Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 6770 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Mercoledì, 28 Novembre 2007

Malattia di Lyme: diverse specie serbatoio

  • Più specie di invertebrati possono trasmettere efficacemente la Borrelia alle zecche
Vota questo articolo
(0 Voti)

Malattia di Lyme: diverse specie serbatoioIn Europa sono stati identificati numerosi ospiti serbatoio dell’agente della malattia di Lyme (Borrelia burgdorferi sensu stricto), tra cui una dozzina di roditori e alcuni ucceli. Negli Stati Uniti la specie serbatoio dominante è considerata il topo. Secondo un nuovo studio tutavia, anche negli USA importanza assimilabile quali serbatoi di B. burgdoferi hanno altre specie animali, in particolare due specie di toporagno. Il tamia (scoiattolo nordamericano, chipmunk) gioca poi un ruolo di supporto. La lotta alla malattia di Lyme dovrebbe quindi tenere conto anche di queste possibili specie serbatoio della malattia.

La Borrelia è trasmessa all’uomo dalla zecca che, nella maggioranza dei casi, si infetta allo stadio di larva quando compie il pasto di sangue sul topo. Tuttavia altri animali che trasmettono meno efficacemente il batterio alla zecca possono comunque diffondere la malattia quando sono numerosi o se morsi da un elevato numero di zecche.

Lo studio condotto negli Stati Uniti ha riscontrato che il topo dai piedi bianchi è responsabile solo di un quarto del numero totale delle zecche infette. Il toporagno a coda corta e mascherato erano responsabili di un altro quarto ciascuno e i tamia del 13%. Ciò significa, secondo gli autori, che il topo non è l’ospite dominante della malattia di Lyme e che le strategie vaccinali mirate soltanto a quest’ultima specie non possono ottenere il controllo della malattia.



“Conspicuous impacts of inconspicuous hosts on the Lyme disease epidemic” Dustin Brisson, Daniel E. Dykhuizen, Richard S. Ostfeld Proc. Royal Ac Scie, November 20, 2007. Articolo full text disponibile nel pdf allegato





Maria Grazia Monzeglio Med Vet PhD
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Malattia di Lyme: diverse specie serbatoioIn Europa sono stati identificati numerosi ospiti serbatoio dell’agente della malattia di Lyme (Borrelia burgdorferi sensu stricto), tra cui una dozzina di roditori e alcuni ucceli. Negli Stati Uniti la specie serbatoio dominante è considerata il topo. Secondo un nuovo studio tutavia, anche negli USA importanza assimilabile quali serbatoi di B. burgdoferi hanno altre specie animali, in particolare due specie di toporagno. Il tamia (scoiattolo nordamericano, chipmunk) gioca poi un ruolo di supporto. La lotta alla malattia di Lyme dovrebbe quindi tenere conto anche di queste possibili specie serbatoio della malattia.

La Borrelia è trasmessa all’uomo dalla zecca che, nella maggioranza dei casi, si infetta allo stadio di larva quando compie il pasto di sangue sul topo. Tuttavia altri animali che trasmettono meno efficacemente il batterio alla zecca possono comunque diffondere la malattia quando sono numerosi o se morsi da un elevato numero di zecche.

Lo studio condotto negli Stati Uniti ha riscontrato che il topo dai piedi bianchi è responsabile solo di un quarto del numero totale delle zecche infette. Il toporagno a coda corta e mascherato erano responsabili di un altro quarto ciascuno e i tamia del 13%. Ciò significa, secondo gli autori, che il topo non è l’ospite dominante della malattia di Lyme e che le strategie vaccinali mirate soltanto a quest’ultima specie non possono ottenere il controllo della malattia.



“Conspicuous impacts of inconspicuous hosts on the Lyme disease epidemic” Dustin Brisson, Daniel E. Dykhuizen, Richard S. Ostfeld Proc. Royal Ac Scie, November 20, 2007. Articolo full text disponibile nel pdf allegato





Maria Grazia Monzeglio Med Vet PhD
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Il contenuto completo è libero e gratuito per gli ISCRITTI. Accedi da questo link.

Scritto da
Super User

Letto 590 volte

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.