Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 6457 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Mercoledì, 30 Aprile 2003

Vaccinazione di tutti i cavalli contro il West Nile virus in Colorado

  • La Colorado State University rilascia i risultati di uno studio statale sull'infezione equina.
Vota questo articolo
(0 Voti)
Vaccinazione di tutti i cavalli contro il West Nile virus in ColoradoE' fortemente consigliata a tutti i proprietari di cavalli del Colorado e Nebraska la vaccinazione contro l'infezione da West Nile virus dei loro animali: queste le conclusioni di uno studio del College of Veterinary Medicine and Biomedical Sciences, Colorado State University, Fort Collins, sull'infezione equina da West Nile virus in questi due stati.

Nello studio, lo sviluppo e la gravità della malattia sembrano correlarsi direttamente al mancato o inappropriato protocollo vaccinale dei pazienti.

Lo studio considera 500 cavalli che hanno contratto il West Nile virus nel periodo settembre-dicembre 2002 in Colorado e Nebraska.

Dei 500 cavalli esaminati, solo 13 avevano ricevuto un ciclo vaccinale corretto contro l'infezione, ovvero due dosi di vaccino a distanza di 3-6 settimane, con la seconda dose somministrata almeno 4 settimane prima dell'esposizione alla malattia (tempo adeguato per la protezione da una possibile esposizione al virus).

Il 47% dei cavalli infetti aveva ricevuto almeno una dose di vaccino prima del'infezione, il 3% è stato vaccinato solo dopo la comparsa dei segni clinici di malattia, mentre il 50% non è stato vaccinato.

I 12 cavalli vaccinati in modo completo sono tutti sopravvissuti.

Il tasso di mortalità dei cavalli affetti era pari al 28,6%, come in altri stati americani. La mortalità tra i cavalli vaccinati almeno una volta prima dei sintomi era pari al 20,3%, rispetto al 36,6% di quelli non vaccinati.
Vaccinazione di tutti i cavalli contro il West Nile virus in ColoradoE' fortemente consigliata a tutti i proprietari di cavalli del Colorado e Nebraska la vaccinazione contro l'infezione da West Nile virus dei loro animali: queste le conclusioni di uno studio del College of Veterinary Medicine and Biomedical Sciences, Colorado State University, Fort Collins, sull'infezione equina da West Nile virus in questi due stati.

Nello studio, lo sviluppo e la gravità della malattia sembrano correlarsi direttamente al mancato o inappropriato protocollo vaccinale dei pazienti.

Lo studio considera 500 cavalli che hanno contratto il West Nile virus nel periodo settembre-dicembre 2002 in Colorado e Nebraska.

Dei 500 cavalli esaminati, solo 13 avevano ricevuto un ciclo vaccinale corretto contro l'infezione, ovvero due dosi di vaccino a distanza di 3-6 settimane, con la seconda dose somministrata almeno 4 settimane prima dell'esposizione alla malattia (tempo adeguato per la protezione da una possibile esposizione al virus).

Il 47% dei cavalli infetti aveva ricevuto almeno una dose di vaccino prima del'infezione, il 3% è stato vaccinato solo dopo la comparsa dei segni clinici di malattia, mentre il 50% non è stato vaccinato.

I 12 cavalli vaccinati in modo completo sono tutti sopravvissuti.

Il tasso di mortalità dei cavalli affetti era pari al 28,6%, come in altri stati americani. La mortalità tra i cavalli vaccinati almeno una volta prima dei sintomi era pari al 20,3%, rispetto al 36,6% di quelli non vaccinati.

Letto 484 volte

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.