Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 7700 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Lunedì, 27 Luglio 2015

Evoluzione dei difetti del setto ventricolare nel cane e nel gatto

  • Difetti isolati spesso subclinici e con tempo di sopravvivenza prolungato
Vota questo articolo
(0 Voti)

Evoluzione dei difetti del setto ventricolare nel cane e nel gattoUno studio retrospettivo ha determinato il segnalamento, gli aspetti clinici ed ecocardiografici e l’esito dei difetti del setto ventricolare (VSD) diagnosticati mediante ecocardiografia convenzionale e Doppler in 56 cani e 53 gatti.

I VSD erano isolati (difetti solitari) in 53 pazienti su 109 (48,6%). La maggior parte dei VSD (82/109 [75,2%]) erano membranosi o perimembranosi. Le razze canine comunemente presenti erano i Terrier e i Bulldog francesi.

La maggior parte dei VSD isolati erano subclinici (43/53 [81%]) e avevano un rapporto flusso polmonare:sistemico < 1,5 (24/32 [75%]). Il diametro del VSD e il rapporto diametro VSD:diametro aortico erano significativamente correlati al rapporto flusso polmonare:sistemico nel cane (r = 0,529 e r = 0,689, rispettivamente) e nel gatto (r = 0,713 e r = 0,829, rispettivamente).

Un soggetto veniva sottoposto a riparazione chirurgica a cielo aperto di un VSD e veniva escluso dall’analisi della sopravvivenza. Dei restanti soggetti con VSD isolati per i quali erano disponibili dati (37/52 [71%]), nessun soggetto con malattia subclinica sviluppava segni clinici dopo la diagnosi iniziale e l’età mediana alla morte per tutte le cause era di 12 anni.

La maggior parte dei cani e gatti con VSD isolati aveva un tempo di sopravvivenza prolungato, pochi mostravano segni clinici al momento della diagnosi e nessun soggetto con follow-up sviluppava segni clinici dopo la diagnosi, concludono gli autori.


“Signalment, clinical features, echocardiographic findings, and outcome of dogs and cats with ventricular septal defects: 109 cases (1992–2013)” Eric Bomassi, et al. J Am Vet Med Assoc 2015; 247: 166–175



Maria Grazia Monzeglio Med Vet PhD
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Evoluzione dei difetti del setto ventricolare nel cane e nel gattoUno studio retrospettivo ha determinato il segnalamento, gli aspetti clinici ed ecocardiografici e l’esito dei difetti del setto ventricolare (VSD) diagnosticati mediante ecocardiografia convenzionale e Doppler in 56 cani e 53 gatti. I VSD erano isolati (difetti solitari) in 53 pazienti su 109 (48,6%). La maggior parte dei VSD (82/109 [75,2%]) erano membranosi o perimembranosi. Le razze canine comunemente presenti erano i Terrier e i Bulldog francesi.

La maggior parte dei VSD isolati erano subclinici (43/53 [81%]) e avevano un rapporto flusso polmonare:sistemico < 1,5 (24/32 [75%]). Il diametro del VSD e il rapporto diametro VSD:diametro aortico erano significativamente correlati al rapporto flusso polmonare:sistemico nel cane (r = 0,529 e r = 0,689, rispettivamente) e nel gatto (r = 0,713 e r = 0,829, rispettivamente).

Un soggetto veniva sottoposto a riparazione chirurgica a cielo aperto di un VSD e veniva escluso dall’analisi della sopravvivenza. Dei restanti soggetti con VSD isolati per i quali erano disponibili dati (37/52 [71%]), nessun soggetto con malattia subclinica sviluppava segni clinici dopo la diagnosi iniziale e l’età mediana alla morte per tutte le cause era di 12 anni.

La maggior parte dei cani e gatti con VSD isolati aveva un tempo di sopravvivenza prolungato, pochi mostravano segni clinici al momento della diagnosi e nessun soggetto con follow-up sviluppava segni clinici dopo la diagnosi, concludono gli autori.


“Signalment, clinical features, echocardiographic findings, and outcome of dogs and cats with ventricular septal defects: 109 cases (1992–2013)” Eric Bomassi, et al. J Am Vet Med Assoc 2015; 247: 166–175



Maria Grazia Monzeglio Med Vet PhD
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Per leggere l’articolo completo devi fare login con i tuoi codici EGO.

Scritto da
Super User

Letto 1529 volte Ultima modifica il Lunedì, 03 Ottobre 2016 10:35

vetchannel.jpg

eveditoria Editoria Scientifica

0
Shares
0
Shares