Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 7192 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 359

Gastroenterologia

Gastroenterologia (326)

Mercoledì, 04 Ottobre 2017

Ernia iatale e patologie esofagee nei cani brachicefali

  • Prevalenza dell’ernia nel Bulldog francese superiore a quanto atteso. Patologie esofagee nel complesso frequenti
Schermata 2017 10 02 alle 10.51.41Uno studio ha descritto la prevalenza delle anomalie fluoroscopiche osservate nei cani brachicefali visitati per sindrome ostruttiva delle vie aeree presso una struttura di referenza. L’esame delle cartelle cliniche del periodo 2013-2015 identificava 36 cani brachicefali visitati per sindrome ostruttiva delle vie aeree: 21 Bulldog francesi, 6 Bulldog, 4 Boston terrier, 2 Carlini, 2 Boxer e 1 Shih-tzu.Dei 36...

Venerdì, 22 Settembre 2017

Metaboliti ematici predittivi di ascessi epatici nei bovini

  • Ridotti livelli ematici di albumina e colesterolo in uno studio nei bovini da carne
Schermata 2017 09 18 alle 10.52.05Gli ascessi epatici costituiscono un problema importante per la salute animale e l’economia dell’industria della carne. Uno studio ha valutato i possibili indicatori biliari ed ematici degli ascessi epatici. Si nutrivano con una dieta ad alto contenuto di concentrato 29 bovini da carne (inizialmente di 356±70,5 kg di peso e 253±30 giorni d’età) nel corso di un test di performance di 112 giorni dur...

Venerdì, 15 Settembre 2017

Corpi estranei e stenosi esofagee in tre furetti

  • Soddisfacenti i risultati del trattamento endoscopico
Schermata 2017 09 15 alle 10.13.14Tre furetti (Mustela putorius furo) di età compresa tra 1 e 2 anni venivano visitati per un’anamnesi da 4 giorni a 2 settimane di segni clinici gastrointestinali, tra cui anoressia, rigurgito e vomito. All’esame iniziale i tre furetti presentvano segni clinici suggestivi di disfagia o esofagite. L’esofagoscopia, l’esofagografia con bario o entrambe rivelavano la presenza di corpi estranei con infiam...

Lunedì, 11 Settembre 2017

Deiscenza dopo enterectomia e anastomosi nel cane: effetto di peritonite e tecnica di sutura

  • Nei soggetti esposti al fattore di rischio peritonite settica può essere preferibile la sutura meccanica rispetto a quella manuale
enteUno studio retrospettivo ha determinato l’influenza della peritonite settica preoperatoria (PSP) e dell’anastomosi con suturatrice meccanica o con sutura manuale sulla deiscenza delle enterectomie e anastomosi (IRA). Si ipotizzava che l’incidenza di deiscenza dell’IRA fosse maggiore quando effettuata in presenza di PSP e in caso di anastomosi manuale.Si rivedevano le cartelle cliniche di 210 IRA in 198 cani sopravvissuti per almeno 72 ore dopo l’intervento e che soddisfacevano i cr...

Mercoledì, 06 Settembre 2017

Diarrea cronica nel cane: studio retrospettivo su 136 casi

  • Enteropatie infiammatorie, soprattutto di origine alimentare, le cause più comuni
Schermata 2017 09 04 alle 09.03.40Uno studio ha valutato le cause sottostanti e i fattori predittivi dell’esito della diarrea cronica (DC) nel cane. Si rivedevano le cartelle cliniche di 136 cani di proprietà con DC (durata ≥ 3 settimane).Nel 90% dei casi si diagnosticava un’enteropatia primaria: infiammatoria (71%; di questi, 66% sensibile all’alimentazione, 23% idiopatica, 11% sensibile agli antibiotici), infettiva (13%), neoplast...

Mercoledì, 12 Luglio 2017

Colangioepatite in 13 bovine

  • Non comune nei soggetti adulti. Diagnosi antemortem difficoltosa per i segni clinici aspecifici
itteroUno studio descrive gli aspetti clinici e diagnostici della colangioepatite in 13 bovine Holstein. La colangioepatite era definita come presenza di infiammazione portale circostante o infiltrante i dotti biliari, con o senza lesioni epiteliali e con estensione ai lobuli adiacenti.Al momento della diagnosi di colangioepatite, le bovine mostravano riduzione dell’appetito (n = 7), anoressia (n = 6), febbre (n = 5) e tachicardia (n = 8). Si osservava ittero in 5 bov...

Mercoledì, 05 Luglio 2017

Costipazione da sabbia nel grosso colon equino: approccio medico o chirurgico?

  • L’accumulo di gas, più della quantità di sabbia, può essere discriminante per la scelta del trattamento
Schermata 2017 07 05 alle 09.57.21Uno studio retrospettivo ha determinato l’effetto della quantificazione radiografica dell’accumulo di sabbia sul trattamento medico piuttosto che chirurgico della costipazione da sabbia del grosso colon del cavallo. Inoltre, ha confrontato l’esito a breve e lungo termine e le complicazioni associate al trattamento medico e chirurgico di questa condizione.Si ridevano le cartelle cliniche di 153 cavalli ...

Lunedì, 03 Luglio 2017

Ipovitaminosi D associata a esito sfavorevole nei cani con PLE

  • Bassa concentrazione sierica di 25(OH) D significativamente associata a prognosi infausta in uno studio su 43 casi
protein 1Nei cani con enteropatia proteino-disperdente (PLE) è descritta una prevalenza di ipovitaminosi D. Uno studio ha ipotizzato che una bassa concentrazione sierica di 25-idrossivitamina D (25(OH) D) costituisca un fattore di rischio per un esito negativo nei cani con PLE. Si includevano 43 cani con diagnosi di PLE e con campioni di siero conservati a -80° C. L’esito veniva definito come negativo per i cani che decedevano per PLE entro 4 mesi dalla diagnosi ...

Mercoledì, 28 Giugno 2017

Tromboembolismo in cani con PLE

  • Rischio di eventi tromboembolici gravi e potenzialmente fatali nei soggetti con PLE da malattia del piccolo intestino cronica non controllata
Schermata 2017 06 28 alle 09.51.14I cani con enteropatia proteino-disperdente (PLE) sono soggetti a un aumentato rischio di eventi tromboembolici. Tuttavia, tranne eccezioni, sono rare le segnalazioni di tromboembolismo in tali soggetti. Uno studio retrospettivo multicentrico osservazionale descrive una casistica di eventi tromboembolici (TE) in 8 cani con PLE secondaria a malattia del piccolo intestino cronica non neoplastica.Sette soggetti...

Venerdì, 09 Giugno 2017

Encefalopatia epatica in un boa coda rossa

  • Prognosi infausta in un soggetto di 5 anni con segni neurologici
boaUna femmina di boa coda rossa (Boa constrictor imperator) di 5 anni veniva visitatoa per un comportamento neurologico anomalo. L’ecografia rivelava un fegato aumentato di volume con margini arrotondati e aree ipoecogene. Si effettuava un profilo PCR completo ed esami ematologici/emaotochimici. Il profilo PCR virale risultava negativo. Si effettuava una terapia di sostegno con fluidoterapia e supporto nutrizionale con integrazione di carnitina. Si somministrava lattul...

Pagina 6 di 24

VET Channel

eveditoria Editoria Scientifica

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.