Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 6457 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Cardiologia

Cardiologia (136)

Lunedì, 21 Gennaio 2013

Chiusura intrapericardica del dotto arterioso pervio

  • Efficace per la dissezione e la legatura del dotto in uno studio su trentacinque cani
Chiusura intrapericardica del dotto arterioso pervioSono state descritte numerose tecniche per la dissezione e la legatura del dotto arterioso pervio (PDA) nel cane. Uno studio ha descritto una tecnica intrapericardica e ne ha riportato l’esito clinico nel cane. Si rivedevano restrospettivamente le cartelle cliniche di 35 cani. Il tempo chirurgico mediano era di 60 min (intervallo, 35–125 min). Non si verificavano complicazioni intraoperatorie o postoperatorie. Entro 48 ore dall’intervento, il soffio cardiaco sini...

Venerdì, 14 Dicembre 2012

Reperti ecocardiografici ed ECG nel furetto

  • Rigurgito valvolare e blocco atrio-ventricolare le alterazioni più comuni individuate con le due tecniche diagnostiche
Reperti ecocardiografici ed ECG nel furettoUno studio retrospettivo ha caratterizzato gli aspetti ecocardiografici ed ECG in 95 furetti (Mustela putorius furo) di proprietà valutati in una struttura veterinaria. Si rivedevano le cartelle cliniche di tutti i furetti sottoposti a valutazione cardiologica (ecocardiogramma con o senza ECG) tra il 1994 e il 2009. I dati analizzati includevano: segnalamento, aspetti dell’esame clinico che inducevano a una valutazione cardiologica, diagnosi ecocardiografica, diagnosi ECG, di...

Lunedì, 12 Novembre 2012

Soffi cardiaci nel cincillà

  • Spesso associati ad alterazioni ecocardiografiche, soprattutto valvolari
Soffi cardiaci nel cincillàUno studio retrospettivo ha determinato la prevalenza dei soffi cardiaci nel cincillà a pelo lungo (Chinchilla lanigera) (N = 260) e valutato se i soffi cardiaci sono associati a cardiopatia. Si rivedevano le cartelle cliniche di tutti i cincillà visitati in diverse strutture universitarie. La prevalenza dei soffi cardiaci era del 23% (59/260). Su 15 cincillà con soffi cardiaci sottoposti a ecocardiografia, 8 presentavano alterazioni ecocardiografiche, tra cui ostruzione dinamica all’effl...

Lunedì, 22 Ottobre 2012

Lesioni miocardiche nei cavalli con patologie addominali acute

  • Presenti e associate alla gravità della malattia, in uno studio
Lesioni miocardiche nei cavalli con patologie addominali acuteUno studio prospettico ha determinato se vi fossero evidenze di lesioni miocardiche nei cavalli con patologie addominali acute. Si includevano 18 cavalli sani e 69 cavalli con patologie addominali acute. I cavalli sani venivano assegnati al gruppo 1. I cavalli con patologie addominali acute venivano assegnati a 3 gruppi: ostruzione con strangolamento, ostruzione senza strangolamento o malattia infiammatoria (rispettivamente gruppi 2, 3 e 4). All’esame inizi...

Lunedì, 08 Ottobre 2012

Trombosi aortica nel cane

  • Condizione rara. La prognosi è infausta, meno nei casi cronici
Trombosi aortica nel caneUno studio retrospettivo ha descritto i segni clinici, il trattamento e l’evoluzione della trombosi aortica in 31 cani. L’insorgenza dei segni clinici era acuta in 14 cani (45%), cronica in 15 (48%) e non documentata in 2 (6%). Il polso femorale era soggettivamente debole in 6 cani (19%) e assente in 17 (55%). Alterazioni di laboratorio frequenti includevano concentrazioni elevate di BUN (n = 13), creatinina (6), creatinin-chinasi (10) e D-dimero (10), oltre a proteinuria con rapporto protein...

Lunedì, 24 Settembre 2012

Difetto del setto ventricolare in un furetto

  • Sono rare le cardiopatie congenite in questa specie
Difetto del setto ventricolare in un furettoUn furetto (Mustela putorius furo) maschio castrato di 4 anni veniva visitato per un’anamnesi di tosse sporadica da un anno. All’esame clinico si riscontrava un soffio cardiaco olosistolico di grado 5 su 6 sull’apice destro cardiaco. Il quadro radiografico includeva la presenza di broncogrammi aerei nei lobi apicali accompagnati da congestione venosa polmonare. L’ecocardografia Colour Doppler rivelava uno shunt sinistra-destra compatibile con un difetto del setto ventric...

Mercoledì, 11 Luglio 2012

Stenosi sottovalvolare aortica nel Golden retriever

  • Familiarità; gravità correlata alle caratteristiche ecocardiografiche, in uno studio
Stenosi sottovalvolare aortica nel Golden retrieverUno studio ha descritto gli aspetti ecocardiografici e l’analisi del pedigree dei Golden retriever affetti da stenosi sottovalvolare aortica. Si valutavano mediante auscultazione ed ecocardiografia 73 soggetti. Per la diagnosi di stenosi sottovalvolare aortica erano necessarie una velocità aortica Doppler a onda continua subcostale di 2,5 m/s e la presenza di un soffio sistolico da eiezione sinistro basilare. Si registravano tre caratteristiche ecocardiografiche: evid...

Venerdì, 06 Luglio 2012

Endocardite batterica bovina: metanalisi dei criteri diagnostici

  • Un processo diagnostico difficoltoso; l’ecocardiografia sembra essere un esame diagnostico sensibile
 Endocardite batterica bovina: metanalisi dei criteri diagnosticiL’endocardite batterica (EB) è la valvulopatia più comune nei bovini, tuttavia la sua diagnosi nell’animale vivo rimane una sfida per il clinico. Uno studio ha riportato i dati basati sulle evidenze circa la presentazione clinica e i risultati dei test diagnostici dei casi necroscopicamente confermati di EB bovina. Si effettuava una revisione sistematica e la successiva metanalisi utilizzando Medline e CAB abstracts di ogni articolo sulla EB pubblic...

Lunedì, 23 Aprile 2012

Durata dell’oda P nella diagnosi della dilatazione dell’atrio sinistro nel cane

  • Una misurazione caratterizzata da considerevoli limitazioni, secondo uno studio
Durata dell’oda P nella diagnosi della dilatazione dell’atrio sinistro nel caneUno studio ha determinato la sensibilità e la specificità della durata dell’onda P nell’identificazione della dilatazione dell’atrio sinistro nel cane. Si valutavano i tracciati elettrocardiografici di cani normali e cani con varie patologie cardiovascolari. I criteri d’inclusione erano la disponibilità di un elettrocardiogramma con una linea isoelettrica stabile, onde P facilmente riconoscibili e una stima elettrocardiografica b...

Mercoledì, 21 Marzo 2012

Segni clinici ed ecocardiografici di cardiopatia nel gatto

  • Uno studio valuta i parametri distintivi di cardiopatia e malattia respiratoria
 Segni clinici ed ecocardiografici di cardiopatia nel gattoUno studio ha valutato le caratteristiche della popolazione, i segni clinici e le misurazioni ecocardiografiche di base di una popolazione di gatti nella pratica veterinaria comune, al fine di identificare le caratteristiche in grado di distinguere affidabilmente i soggetti affetti da cardiopatie dagli altri, inclusi quelli con malattie respiratorie, avvalendosi di tecniche comunemente disponibili. Si includevano retrospettivamente gatti con cardiopatie (n=103),...

Pagina 6 di 10

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.