Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 6252 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Microbiologia/Immunologia/Malattie infettive

Microbiologia/Immunologia/Malattie infettive (1644)

Lunedì, 10 Dicembre 2018

Prevalenza di Coxiella burnetii in allevamenti di capre da latte endemici

  • Calo delle rese di latte del 17%; si consiglia l’identificazione precoce e l’eliminazione dei soggetti positivi
goat 506003 1280 2 642x336Questo studio analizza la prevalenza dell'infezione da C. burnetii in capre da latte in un allevamento endemico. Il primo obiettivo era quello di determinare la prevalenza dello "spargimento" di C. burnetii al momento del parto e quantificare la concentrazione di equivalenti genomici (EG) presenti in ciascun campione positivo. Il secondo obiettivo era quello di determinare la percentuale di soggetti positivi che si comportavano da “spargitori” persistent...

Venerdì, 07 Dicembre 2018

Immunità umorale indotta dal vaccino del cimurro e della parvovirosi

  • L’efficacia del vaccino dipende principalmente dall’immunità materna, ma è influenzata anche da altri fattori; la determinazione del titolo anticorpale è l’unico strumento per valutarla
0001 129987653Il Canine Distemper Virus (CDV) e il Canine Parvovirus (CPV) sono agenti eziologici responsabili di infezioni associate ad un elevato tasso di mortalità. Questi virus infettano cani non vaccinati, ma anche cani che sono stati sottoposti a protocolli di vaccinazione incompleti. La vaccinazione svolge un ruolo importante nel ridurre il tasso di mortalità, nel prevenire l’infezione e nel controllare la diffusione del virus. Tuttavia, l'efficacia della vaccinazione potrebbe essere ...

Lunedì, 03 Dicembre 2018

Interferone omega nel gatto con calicivirosi

  • L’interferone ω riduce significativamente la gravità della gengivo-stomatite inibendo la proliferazione del Calicivirus
T1701F01Fig01Uno studio prospettico ha valutato l’efficacia clínica della somministrazione SC di interferone-omega ricombinante felino (rFeIFN-ω, recombinant feline interferon-omega) alla dose di 1 M unita/Kg per il trattamento della gengivite-stomatite cronica felina in gatti infetti da calicivirus felino (FCV, feline calicivirus). Sono stati inclusi un totale di 17 gatti positivi al FCV, di cui 13 sono stati trattati con somministrazioni SC di rFeIFN-ω (gruppo ω), i restanti 4 gatti so...

Lunedì, 26 Novembre 2018

Il ruolo delle capre come serbatoio per l'herpesvirus bovino di tipo 1

  • Questo studio dimostra un potenziale ruolo di serbatoio delle capre, del quale va tenuto conto nei piani di controllo ed eradicazione dell’IBR
cppL'herpesvirus bovino di tipo 1 (BoHV1) è l’agente causale di una infezione respiratoria, la rinotracheite infettiva bovina (IBR, infectious bovine rhinotracheitis), che esercita un impatto economico significativo nell’allevamento di questa specie. Le pecore e le capre sono meno sensibili all'infezione, anche se il loro ruolo nella trasmissione inter-specifica (ossia, tra le specie) in condizioni di campo è soggetto a controversie. L'obiettivo di questo studio era quello di indagare quale fosse l...

Lunedì, 12 Novembre 2018

Sinoviti settiche nel cavallo

  • Prognosi peggiore in corso di sinoviti sostenute da gram-negativi o da batteri multiresistenti
sinoviteLa colonizzazione batterica delle strutture sinoviali può causare infezioni difficili da trattare. I pilastri della terapia sono rappresentati dalla somministrazione di antimicrobici, per via sistemica e locale, e da ripetuti lavaggi intrarticolari. Nonostante i trattamenti aggressivi, l’infezione può persistere causando un danno tissutale significativo o la morte del paziente. Uno studio retrospettivo ha voluto indagare in che misura l’esecuzione di un esame colturale e la resistenza ...

Lunedì, 05 Novembre 2018

Combinazione di florfenicolo/meloxicam nella malattia respiratoria bovina

  • La percentuale di successo terapeutico senza recidiva è significativamente maggiore rispetto alla combinazione di florfenicolo/flunixina
MRBQuesto studio è stato progettato con l’obiettivo di valutare l'efficacia di una nuova combinazione di florfenicolo/meloxicam (FM) nei vitelli con malattia respiratoria bovina. A questo scopo, 90 vitelli sono stati infettati sperimentalmente mediante deposizione intratracheale di Mannheimia haemolytica. Sono stati inclusi solo i soggetti (n=84) che, a seguito dell’infezione avevano mostrato un rialzo termico > 39,5 °C e un punteggio clinico totale combinato (PCTC) maggiore o uguale a 3. I ...

Venerdì, 19 Ottobre 2018

Fattori di rischio associati all’eliminazione fecale di Listeria monocytogenes

  • I principali fattori di rischio associati all’eliminazione fecale di Listeria monocytogenes sono la temperatura ambientale e la stagione meteorologica
Dairy cowsListeria monocytogenes (LM) è un importante agente patogeno di origine alimentare che colpisce gli animali e gli esseri umani. Nell’uomo, i focolai di listeriosi, causati dal consumo di prodotti lattiero-caseari non pastorizzati, destano serie preoccupazioni. L’obiettivo di questo studio longitudinale era quello di determinare i fattori di rischio associati all’eliminazione fecale di LM nelle aziende lattiero-casearie a conduzione familiare. Campioni fecali sono stati raccolti da ...

Venerdì, 12 Ottobre 2018

Laringite necrotizzante del bovino

  • Lo studio indaga la sopravvivenza e i fattori prognostici che possono condizionare il destino dei soggetti affetti
laringiteLa laringite necrotizzante, causata dal Fusobacterium necrophorum, quando cronicizza, può spesso richiedere un intervento chirurgico (laringostomia). Gli obiettivi di questo studio di coorte retrospettivo erano quelli di determinare la sopravvivenza (fino alla macellazione) di bovini trattati chirurgicamente per laringite necrotizzante e di identificare i predittori di mortalità. Sono stati inclusi nello studio un totale di 221 bovini con diagnosi laringoscopica di laringite necrotizzant...

Venerdì, 21 Settembre 2018

Test di laboratorio nella diagnosi di leptospirosi canina acuta

  • La combinazione di MAT e PCR aumenta la sensibilità diagnostica nei cani con sospetto clinico
Lepto Puddle puppyI cani con leptospirosi acuta possono presentare alterazioni cliniche e di laboratorio non specifiche. La diagnosi definitiva può richiedere ulteriori test di conferma, inclusa la coltura batterica, per l'identificazione diretta o indiretta del patogeno. Il presente studio descrive la diagnosi di leptospirosi basata sull'uso di test diagnostici multipli, compresi test sierologici, molecolari e batteriologici, oltre che la caratterizzazione dei ceppi isolati. Sono stati r...

Venerdì, 14 Settembre 2018

Efficienza dell’esame tonsillare nella diagnosi di pleuropolmonite suina

  • L’esame tonsillare è dotato di una bassa sensibilità e andrebbe sempre associato a tecniche che valutino il tratto respiratorio inferiore
pppL’Actinobacillus pleuropneumoniae è l'agente eziologico responsabile della pleuropolmonite suina. Per garantire il controllo della malattia, l'identificazione dei suini con infezione subclinica è di fondamentale importanza per evitarne la trasmissione. Un metodo raccomandato consiste nell’esecuzione della PCR da campioni tonsillari; tuttavia questa tecnica, oltre che non essere infallibile, non permette di monitorare lo sviluppo di antibiotico-resistenze. Per questi motivi, uno studio si è post...

Pagina 1 di 118

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.