Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 7663 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Microbiologia/Immunologia/Malattie infettive

Microbiologia/Immunologia/Malattie infettive (1784)

Venerdì, 24 Giugno 2022

Infezione da Calicivirus nel gatto

  • L'European Advisory Board on Cat Diseases riporta le attuali conoscenze sull’infezione da calicivirus felino
1Il calicivirus felino (Feline calicivirus, FCV) è un patogeno comune nei gatti domestici che è altamente contagioso, resistente a molti disinfettanti e dimostra un'elevata variabilità genetica. L'infezione da FCV può portare a malattie gravi o addirittura mortali. In questa review, l'European Advisory Board on Cat Diseases (ABCD), un comitato scientifico indipendente di esperti in medicina felina, presenta le attuali conoscenze sull'infezione da FCV e colma le lacune con le...

Venerdì, 24 Giugno 2022

Ruolo dei cinghiali selvatici come reservoir di Campylobacter e Arcobacter

  • I campioni fecali provenienti da 76 cinghiali sono stati esaminati per la presenza di organismi Campylobacter-like
GettyImages 1194062139 0ff404cdd7414f648f48ff61b4a32d0cLa campilobatteriosi rappresenta un problema significativo per la sanità pubblica con Campylobacter jejuni e Campylobacter coli come principali agenti causali. Inoltre, vi è un crescente riconoscimento di altre specie patogene di Campylobacter e organismi simili come Arcobacter. Tuttavia, le attuali conoscenze sulla presenza delle specie Arcobacter nei cinghiali (Sus s...

Venerdì, 03 Giugno 2022

Utilizzo del fluconazolo nella coccidiomicosi del cane

Scritto da

  • Iperglobulinemia, monocitosi e neutrofilia erano le alterazioni clinicopatologiche più comuni
coccidiomicosi caneGli autori dello studio in questione avevano l’obiettivo di caratterizzare il decorso clinico e la risposta terapeutica dei cani con coccidioidomicosi trattati con fluconazolo.È stata effettuata una ricerca retrospettiva delle cartelle cliniche per identificare i cani in cui è stata diagnosticata la coccidioidomicosi tra gennaio 2015 e maggio 2020. I dati registrati per ciascun cane includevano segnalamento, segni clinici, risultati dei test diagnostici e ...

Mercoledì, 01 Giugno 2022

Rottura del legamento crociato craniale nel cane: ruolo delle malattie trasmesse da vettore

  • Non sono state rilevate differenze significative nella prevalenza di malattie trasmesse da vettore tra i due gruppi
dog knee sx ChrisStein getty 56a26a2c5f9b58b7d0c9f8d1La rottura del legamento crociato craniale (Cranial cruciate ligament rupture, CCLR) deriva da un processo degenerativo multifattoriale che porta alla rottura del legamento. I patogeni trasmessi da vettore (Vector-borne pathogens, VBP) nei cani possono indurre patologie articolari, ma il loro ruolo nella CCLR non è stato mai studiato. Lo scopo di questo studio era quello di...

Mercoledì, 01 Giugno 2022

Poliartrite batterica nei suinetti in Italia

  • Mycoplasma hyorhinis è risultato essere il patogeno più comune
novus pigletsL’obiettivo di questo studio era quello di valutare la presenza di agenti batterici nei suini post-svezzamento di 8-12 settimane con artrite.Sono stati sottoposti ad autopsia e campionati 178 suini post-svezzamento provenienti da 90 allevamenti (in media 2 suini/allevamento) con problemi ricorrenti di zoppia e articolazioni ectasiche in un'area ad elevata densità produttiva....

Lunedì, 23 Maggio 2022

Associazione tra FIV e Leishmania infantum nel gatto

  • I gatti FIV+ avevano un rischio 2,8 volte maggiore di presentare anticorpi anti-L. infantum
leishmaniasisLa leishmaniosi felina causata da Leishmania infantum è spesso associata all'infezione da virus dell'immunodeficienza felina (FIV); tuttavia, non è noto il ruolo e il significato clinico di questa coinfezione. L’obiettivo di questo studio era quello di valutare se la FIV fosse associata all'infezione da L. infantum nei gatti provenienti da aree endemiche. Un ulteriore obiettivo era quello di descrivere i segni clinici e le alterazioni ematologiche n...

Mercoledì, 18 Maggio 2022

Fattori associati all'infezione mammaria post-partum nelle vacche da latte primipare

  • Le vacche con BCS pre-partum ≥ 3,75 avevano una probabilità maggiore di infezione intramammaria
Cow Udder e1602406545584L’obiettivo di questo studio era quello di identificare le variabili associate alle infezioni intramammarie (intramammary infections, IMI) durante la 1° settimana di lattazione nelle vacche da latte primipare in allevamento biologico. Un ulteriore obiettivo era quello di valutare l'associazione di tali variabili con la conta delle cellule somatiche (somatic cell count, SCC) e la produzione di latte.Le vacche nullipare (n = 240) ...

Lunedì, 16 Maggio 2022

Vaccini a volume ridotto nella specie felina

Scritto da

  • Le formulazioni vaccinali a volume ridotto permettono una vaccinazione più agevole e meno stressante
vaccination catRecentemente è stato formulato per la specie felina un vaccino non adiuvato in volume ridotto (0,5 ml) contro herpesvirus, calicivirus, panleucopenia e la leucemia felina. Tale formulazione sembra contenere lo stesso potere antigenico della preparazione convenzionale da 1 ml. Gli autori di questo articolo analizzano i diversi studi che hanno valutato la sicurezza e l'immunogenicità di questo vaccino a volume ridotto rispetto al vaccino con volume convenzionale....

Venerdì, 13 Maggio 2022

Alfa1-glicoproteina acida per valutare la risposta al trattamento nei gatti con FIP

  • Valutare alcuni parametri clinico-patologici per distinguere la guarigione dalla remissione della malattia
CTE FIPLa peritonite infettiva felina (Feline infectious peritonitis, FIP) è una malattia sistemica che si verifica in una minoranza di gatti infetti da coronavirus felino (feline coronavirus, FCoV). Sono state impiegate varie terapie per trattare questa condizione patologica, tuttavia, non sono stati definiti dei parametri clinico-patologici che siano in grado di differenziare la guarigione completa dalla remissione della malattia. L’obiettivo di questo studio retrospe...

Mercoledì, 11 Maggio 2022

Diagnosi del mancato trasferimento dell'immunità passiva nella specie bovina

Scritto da

  • La prevalenza si attestava intorno al 15%
little calfL’insuccesso del trasferimento passivo (FPT) nei vitelli è definito come il mancato assorbimento di anticorpi colostrali sufficienti a raggiungere una concentrazione sierica di immunoglobuline G (IgG) > 10 g/L entro la prima settimana di vita. Lo scopo degli autori di questo studio era confrontare quattro diversi test per diagnosticare la FPT in campioni di vitelli da latte di 1-7 giorni. I valori limite pubblicati per la rifrattometria Brix e proteine ​​totali...

Pagina 1 di 128

VET Channel

eveditoria Editoria Scientifica

0
Shares
0
Shares