Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 6423 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Diagnostica per immagini

Diagnostica per immagini (149)

Lunedì, 11 Dicembre 2017

Mineralizzazioni radiografiche lineari ramificate del fegato canino: rilevanza clinica

Scritto da

  • Scarsa o nulla. Probabile predisposizione del Cavalier King Charles spaniel
rxUno studio ha valutato la prevalenza, il significato clinico e la distribuzione di razza delle mineralizzazioni ramificate lineari che si osservano in sovrapposizione alla silhouette epatica radiografica nel cane. Si rivedevano retrospettivamente le radiografie o ecografie di cani che mostravano mineralizzazioni ramificate del fegato.In un periodo di 30 anni si identificavano 17 casi di mineralizzazione, con una distribuzione prevalentemente ventrale. Sette dei 17 cani erano Cavalier King Charle...

Venerdì, 06 Ottobre 2017

Aspetti ecografici dell’insulinoma nel furetto

Scritto da

  • Noduli pancreatici primariamente ipoecogeni, omogenei e con margini lisci
Schermata 2017 10 03 alle 10.25.26L’insulinoma è un tumore funzionale secernente insulina che origina dalle cellule beta pancreatiche. È una delle neoplasie più comuni nel furetto ed è associato a segni clinici di ipoglicemia, quali ptialismo, sfregamento della bocca con le zampe, convulsioni, letargia e coma. Gli aspetti ecografici dell’insulinoma nel furetto non sono stati precedentemente descritti. Uno studio retrospettivo descrive...

Venerdì, 29 Settembre 2017

Aspetti CT delle neoplasie tonsillari del cane

Scritto da

  • Una possibile diagnosi differenziale in caso di riscontro tomografico di linfoadenomegalia retrofaringea mediale o aumento di volume tonsillare
Schermata 2017 09 22 alle 10.10.47Le tonsille palatine non sono sede comune di neoplasia nel cane. Il tipo neoplastico più frequente è il carcinoma squamocellulare, seguito da melanoma e linfoma. La tomografia computerizzata (CT) è usata sempre più di frequente per l’indagine delle patologie orofaringee del cane ma le informazioni sull’aspetto CT delle neoplasie tonsillari sono limitate. Uno studio retrospettivo ha descritto gli aspe...

Venerdì, 23 Giugno 2017

Lesioni meniscali mediali del cane: ecografia e MRI a confronto con l'artroscopia

Scritto da

  • Performance imperfetta ma utilità clinica di ecografia e MRI
Schermata 2017 06 23 alle 08.26.18Uno studio ha confrontato l’accuratezza dell’ecografia e della MRI per la diagnosi delle lesioni meniscali mediali in 26 cani (31 ginocchia) con deficienza del legamento crociato craniale (CCL). Un chirurgo unico esaminava ciascun cane ed effettuava un’ecografia e un’artroscopia delle articolazioni affette per identificare le lesioni meniscali mediali. Le registrazioni video della procedura artroscop...

Mercoledì, 24 Maggio 2017

Radiologia ed ecografia di milza e linfonodi nel furetto sano

Scritto da

  • Radiograficamente, milza identificabile in tutti i soggetti analizzati, linfonodi nella metà circa
fur1Uno studio ha descritto le caratteristiche radiografiche ed ecografiche della milza e dei linfonodali addominali nel furetto clinicamente sano. Si arruolavano prospetticamente 55 furetti clinicamente sani. Si effettuavano radiografie whole body in 3 proiezioni ed ecografie addominali in furetti svegli (23 su 55) o sedati (32 su 55).La milza era radiograficamente identificabile in tutti soggetti. Ecograficamente, la milza era iperecogena rispetto al fegato (55 su 55) e lievemente iperecogena ...

Venerdì, 12 Maggio 2017

Sonografia dell’uretra distale nell'ariete e nel becco giovane

Scritto da

  • Ben visualizzabile il tratto extrapelvico dell’organo in 33 soggetti
sono1La sonografia è una metodica diagnostica non invasiva e conveniente spesso utilizzata in medicina interna, riproduzione e chirurgia nei piccoli ruminanti. Le principali applicazioni sono la diagnosi di gravidanza e lo studio anatomico e patologico degli organi per la ricerca ad esempio di neoplasie. L’urolitiasi è una delle più comuni cause di morte negli arieti e nei becchi e la sonografia costituisce la modalità diagnostica elettiva.

Lunedì, 16 Gennaio 2017

Anatomia artroscopica dell’articolazione tarsocrurale del bovino

Scritto da

  • Gli approcci dorsolaterale e plantolaterale consentono la miglior valutazione del comparto dorsale e plantare
Schermata 2017 01 16 alle 10.22.20Uno studio ha valutato l’approccio artroscopico ai comparti sinoviali dorsale e plantare dell’articolazione tarsocrurale dei bovini adulti, descrivendo l’anatomia artroscopica intrarticolare per ciascun approccio. Si utilizzavano cadaveri di bovini adulti freschi (n = 7).Si iniettava lattice in due articolazioni tarsocrurali per determinare la sede delle porte artroscopiche e si effettuava l’artr...

Lunedì, 28 Novembre 2016

Linfonodi ileosacrali metastatici: ecografia o CT?

Scritto da

  • Per l’adenocarcinoma delle ghiandole apocrine dei sacchi anali, utile l'ecografia di screening ma più completa la valutazione CT
lggL’adenocarcinoma delle ghiandole apocrine dei sacchi anali (AGAAS) è associato a un alto tasso di metastasi ai linfonodi ileosacrali che può influenzare il trattamento e la prognosi. Recentemente è stato osservato che la risonanza magnetica (MRI) è più sensibile rispetto all’ecografia addominale (AUS) in questi pazienti. Uno studio ha confrontato il tasso di identificazione della linfoadenomegalia ileosacrale di AUS e CT nei cani con AGAAS.Si analizzavano due ...

Venerdì, 25 Novembre 2016

Anatomia radiografica degli arti del bovino giovane

Scritto da

  • La maggior parte delle fisi rimane aperta fino ai 12 mesi d’età
calfI bovini in età giovanile con segni clinici di zoppia vengono comunemente valutati mediante esami radiografici effettuati sia in clinica sia in allevamento. Lo sviluppo dello scheletro bovino giovane è attualmente poco documentato radiograficamente. In uno studio, sono state effettuate radiografie in sequenza degli arti di 4 vitelle per valutare lo sviluppo dello scheletro appendicolare bovino nei primi 12 mesi di vita. Le radiografie venivano effettuate all’età ...

Venerdì, 04 Novembre 2016

Esame laparoscopico delle patologie ombelicali nel vitello

Scritto da

  • Valutazione completa, sicura e rapida delle strutture ombelicali intraddominali
umbUno studio clinico prospettico ha descritto una tecnica laparoscopica per la valutazione delle patologie ombelicali nel vitello, valutando la fattibilità dell'indagine, la visualizzazione delle strutture ombelicali e le complicazioni correlate. Si includevano 17 vitelli maschi (15 Holstein, 2 Montbeliard) con patologie ombelicali.I vitelli di età inferiore a 2 mesi con problemi ombelicali evidenti venivano sottoposti a esame clinico ed ecografico delle ...

Pagina 3 di 11

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.