Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 7192 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 359

Etologia-Terapia comportamentale

Etologia-Terapia comportamentale (120)

Venerdì, 26 Marzo 2021

Modificazioni comportamentali dopo gonadectomia nel cane

Scritto da

  • Non è stata riscontrato nessun cambiamento nel comportamento alimentare o nel peso dei cani di entrambi i gruppi
dog high five paw 091718 image 600w 400h d copiaA causa della mancanza di prove scientifiche evidenti, gli effetti della gonadectomia sul comportamento del cane sono ancora oggetto di dibattito. Tuttavia, le diverse opinioni dei medici veterinari potrebbero determinare una notevole difformità nelle indicazioni che sono fornite ai proprietari degli animali. Lo scopo di questo studio era quello di valutare gli effetti della gonadecto...

Mercoledì, 22 Luglio 2020

Imepitoina in corso di disturbo d’ansia generalizzato

Scritto da

  • Sembrerebbe ridurre lo stress (cortisolemia) ma non induce variazioni comportamentali
ansdogI cani con disturbo d'ansia generalizzato presentano segni costanti o quasi costanti di ansia e paura, indipendentemente dal contesto, compromettendo la qualità di vita. Per ottenere un maggiore successo nella gestione di tale disturbo, oltre alla terapia comportamentale, potrebbero essere necessari interventi psicofarmacologici.L’obiettivo di questo studio era quello di caratterizzare gli effetti dell'imepitoina rispetto al placebo come intervento a breve termine in cani con disturbo d'ansia g...

Venerdì, 03 Aprile 2020

Restrizione dietetica nel gatto

Scritto da

  • Come cambia il comportamento quando si interrompe l’alimentazione ad libitum
catobesepesaUna possibile soluzione per prevenire l'obesità nei gatti è quella di controllare e limitare l’apporto calorico.L'obiettivo di questo studio era quello di chiarire l'impatto della riduzione delle calorie sul comportamento alimentare dei gatti....

Mercoledì, 18 Marzo 2020

Problemi comportamentali nel cane

Scritto da

  • L'insufficiente socializzazione, l'inattività e l'ambiente urbano sono associati alla paura sociale
fearful 4Nella specie canina, i comportamenti problematici riflettono problemi di benessere. Uno dei problemi comportamentali più diffusi che causa angoscia ai cani è la paura sociale, intendendo sia la paura nei confronti di altri individui della stessa specie che di persone estranee alla famiglia in cui vivono.L’obiettivo di questo studio era quello di identificare eventuali fattori demografici e ambientali associati alla paura nei confronti di altri cani e di sconosciuti....

Lunedì, 17 Febbraio 2020

Fenomeno del vagabondaggio

Scritto da

  • La sterilizzazione può aiutare a ridurre questo fenomeno negli animali di proprietà?
romingIn molte aree geografiche, la maggior parte di cani e gatti che vagabondano potrebbero essere di proprietà. La prevenzione del vagabondaggio da parte di cani e gatti di proprietà è un intervento chiave per ridurre il numero di animali non sorvegliati negli spazi pubblici.La sterilizzazione svolge un ruolo importante nella gestione della popolazione ma non è chiaro se, a parte i suoi effetti sul controllo delle nascite e sul comportamento degli animali, influisca anche sul vagabondaggio da part...

Venerdì, 06 Dicembre 2019

Fonofobia nel cane: imepitoina vs placebo

Scritto da

  • L’imepitoina controlla in modo efficace la paura e l'ansia associate alla fonofobia nel cane
Firewok Fears Noise PhobiasLa “fobia da rumore” è un problema comportamentale comune nel cane per il quale esistono limitate opzioni terapeutiche.L’obiettivo di questo studio prospettico consiste nel valutare l'efficacia e la sicurezza dell’imepitoina rispetto al placebo per il controllo dell'ansia e della paura associate alla fonofobia nel cane....

Venerdì, 31 Maggio 2019

Feromoni per la gestione dell’aggressività tra gatti conviventi

Scritto da

  • Il nuovo prodotto a base di feromoni ha dimostrato un’efficacia promettente nel ridurre l’aggressività tra gatti conviventi in ambiente domestico
briga gato 300x168L'aggressività e la tensione sociale tra gatti conviventi in ambiente domestico sono problematiche comuni.Lo scopo di questo studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo era quello di valutare l'efficacia di un nuovo prodotto a base di feromoni (Feliway Friends) nel ridurre l'aggressività tra i gatti in un contesto domestico....

Lunedì, 18 Marzo 2019

Ruolo degli integratori nei disturbi comportamentali canini

Scritto da

  • Influenza positiva su paura, atteggiamento distruttivo e minzione/defecazione inappropriati; nessuna influenza su iperattività e aggressività
compRecenti scoperte hanno dimostrato che le possibilità che un cane sviluppi un disturbo comportamentale possono dipendere da una serie di fattori, tra cui la nutrizione.Questo studio pilota ha lo scopo di valutare l'efficacia di un integratore alimentare contenente acidi grassi omega-3, magnesio e zinco su alcuni comuni disturbi comportamentali in una popolazione di cani domestici....

Mercoledì, 24 Ottobre 2018

Le cattive abitudini dei gatti: graffiare oggetti inappropriati

Scritto da

  • Quali oggetti preferiscono e quali tecniche attuare per modificare questo atteggiamento
gatto riddereL'obiettivo di questo studio era quello di raccogliere dati preliminari sull’abitudine dei gatti a graffiare oggetti inappropriati e che misure adottare per evitarlo.A 140 proprietari di gatti è stato sottoposto un questionario nel quale si chiedeva loro di specificare il tipo di oggetto graffiato e le sue caratteristiche, la frequenza e, infine, le strategie attuate per modificare questo comportamento....

Lunedì, 03 Settembre 2018

Separazione dal proprietario: influenza sullo stress psicogeno e ossidativo

Scritto da

  • La separazione prolungata pre-chirurgia aumenta lo stress con conseguenze sui tempi di guarigione e predisposizione a malattie sistemiche
dog shelterUno studio ha valutato l’influenza esercitata dalla separazione a lungo termine dei cani dai loro proprietari, in un ambiente nuovo, sul verificarsi di stress psicogeno e ossidativo.I cani del gruppo I (n = 9) sono stati portati nella clinica veterinaria e sono rimasti in una gabbia per 12 ore prima dell'intervento, e i cani del gruppo II (n = 9) per soli 10 minuti prima dell'intervento. Sono stati misurati i parametri fisiologici (frequenza cardiaca e frequenza respiratoria) ed è sta...

Pagina 1 di 9

VET Channel

eveditoria Editoria Scientifica

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.