Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 7087 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Neurologia

Neurologia (205)

Lunedì, 18 Gennaio 2021

Valutazione clinica del dolore vertebrale nel cavallo

Scritto da

  • Caratteristiche cliniche e grading in 14 cavalli affetti da dolore vertebrale torace-lombare.
back painLa presentazione clinica dei cavalli con dolore alla schiena (BP) varia considerevolmente e si manifesta spesso con l’impossibilità da parte degli equidi di prendere parte all’attività sportiva. Esistono inoltre alcuni rilievi clinici che sono direttamente responsabili del fallimento delle prestazioni atletiche.Tale studio aveva pertanto l’obiettivo di indagare e classificare le caratteristiche cliniche del BP che intessa la regione toraco-lombare nei ca...

Venerdì, 15 Gennaio 2021

Misurazione della proteina C-reattiva in corso di discospondilite nel cane

Scritto da

  • La concentrazione sierica di CRP è un marker sensibile ma non specifico per la presenza di discospondilite nel cane
vertebral disc inflammationLa proteina C-reattiva (C-reactive protein, CRP) è una proteina di fase acuta positiva che aumenta in molte condizioni infiammatorie del cane. La concentrazione sierica di CRP ha un'importante utilità diagnostica e prognostica negli esseri umani con osteomielite vertebrale. L’obiettivo del presente studio era quello di determinare se esiste una correlazione tra la concentrazione sierica di CRP e i reperti clinici e di riso...

Venerdì, 18 Dicembre 2020

Trattamento del tremore idiopatico della testa nel cane

Scritto da

  • Studio prospettico randomizzato controllato sull'utilizzo dell'imepitoina in 24 cani.
head tremor dogLa sindrome del tremore idiopatico della testa è un disturbo del movimento parossistico di eziologia sconosciuta. In taluni casi può verificarsi una remissione spontanea, ma i proprietari possono richiedere un trattamento nei cani gravemente colpiti con episodi continui. Al momento, non sono presenti in letteratura studi controllati sulla malattia. Gli autori di questo studio hanno quindi ipotizzato che, l’utilizzo di un farmaco con effetti ...

Venerdì, 27 Novembre 2020

Caratteristiche cliniche della sindrome vestibolare nel gatto

Scritto da

  • Identificare fattori clinici predittivi della diagnosi sottostante in gatti con sindrome vestibolare
Cat Vestibular signLo scopo di questo studio era quello di valutare se i reperti dell’anamnesi, della presentazione clinica, e dell’esame fisico e neurologico dei gatti con sindrome vestibolare fossero statisticamente predittivi della diagnosi sottostante.Sono stati inclusi, in maniera retrospettiva, 174 gatti con sindrome vestibolare tra gennaio 2010 e maggio 2019. Per valutare l’associazione tra le variabili cliniche e la diagnosi è stata effettuata un...

Lunedì, 21 Settembre 2020

Mielo-TC nel cavallo

Scritto da

  • Valutazione retrospettiva di 51 cavalli con lesioni alle vertebre cervicali
mielo TCLa valutazione tridimensionale tomografica computerizzata (TC) della colonna vertebrale cervicale consente un'identificazione più accurata delle lesioni ossee e dei tessuti molli rispetto alla tradizionale radiografia latero-laterale. Tuttavia, l'esame della colonna vertebrale cervicale completa è stato limitato dalla taglia del cavallo, impedendo la valutazione delle vertebre cervicali caudali.Lo studio ha voluto descrivere la tecnica di esecuzione e i risultati della mielo-TC del...

Venerdì, 18 Settembre 2020

Terapia della meningoencefalomielite di origine sconosciuta nel cane

Scritto da

  • Confronto tra due protocolli di trattamento con citosina arabinoside
dog on iv fluidsLa somministrazione di citosina arabinoside (CA) mediante continuous rate infusion (CRI) al momento della diagnosi è risultata essere associata ad un maggior tasso di sopravvivenza a 3 mesi, se confrontata con la somministrazione sottocutanea, in cani con diagnosi di meningoencefalomielite di origine sconosciuta (MUO). Non è noto, tuttavia, se la somministrazione di iniezioni sottocutanee di CA sequenziali, successive alla CRI di CA, possa apportare alcun beneficio per i...

Mercoledì, 29 Luglio 2020

Imepitoina: somministrazione endorettale e orale a confronto

Scritto da

  • Sconsigliato l’uso per via endorettale
imepitoinaQuesto studio ha indagato se la somministrazione endorettale di imepitoina in cani sani determinasse concentrazioni plasmatiche paragonabili a quelle raggiunte in seguito a somministrazione orale.In seguito a somministrazione endorettale, i valori di biodisponibilità e concentrazione plasmatica massima erano significativamente inferiori rispetto a quelli raggiunti dopo somministrazione orale (P≤0,001)....

Mercoledì, 15 Luglio 2020

Meningoencefalomielite di origine sconosciuta nel gatto

Scritto da

  • Reperti clinici e istopatologici in 4 gatti
MUO gattoLa meningoencefalomielite di origine sconosciuta (MUO, meningoencephalomyelitis of unknown origin) è un termine generico che descrive le alterazioni infiammatorie del sistema nervoso centrale (SNC, central nervous system) con sospetta eziologia non infettiva. In ambito clinico, la diagnosi di MUO rimane per lo più presuntiva. L'esame istopatologico e immunoistochimico del tessuto del SNC rappresentano ulteriori strumenti per la rilevazione dell'infiammazione e l'esclusione di specifici age...

Mercoledì, 08 Luglio 2020

Levetiracetam nel cane

Scritto da

  • Osservati cambiamenti del comportamento dopo l’inizio della terapia
levetiracetam1In medicina veterinaria, il levetiracetam (LEV) è un farmaco antiepilettico ben tollerato, con lievi-moderati effetti collaterali. I cambiamenti comportamentali sono raramente segnalati negli animali. Al contrario, in medicina umana è stata spesso descritta l’influenza del LEV sul comportamento.Gli autori ipotizzano che, nei cani con crisi convulsive, il levetiracetam induca cambiamenti comportamentali o causi un'intensificazione dei disturbi comportamentali preesistenti....

Venerdì, 03 Luglio 2020

Lissencefalia nello Shih Tzu

Scritto da

  • Presentazione clinica e imaging di 4 cani
lissencefaliaLa lissencefalia è una malformazione cerebrale, non comune in medicina veterinaria, caratterizzata da una superficie cerebrale liscia e ispessita che può provocare epilessia strutturale.Questo case-series riporta i primi casi di lissencefalia in quattro Shih Tzu, descrivendo la presentazione clinica e i reperti della risonanza magnetica riguardanti la lissencefalia e le malformazioni cerebrali concomitanti....

Pagina 1 di 15

SCIVAC Rimini Web

eveditoria Editoria Scientifica

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.