Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 6423 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Venerdì, 20 Giugno 2014

Residui di farmaci veterinari e altre sostanze negli animali

  • Pubblicata la relazione EFSA relativa ai dati del 2012
Vota questo articolo
(0 Voti)
Residui di farmaci veterinari e altre sostanze negli animali L’EFSA ha pubblicato una relazione sulla presenza di residui di medicinali veterinari e altre sostanze negli animali vivi e nei loro prodotti nella UE sulla base dei dati raccolti nel 2012. I 27 Stati membri hanno fornito alla Commissione europea in totale 772.540 campioni, dei quali 427.193 mirati e 23.102 sospetti.

La percentuale di campioni mirati non conformi (al di sopra dei limiti massimi) (0,25%) era lievemente inferiore a quella dei 5 anni precedenti (0,28 – 0,34 %). Nel 2012 è stata riscontrata una frequenza minore di campioni non conformi per agenti antitiroidei, steroidi, lattoni dell’acido resorciclico, antibatterici, anticoccidi, carbamati e piretroidi, rispetto ai 5 anni precedenti.

La percentuale di campioni non conformi relativi aegli elementi chimici (soprattutto metalli) nel 2012 era superiore rispetto agli anni 2007, 2008 e 2009 e inferiore agli anni 2010 e 2011. Per gli altri gruppi di sostanze non vi erano variazioni degne di nota negli ultimi 6 anni.

L'analisi tuttavia è caratterizzata da un certo grado di incertezza perché basata su dati parzialmente aggregati e perché i piani di campionamento e lo spettro di sostanze analizzate non sono necessariamente gli stessi ogni anno.


“Report for 2012 on the results from the monitoring of veterinary medicinal product residues and other substances in live animals and animal products” EFSA 13 giugno 2014-06-20




Maria Grazia Monzeglio Med Vet PhD
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Residui di farmaci veterinari e altre sostanze negli animali L’EFSA ha pubblicato una relazione sulla presenza di residui di medicinali veterinari e altre sostanze negli animali vivi e nei loro prodotti nella UE sulla base dei dati raccolti nel 2012. I 27 Stati membri hanno fornito alla Commissione europea in totale 772.540 campioni, dei quali 427.193 mirati e 23.102 sospetti.

La percentuale di campioni mirati non conformi (al di sopra dei limiti massimi) (0,25%) era lievemente inferiore a quella dei 5 anni precedenti (0,28 – 0,34 %). Nel 2012 è stata riscontrata una frequenza minore di campioni non conformi per agenti antitiroidei, steroidi, lattoni dell’acido resorciclico, antibatterici, anticoccidi, carbamati e piretroidi, rispetto ai 5 anni precedenti.

La percentuale di campioni non conformi relativi aegli elementi chimici (soprattutto metalli) nel 2012 era superiore rispetto agli anni 2007, 2008 e 2009 e inferiore agli anni 2010 e 2011. Per gli altri gruppi di sostanze non vi erano variazioni degne di nota negli ultimi 6 anni.

L'analisi tuttavia è caratterizzata da un certo grado di incertezza perché basata su dati parzialmente aggregati e perché i piani di campionamento e lo spettro di sostanze analizzate non sono necessariamente gli stessi ogni anno.


“Report for 2012 on the results from the monitoring of veterinary medicinal product residues and other substances in live animals and animal products” EFSA 13 giugno 2014-06-20




Maria Grazia Monzeglio Med Vet PhD
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 659 volte

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.