Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 7700 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Venerdì, 11 Luglio 2003

L'homo sapiens ha 160.000 anni ed ha radici africane

  • Ritrovati i più antichi fossili di nostri antenanti diretti.
Vota questo articolo
(0 Voti)

L'homo sapiens ha 160.000 anni ed ha radici africaneSono stati rinvenuti in Etiopia i più antichi fossili mai ritrovati di nostri antenati diretti: si tratta di tre crani di Homo sapiens, due adulti e un bambino, che datano 160.000 anni fa. La scoperta obbliga a un salto indietro nello stabilire l'età dell'Homo sapiens, e inoltre rafforza la tesi della radici africane dell'umanità. Le forme umane moderne sarebbero emerse in Africa assai prima della scomparsa dei Neanderthal dall'Eurasia, escludendo la nostra discendenza da quella specie.


I dati della scoperta, firmata dall'antropologo americano Tim White e pubblicata su Nature, coincidono perfettamente, sia nelle date che nei luoghi, con i risultati degli studi genetici. Il rinvenimento colma un divario nella sequenza dei fossili della nostra evoluzione recente, una delle fasi più contestate della preistoria umana.

Per leggere l’articolo completo devi fare login con i tuoi codici EGO.

Scritto da
Super User

Letto 975 volte Ultima modifica il Martedì, 22 Febbraio 2022 19:19

vetchannel.jpg

eveditoria Editoria Scientifica

0
Shares
0
Shares