Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 6315 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Venerdì, 11 Aprile 2003

Nuove linee guida dell'AAHA per i protocolli vaccinali del cane

  • Un resoconto della task force per i protocolli vaccinali presentato al 70° meeting annuale AAHA (Phoenix, Marzo 2003).
Vota questo articolo
(0 Voti)
Nuove linee guida dell'AAHA per i protocolli vaccinali del caneDovrebbero essere utilizzate per sviluppare il protocollo vaccinale adeguato per ciascun singolo animale, le linee guida rilasciate dalla AAHA Canine Vaccine Task Force. L'intento, infatti, di queste nuove raccomandazioni in materia di vaccinazioni non è quello di indicare uno schema vaccinale unico valido per tutti i soggetti, ma di spingere il veterinario ad una valutazione più soggettiva del paziente.

Uno dei fattori riconsiderati dalle linee guida è la necessità del richiamo annuale. La gamma completa dei vaccini per il cane è stata suddivisa in tre categorie: vaccini "core" triennali, vaccini "non core" annuali secondo discrezione del medico e vaccini non raccomandati.

Negli ultimi tempi si è alzato il livello di attenzione verso i possibili effetti avversi dei principali vaccini, tra cui malattie cutanee, reazioni allergiche e malattie autoimmuni.

Secondo le nuove linee guida, i vaccini "core" che proteggono verso malattie pericolose come rabbia, parvovirus-2, cimurro e adenovirus-2, sono essenziali per tutti i cani, ma non per tutti è necessario il richiamo annuale. L'indicazione è di vaccinare contro la rabbia ogni tre anni e contro le altre malattie non più frequentemente di ogni 3 anni.

Altri vaccini "non core" inducono un'immunità più breve, di circa un anno, ma molti cani non ne necessitano perchè non sono esposti al rischio d'infezione.

Nelle linee guida, oltre ad una revisione delle caratteristiche immunologiche della risposta vaccinale e ad una prospettiva storica dei protocolli attualmente in uso, si forniscono numerose informazioni di supporto al veterinario nel costruire lo schema individuale.

Il resoconto completo di queste linee guida è contenuto nel numero di marzo/aprile del Journal of the American Animal Hospital Association.




Nuove linee guida dell'AAHA per i protocolli vaccinali del caneDovrebbero essere utilizzate per sviluppare il protocollo vaccinale adeguato per ciascun singolo animale, le linee guida rilasciate dalla AAHA Canine Vaccine Task Force. L'intento, infatti, di queste nuove raccomandazioni in materia di vaccinazioni non è quello di indicare uno schema vaccinale unico valido per tutti i soggetti, ma di spingere il veterinario ad una valutazione più soggettiva del paziente.

Uno dei fattori riconsiderati dalle linee guida è la necessità del richiamo annuale. La gamma completa dei vaccini per il cane è stata suddivisa in tre categorie: vaccini "core" triennali, vaccini "non core" annuali secondo discrezione del medico e vaccini non raccomandati.

Negli ultimi tempi si è alzato il livello di attenzione verso i possibili effetti avversi dei principali vaccini, tra cui malattie cutanee, reazioni allergiche e malattie autoimmuni.

Secondo le nuove linee guida, i vaccini "core" che proteggono verso malattie pericolose come rabbia, parvovirus-2, cimurro e adenovirus-2, sono essenziali per tutti i cani, ma non per tutti è necessario il richiamo annuale. L'indicazione è di vaccinare contro la rabbia ogni tre anni e contro le altre malattie non più frequentemente di ogni 3 anni.

Altri vaccini "non core" inducono un'immunità più breve, di circa un anno, ma molti cani non ne necessitano perchè non sono esposti al rischio d'infezione.

Nelle linee guida, oltre ad una revisione delle caratteristiche immunologiche della risposta vaccinale e ad una prospettiva storica dei protocolli attualmente in uso, si forniscono numerose informazioni di supporto al veterinario nel costruire lo schema individuale.

Il resoconto completo di queste linee guida è contenuto nel numero di marzo/aprile del Journal of the American Animal Hospital Association.




Letto 577 volte

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.