerectomia in tre diversi stadi del ciclo: anestro (N=3), fase follicolare tardiva (N=3) e fase luteinica media (N=3).

E' stato asportato l'intero ovidotto, dalla giunzione utero-tubarica (UTJ) all'infundibolo (IN), suddividendolo in UTJ, IN e in sei segmenti di uguale lunghezza, ovvero otto campioni di ovidotto per animale, tutti sottoposti a microscopia ottica.

Sono state registrate macroscopicamente e poi verificate istologicamente le caratteristiche morfologiche dell'ovaio e dell'endometrio. E' stata valutata l'altezza delle cellule epiteliali dell'ovidotto e la percentuale di cellule ciliate (CC). L'attività proliferativa è stata visualizzata mediante identificazione immunoistochimica dell'antigene Ki-67. La concentrazione di estradiolo-17 e progesterone (P4) è stata determinata sui campioni ematici.

I risultati dello studio suggeriscono in maniera evidente che gli estrogeni causano l'ipertrofia e la differenziazione dell'epitelio oviduttale, mentre il P4 ne induce la graduale de-differenziazione o regressione.

Inoltre, rivelano la presenza di modificazioni chaiaramente visibili della morfologia dell'epitelio delle tube durante il ciclo estrale, espresse diversamente nei vari segmenti tubarici.

Ulteriori studi sono necessari per definire se il basso grado di variazione cellulare riscontrato in corrispondenza dell'UTJ e dell'istmo caudale sia causato da specifiche concentrazioni ormonali o meccanismi regolatori associati a specifiche proprietà funzionali, quali la formazione di un serbatoio locale di spermatozoi.



"Morphological Changes and Proliferative Activity in the Oviductal Epithelium during Hormonally Defined Stages of the Oestrous Cycle in the Bitch" Steinhauer, N, Boos, A & Günzel-Apel, A-R. Reproduction in Domestic Animals 2004;39(2):110-119



Maria Grazia Monzeglio DVM PhD
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Modificazioni oviduttali dell'estro nella cagnaScarse sono le conoscenze circa le modificazioni morfologiche e l'attività proliferativa dell'epitelio dell'ovidotto canino durante le varie fasi del ciclo estrale.

Uno studio ha sottoposto nove cagne nullipare adulte sane a ovaristerectomia in tre diversi stadi del ciclo: anestro (N=3), fase follicolare tardiva (N=3) e fase luteinica media (N=3).

E' stato asportato l'intero ovidotto, dalla giunzione utero-tubarica (UTJ) all'infundibolo (IN), suddividendolo in UTJ, IN e in sei segmenti di uguale lunghezza, ovvero otto campioni di ovidotto per animale, tutti sottoposti a microscopia ottica.

Sono state registrate macroscopicamente e poi verificate istologicamente le caratteristiche morfologiche dell'ovaio e dell'endometrio. E' stata valutata l'altezza delle cellule epiteliali dell'ovidotto e la percentuale di cellule ciliate (CC). L'attività proliferativa è stata visualizzata mediante identificazione immunoistochimica dell'antigene Ki-67. La concentrazione di estradiolo-17 e progesterone (P4) è stata determinata sui campioni ematici.

I risultati dello studio suggeriscono in maniera evidente che gli estrogeni causano l'ipertrofia e la differenziazione dell'epitelio oviduttale, mentre il P4 ne induce la graduale de-differenziazione o regressione.

Inoltre, rivelano la presenza di modificazioni chaiaramente visibili della morfologia dell'epitelio delle tube durante il ciclo estrale, espresse diversamente nei vari segmenti tubarici.

Ulteriori studi sono necessari per definire se il basso grado di variazione cellulare riscontrato in corrispondenza dell'UTJ e dell'istmo caudale sia causato da specifiche concentrazioni ormonali o meccanismi regolatori associati a specifiche proprietà funzionali, quali la formazione di un serbatoio locale di spermatozoi.



"Morphological Changes and Proliferative Activity in the Oviductal Epithelium during Hormonally Defined Stages of the Oestrous Cycle in the Bitch" Steinhauer, N, Boos, A & Günzel-Apel, A-R. Reproduction in Domestic Animals 2004;39(2):110-119



Maria Grazia Monzeglio DVM PhD
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Letto 377 volte

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.