Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 6423 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Lunedì, 07 Luglio 2014

Longevità e mortalità del gatto: ruolo dei fattori di rischio demografici

  • Durata della vita mediana complessiva pari a 14 anni, maggiore negli incroci e nei soggetti deceduti dopo i 5 anni con peso corporeo inferiore e sterilizzati
Vota questo articolo
(0 Voti)
Longevità e mortalità del gatto: ruolo dei fattori di rischio demograficiUna migliore conoscenza della longevità e mortalità dei gatti potrebbe migliorare la riproduzione, l'allevamento, le cure cliniche e le strategie di prevenzione delle malattie in questa specie. Il database di ricerca VetCompass sui dati relativi alle strutture veterinarie primarie nel Regno Unito raccoglie le informazioni sulla salute degli animali da compagnia. Uno studio ha caratterizzato la longevità e la mortalità dei gatti e identificato i fattori di rischio demografici che influenzavano la compromissione della longevità.

Si ipotizzava che i gatti meticci fossero più longevi dei gatti di razza pura. Mediante statistiche descrittive si caratterizzavano i gatti deceduti. L'analisi di regressione multivariata analizzava i fattori di rischio associati alla longevità nei gatti che decedevano a 5 anni di età o più. Su 118.016 gatti facenti riferimento a 90 strutture veterinarie in Inghilterra, si sceglievano a caso 4009 soggetti con decesso confermato per sottoporli a uno studio dettagliato.

La caratterizzazione demografica mostrava che 3660 (91,7%) erano incroci, 2009 (50,7%) erano femmine e 2599 (64,8%) erano sterilizzati. Le cause più frequentemente attribuite alla mortalità nei gatti di tutte le età erano i traumi (12,2%), le nefropatie (12,1%), malattie non specifiche (11,2%), neoplasie (10.8%) e masse (10,2%).

La longevità mediana complessiva era di 14 anni (range interquartile [IQR] 9,0-17,0; range 0,0-26,7). Gli incroci avevano una longevità mediana maggiore rispetto ai gatti di razza pura ([IQR] mediano 14,0 anni [9,1-17,0] vs 12,5 anni [6,1-16,4]; P <0.001), ma singole razze feline avevano longevità sostanzialmente variabili.

Nei gatti che morivano a un'età di 5 anni o più (n = 3360), il fatto di essere incroci, di aver un peso corporeo inferiore e di essere sterilizzati e non assicurati era associato a una maggiore longevità.



“Longevity and mortality of cats attending primary care veterinary practices in England.” O'Neill DG, Church DB, McGreevy PD, Thomson PC, Brodbelt DC. J Feline Med Surg. 2014 Jun 12. [Epub ahead of print]



Maria Grazia Monzeglio Med Vet PhD
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Longevità e mortalità del gatto: ruolo dei fattori di rischio demograficiUna migliore conoscenza della longevità e mortalità dei gatti potrebbe migliorare la riproduzione, l'allevamento, le cure cliniche e le strategie di prevenzione delle malattie in questa specie. Il database di ricerca VetCompass sui dati relativi alle strutture veterinarie primarie nel Regno Unito raccoglie le informazioni sulla salute degli animali da compagnia. Uno studio ha caratterizzato la longevità e la mortalità dei gatti e identificato i fattori di rischio demografici che influenzavano la compromissione della longevità.

Si ipotizzava che i gatti meticci fossero più longevi dei gatti di razza pura. Mediante statistiche descrittive si caratterizzavano i gatti deceduti. L'analisi di regressione multivariata analizzava i fattori di rischio associati alla longevità nei gatti che decedevano a 5 anni di età o più. Su 118.016 gatti facenti riferimento a 90 strutture veterinarie in Inghilterra, si sceglievano a caso 4009 soggetti con decesso confermato per sottoporli a uno studio dettagliato.

La caratterizzazione demografica mostrava che 3660 (91,7%) erano incroci, 2009 (50,7%) erano femmine e 2599 (64,8%) erano sterilizzati. Le cause più frequentemente attribuite alla mortalità nei gatti di tutte le età erano i traumi (12,2%), le nefropatie (12,1%), malattie non specifiche (11,2%), neoplasie (10.8%) e masse (10,2%).

La longevità mediana complessiva era di 14 anni (range interquartile [IQR] 9,0-17,0; range 0,0-26,7). Gli incroci avevano una longevità mediana maggiore rispetto ai gatti di razza pura ([IQR] mediano 14,0 anni [9,1-17,0] vs 12,5 anni [6,1-16,4]; P <0.001), ma singole razze feline avevano longevità sostanzialmente variabili.

Nei gatti che morivano a un'età di 5 anni o più (n = 3360), il fatto di essere incroci, di aver un peso corporeo inferiore e di essere sterilizzati e non assicurati era associato a una maggiore longevità.



“Longevity and mortality of cats attending primary care veterinary practices in England.” O'Neill DG, Church DB, McGreevy PD, Thomson PC, Brodbelt DC. J Feline Med Surg. 2014 Jun 12. [Epub ahead of print]



Maria Grazia Monzeglio Med Vet PhD
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Letto 2150 volte

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.