Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 6457 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Mercoledì, 23 Aprile 2003

Prevenire la trasmissione zoonosica di ascaridi e ancilostomi del cane del gatto

  • Linee guida per il veterinario.
Vota questo articolo
(0 Voti)
Prevenire la trasmissione zoonosica di ascaridi e ancilostomi del cane  del gattoConsiderata l'importanza strategica della figura professionale del veterinario nella prevenzione delle zoonosi, l'americano CDC (Center for Disease Control and Prevention), insieme alla AAVP (American Association of Veterinary Parasitologists), ha compilato un report sulle informazioni utili al veterinario quale elemento chiave della lotta alle infestazioni da ascaridi e ancilostomi nell'uomo.

I fattori di rischio per l'uomo sono la presenza di cani, soprattutto cuccioli, nell'ambiente domestico e la pica. I bambini, per le loro abitudini di gioco e per l'attrazione verso gli animali, sono esposti a un rischio maggiore rispetto agli adulti.

Il reale numero di casi di larva migrans nell'uomo è sconosciuto, tuttavia ogni anno si diagnosticano nuovi casi nella popolazione umana. Una recente indagine americana nei canili ha evidenziato che il 36% dei cani su base nazionale ospita elminti in grado di provocare malattia nell'uomo.

La maggior parte delle infestazioni da ascaridi e ancilostomi dell'uomo può essere prevenuta con una buona igiene personale ed eliminando i parassiti intestinali dai cani e gatti con un regolare trattamento antielmintico, oltreché proibendo l'accesso dei bambini ai luoghi potenzialmente contaminati (es. recinti con sabbia non protetti). Molto importante è anche l'eliminazione frequente delle feci animali dall'ambiente per evitare la disseminazione delle uova potenzialmente infettanti.

Molti proprietari non sanno che i loro animali possono ospitare vermi che possono infestare l'uomo. Per questo, il veterinario può svolgere un utile servizio pubblico raccomandando il regolare esame delle feci, effettuando il trattamento antielmintico nei tempi appropriati, informando il proprietario sui rischi per la salute pubblica e sulle misure preventive esistenti in merito.
Prevenire la trasmissione zoonosica di ascaridi e ancilostomi del cane  del gattoConsiderata l'importanza strategica della figura professionale del veterinario nella prevenzione delle zoonosi, l'americano CDC (Center for Disease Control and Prevention), insieme alla AAVP (American Association of Veterinary Parasitologists), ha compilato un report sulle informazioni utili al veterinario quale elemento chiave della lotta alle infestazioni da ascaridi e ancilostomi nell'uomo.

I fattori di rischio per l'uomo sono la presenza di cani, soprattutto cuccioli, nell'ambiente domestico e la pica. I bambini, per le loro abitudini di gioco e per l'attrazione verso gli animali, sono esposti a un rischio maggiore rispetto agli adulti.

Il reale numero di casi di larva migrans nell'uomo è sconosciuto, tuttavia ogni anno si diagnosticano nuovi casi nella popolazione umana. Una recente indagine americana nei canili ha evidenziato che il 36% dei cani su base nazionale ospita elminti in grado di provocare malattia nell'uomo.

La maggior parte delle infestazioni da ascaridi e ancilostomi dell'uomo può essere prevenuta con una buona igiene personale ed eliminando i parassiti intestinali dai cani e gatti con un regolare trattamento antielmintico, oltreché proibendo l'accesso dei bambini ai luoghi potenzialmente contaminati (es. recinti con sabbia non protetti). Molto importante è anche l'eliminazione frequente delle feci animali dall'ambiente per evitare la disseminazione delle uova potenzialmente infettanti.

Molti proprietari non sanno che i loro animali possono ospitare vermi che possono infestare l'uomo. Per questo, il veterinario può svolgere un utile servizio pubblico raccomandando il regolare esame delle feci, effettuando il trattamento antielmintico nei tempi appropriati, informando il proprietario sui rischi per la salute pubblica e sulle misure preventive esistenti in merito.
Letto 1258 volte

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.