Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 6423 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Lunedì, 03 Marzo 2014

Incidenza delle lesioni dovute a morsi di animali nell’uomo

  • Morsi di cane più frequenti nei bambini di età inferiore a 14 anni, morsi e graffi di gatto più comuni nelle persone anziane, in uno studio statale americano
Vota questo articolo
(0 Voti)
Incidenza delle lesioni dovute a morsi di animali nell’uomoUno studio retrospettivo ha determinato l’incidenza nell’uomo delle lesioni dovute a morsi di animali mediante utilizzo dei dati relativi alle visite presso un dipartimento statale di emergenza, ha valutato il tasso di incidenza di tali lesioni sulla base di età, sesso, urbanicità, specie responsabili dei morsi e mese per le diverse specie e ha caratterizzato le visite correlate ai morsi presso il dipartimento. Il campione era costituito da 38.971 cartelle cliniche relative a visite correlate a morsi di animali presso il dipartimento di emergenza dello stato del North Carolina da 2008 al 2010.

All’età di 10 anni, un bambino dello stato aveva un rischio di 1 su 50 di subire un morso di cane che richiedeva una visita presso il dipartimento d’emergenza. L’incidenza delle morsicature di cane era maggiore nei bambini di età ≤ 14 anni, mentre l’incidenza dei morsi e graffi di gatto era maggiore tra gli individui di età > 79 anni. Il rischio di lesioni da morso o graffio di gatto richiedente una visita presso il dipartimento di emergenza era di 1 su 60 nella popolazione studiata. Si somministrava la profilassi post-esposizione per la rabbia durante 1664 visite su 38.971 (4,3%).

In questo studio si utilizzavano i dati di sorveglianza di un dipartimento di emergenza per monitorare l’incidenza di incidenti da morsicatura specie-specifici a livello statale e in varie sottopopolazioni. I dati di sorveglianza di un dipartimento di emergenza possono essere particolarmente utili per i veterinari della sanità pubblica, osservano gli autori. I risultati possono fornire informazioni e rinnovare l’interesse verso sforzi mirati di prevenzione delle morsicature di animali, concludono gli autori.



“Use of statewide emergency department surveillance data to assess incidence of animal bite injuries among humans in North Carolina” Sarah K. Rhea, David J. Weber, Charles Poole, Anna E. Waller, Amy I. Ising, Carl Williams. Journal of the American Veterinary Medical Association. March 1, 2014, Vol. 244, No. 5, Pages 597-603



Maria Grazia Monzeglio Med Vet PhD
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Incidenza delle lesioni dovute a morsi di animali nell’uomoUno studio retrospettivo ha determinato l’incidenza nell’uomo delle lesioni dovute a morsi di animali mediante utilizzo dei dati relativi alle visite presso un dipartimento statale di emergenza, ha valutato il tasso di incidenza di tali lesioni sulla base di età, sesso, urbanicità, specie responsabili dei morsi e mese per le diverse specie e ha caratterizzato le visite correlate ai morsi presso il dipartimento. Il campione era costituito da 38.971 cartelle cliniche relative a visite correlate a morsi di animali presso il dipartimento di emergenza dello stato del North Carolina da 2008 al 2010.

All’età di 10 anni, un bambino dello stato aveva un rischio di 1 su 50 di subire un morso di cane che richiedeva una visita presso il dipartimento d’emergenza. L’incidenza delle morsicature di cane era maggiore nei bambini di età ≤ 14 anni, mentre l’incidenza dei morsi e graffi di gatto era maggiore tra gli individui di età > 79 anni. Il rischio di lesioni da morso o graffio di gatto richiedente una visita presso il dipartimento di emergenza era di 1 su 60 nella popolazione studiata. Si somministrava la profilassi post-esposizione per la rabbia durante 1664 visite su 38.971 (4,3%).

In questo studio si utilizzavano i dati di sorveglianza di un dipartimento di emergenza per monitorare l’incidenza di incidenti da morsicatura specie-specifici a livello statale e in varie sottopopolazioni. I dati di sorveglianza di un dipartimento di emergenza possono essere particolarmente utili per i veterinari della sanità pubblica, osservano gli autori. I risultati possono fornire informazioni e rinnovare l’interesse verso sforzi mirati di prevenzione delle morsicature di animali, concludono gli autori.



“Use of statewide emergency department surveillance data to assess incidence of animal bite injuries among humans in North Carolina” Sarah K. Rhea, David J. Weber, Charles Poole, Anna E. Waller, Amy I. Ising, Carl Williams. Journal of the American Veterinary Medical Association. March 1, 2014, Vol. 244, No. 5, Pages 597-603



Maria Grazia Monzeglio Med Vet PhD
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 1880 volte

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.