Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 6423 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Venerdì, 02 Maggio 2014

Patologie di arti superiori e collo nei veterinari

  • Collo e spalla più spesso interessati da disordini muscolocheletrici. Incidenti più frequenti a mano e polso
Vota questo articolo
(0 Voti)
Patologie di arti superiori e collo nei veterinariLa professione veterinaria è un'occupazione fisicamente impegnativa che comporta il rischio di lesioni e patologie dell'apparato muscoloscheletrico, soprattutto della parte superiore del corpo. Uno studio effettuato in Germania ha indagato la prevalenza dei disordini muscoloscheletrici (MSD), le conseguenze e gli incidenti correlati al lavoro nei medici veterinari. Si analizzavano i fattori correlati all'attività lavorativa e individuali associati a MSD delle estremità superiori e del collo.

Si analizzavano i risultati di un questionario somministrato ai veterinari iscritti a 7 associazioni mediche federali tedesche. Rispondevano in totale 3174 veterinari (38,4%). Si utilizzava l'analisi di regressione logistica per determinare l'associazione tra fattori di rischio e impedimento dell'attività quotidiana correlati a MSD.

Erano più prevalenti gli MSD di collo (66,6%) e spalla (60,5%), rispetto a mano (34,5%) e gomito (24,5%). Le attività normali erano influenzate da tali problemi nel 28,7% (collo), 29,5% (spalla), 19,4% (mano) e 14% (gomito) dei rispondenti. Gli MSD della parte superiore del corpo si verificavano significativamente più spesso nei veterinari pratici per grossi animali.

Gli incidenti causa di MSD erano più frequenti in mano/polso (14,3%) o spalla (10,8%). La maggior parte degli incidenti alle estremità distali degli arti superiori erano causate dagli animali, rispetto ad altri fattori (19% vs. 9,2%).

Per ciascuna area del corpo, un insieme specifico di fattori individuali e correlati all'attività lavorativa contribuiva significativamente all'insorgenza di MSD gravi: età maggiore, sesso, lesioni precedenti, BMI, tipo di attività pratica, procedure veterinarie quali quelle odontoiatriche, rettali e ostetriche, così come impegno elevato ed esaurimento personale.

Dalla prospettiva della salute e della sicurezza occupazionale, sembra essere necessario migliorare la prevenzione degli incidenti e ottimizzare gli aspetti ergonomici di attività specifiche. I dati dello studio suggeriscono la necessità di misure preventive specifiche per i diversi gruppi professionali che si focalizzino anche sui fattori psicologici della professione, concludono gli autori.


“Self-reported musculoskeletal disorders of the distal upper extremities and the neck in German veterinarians: a cross-sectional study.” Kozak A, Schedlbauer G, Peters C, Nienhaus A. PLoS One. 2014 Feb 19; 9 (2)


Maria Grazia Monzeglio Med Vet PhD
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Patologie di arti superiori e collo nei veterinariLa professione veterinaria è un'occupazione fisicamente impegnativa che comporta il rischio di lesioni e patologie dell'apparato muscoloscheletrico, soprattutto della parte superiore del corpo. Uno studio effettuato in Germania ha indagato la prevalenza dei disordini muscoloscheletrici (MSD), le conseguenze e gli incidenti correlati al lavoro nei medici veterinari. Si analizzavano i fattori correlati all'attività lavorativa e individuali associati a MSD delle estremità superiori e del collo.

Si analizzavano i risultati di un questionario somministrato ai veterinari iscritti a 7 associazioni mediche federali tedesche. Rispondevano in totale 3174 veterinari (38,4%). Si utilizzava l'analisi di regressione logistica per determinare l'associazione tra fattori di rischio e impedimento dell'attività quotidiana correlati a MSD.

Erano più prevalenti gli MSD di collo (66,6%) e spalla (60,5%), rispetto a mano (34,5%) e gomito (24,5%). Le attività normali erano influenzate da tali problemi nel 28,7% (collo), 29,5% (spalla), 19,4% (mano) e 14% (gomito) dei rispondenti. Gli MSD della parte superiore del corpo si verificavano significativamente più spesso nei veterinari pratici per grossi animali.

Gli incidenti causa di MSD erano più frequenti in mano/polso (14,3%) o spalla (10,8%). La maggior parte degli incidenti alle estremità distali degli arti superiori erano causate dagli animali, rispetto ad altri fattori (19% vs. 9,2%).

Per ciascuna area del corpo, un insieme specifico di fattori individuali e correlati all'attività lavorativa contribuiva significativamente all'insorgenza di MSD gravi: età maggiore, sesso, lesioni precedenti, BMI, tipo di attività pratica, procedure veterinarie quali quelle odontoiatriche, rettali e ostetriche, così come impegno elevato ed esaurimento personale.

Dalla prospettiva della salute e della sicurezza occupazionale, sembra essere necessario migliorare la prevenzione degli incidenti e ottimizzare gli aspetti ergonomici di attività specifiche. I dati dello studio suggeriscono la necessità di misure preventive specifiche per i diversi gruppi professionali che si focalizzino anche sui fattori psicologici della professione, concludono gli autori.


“Self-reported musculoskeletal disorders of the distal upper extremities and the neck in German veterinarians: a cross-sectional study.” Kozak A, Schedlbauer G, Peters C, Nienhaus A. PLoS One. 2014 Feb 19; 9 (2)


Maria Grazia Monzeglio Med Vet PhD
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 724 volte

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.