Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 6457 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Lunedì, 02 Aprile 2012

Ecografia transrettale e transcutanea della pelvi equina

  • Efficace per la diagnosi delle fratture pelviche, in uno studio
Vota questo articolo
(0 Voti)
Ecografia transrettale e transcutanea della pelvi equinaI recenti progressi nella qualità e disponibilità delle tecniche di diagnostica per immagini consentono al clinico di diagnosticare le fratture nei cavalli con zoppia degli arti posteriori. Sono numerose le modalità di indagine di ausilio per la diagnosi delle fratture pelviche: radiologia, scintigrafia nucleare, tomografia computerizzata ed ecografia. L’ecografia è uno strumento diagnostico iniziale adeguato quando si sospetta una frattura pelvica; il suo utilizzo riduce molti dei rischi e delle complicazioni associati alla valutazione radiografica, scintigrafica a tomografica delle fratture pelviche ed è facilmente disponibile ai veterinari ippiatri.

Uno studio ha descritto in dettaglio l’indagine ecografica transrettale e transcutanea completa della pelvi equina. Il metodo si è rivelato efficace per la diagnosi delle fratture pelviche in una serie di 8 casi. L’ecografia transrettale era in grado di identificare efficacemente le fratture del piatto ischiatico, dell’acetabolo, del pube e dell’ileo. L’ecografia transcutanea identificava efficacemente le fratture dell’ileo, della rima acetabolare, del collo femorale, del grande trocantere e una frattura della fisi della testa femorale con sublussazione del femore.


“Procedure for the Transrectal and Transcutaneous Ultrasonographic Diagnosis of Pelvic Fractures in the Horse” Wade T. Walker, Natasha M. Werpy, Laurie R. Goodrich. Journal of Equine Veterinary Science. Volume 32, Issue 4 , Pages 222-230, April 2012


Maria Grazia Monzeglio Med Vet PhD
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Ecografia transrettale e transcutanea della pelvi equinaI recenti progressi nella qualità e disponibilità delle tecniche di diagnostica per immagini consentono al clinico di diagnosticare le fratture nei cavalli con zoppia degli arti posteriori. Sono numerose le modalità di indagine di ausilio per la diagnosi delle fratture pelviche: radiologia, scintigrafia nucleare, tomografia computerizzata ed ecografia. L’ecografia è uno strumento diagnostico iniziale adeguato quando si sospetta una frattura pelvica; il suo utilizzo riduce molti dei rischi e delle complicazioni associati alla valutazione radiografica, scintigrafica a tomografica delle fratture pelviche ed è facilmente disponibile ai veterinari ippiatri.

Uno studio ha descritto in dettaglio l’indagine ecografica transrettale e transcutanea completa della pelvi equina. Il metodo si è rivelato efficace per la diagnosi delle fratture pelviche in una serie di 8 casi. L’ecografia transrettale era in grado di identificare efficacemente le fratture del piatto ischiatico, dell’acetabolo, del pube e dell’ileo. L’ecografia transcutanea identificava efficacemente le fratture dell’ileo, della rima acetabolare, del collo femorale, del grande trocantere e una frattura della fisi della testa femorale con sublussazione del femore.


“Procedure for the Transrectal and Transcutaneous Ultrasonographic Diagnosis of Pelvic Fractures in the Horse” Wade T. Walker, Natasha M. Werpy, Laurie R. Goodrich. Journal of Equine Veterinary Science. Volume 32, Issue 4 , Pages 222-230, April 2012


Maria Grazia Monzeglio Med Vet PhD
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Letto 994 volte

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.