Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 7227 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 359

Parassitologia

Parassitologia (275)

Venerdì, 21 Aprile 2017

Malattie trasmesse da vettori nei cani e gatti delle isole Eolie

  • Endemiche, con prevalenza di L. infantum. Gatto ospite di diversi patogeni VBD
eolieLo studio delle malattie trasmesse da vettori (VBD) si concentra principalmente sul cane. Nel gatto le VBD sono scarsamente studiate, benché la leishmaniosi felina (FeL) sia sempre più riconosciuta come patologia di questa specie nelle aree endemiche. Mancano anche indagini esaustive sulla distribuzione delle VBD nelle popolazioni canine e feline di aree geografiche relativamente limitate, come le isole. Uno studio ha valutato la prevalenza di Leishmania infantum e di altri patogeni VBD ...

Lunedì, 10 Aprile 2017

Encefalomielite eosinofilica in cavalli infestati da protostrongili

  • Quattro casi in soggetti con sintomi neurologici
nemaQuattro cavalli purosangue venivano visitati per zoppia, atassia, andatura in circolo, depressione e decubito. Macroscopicamente il sistema nervoso centrale dei 4 soggetti presentava aree e foci di colore rosso chiaro e scuro. Istologicamente si osservava encefalomielite del SNC necrotizzante eosinofilica da multifocale a coalescente e nematodi intatti o degenerati. Gli aspetti microscopici dei nematodi suggerivano l’appartenenza alla famiglia Protostrongylidae, ch...

Mercoledì, 22 Marzo 2017

Nematodi gastrointestinali nelle bovine da latte: indicatori per il trattamento mirato-selettivo

  • Soggetti giovani, appartenenti a mandrie con elevato livello di anticorpi anti-Ostertagia nel latte di massa e basso TEC
osterI trattamenti mirati-selettivi per i nematodi gastrointestinali (GIN) nelle bovine da latte adulte richiedono l’identificazione delle “bovine da trattare”, cioè di quei soggetti la cui produzione lattea (MP) può aumentare dopo il trattamento. Uno studio ha quantificato la capacità dei profili multi-indicatore di identificare tali bovine. Si conduceva uno studio clinico randomizzato controllato in 25 mandrie da latte al pascolo francesi. In ciascuna mandri...

Lunedì, 20 Marzo 2017

Ascaridi del suino: effetto del fenbendazolo nell’acqua di bevanda

  • Riduzione del numero di uova nelle feci e della percentuale di fegati scartati, nei suini all’ingrasso di uno studio
AscarisEggsLa maggior parte degli studi sugli effetti dell’infestazione da Ascaris suum nei suini e sulla sua prevenzione con gli antielmintici hanno ormai una decina d’anni. Uno studio ha esaminato l’effetto del fenbendazolo alla dose di 2,5 mg/kg somministrato nell’acqua di bevanda per due giorni consecutivi sull’infestazione da A. suum 1 e 6 settimane dopo l’arrivo dei suini all’unità di ingrasso.Si ipotizzava che il trattamento potesse ridurre ...

Venerdì, 10 Marzo 2017

Piroplasmi equini nel nord-ovest italiano

  • T. equi prevalente ma identificate anche infezioni da B. canis e B. capreoli
babesiaLa piroplasmosi equina (PE) causata da Theileria equi e Babesia caballi è una malattia che ha impatto sulla salute e i movimenti internazionali dei cavalli. Al fine di valutare la prevalenza delle infezioni da piroplasmi nelle regioni nordoccidentali italiane e i fattori di rischio associati, si prelevava sangue intero da 335 cavalli di 7 differenti scuderie dell’area. Si utilizzava la PCR e il sequenziamento per valutare la prevalenza dell’infezione e id...

Schermata 2017 02 20 alle 12.47.51Uno studio ha valutato la presenza di Toxoplasma gondii e ne ha caratterizzato geneticamente gli isolati nelle carcasse di suini all’ingrasso di allevamenti industriali prelevando campioni sangue, diaframma e cuore da 375 carcasse di suini macellati per la produzione di prosciutto di Parma. I suini erano stati allevati in allevamenti approvati (n = 75) localizzati nella cosiddetta Food Valley italiana. Si e...

Lunedì, 13 Febbraio 2017

RT-PCR per l’identificazione di DNA di Toxoplasma nella carne e nei tessuti animali

  • Identificazione rapida di T. gondii in matrici biologiche diverse
ToxoUno studio descrive un metodo rapido ed affidabile per l’identificazione di Toxoplasma gondii nella carne e nei tessuti animali utilizzando la RT-PCR. Si prelevavano campioni tissutali di bovini, piccoli ruminanti, cavalli e suini allevati o importati in Sicilia. Tutti i preparati di DNA venivano valutati mediante test RT-PCR utilizzando sonde specifiche per un frammento di 98-bp dell’elemento ripetuto AF 529-bp e il gene B1.Si valutavano la sensibilità diagnos...

Venerdì, 10 Febbraio 2017

Migrazione aberrante di larve di Cuterebra in due conigli

  • Miasi oftalmica e migrazione attraverso l’apparato respiratorio e il sistema nervoso centrale in due soggetti
cuterUno studio descrive due casi di infestazione da Cuterebra in un ospite atipico, il coniglio domestico (Oryctolagus cuniculus).In un caso sono descritti la presentazione clinica, la diagnosi e il trattamento della oftalmomiasi esterna causata dalla larva della mosca. Nel secondo caso è descritta la sindrome clinica e i rilievi postmortem e istopatologici associati alla migrazione della larva di Cuterebra attraverso l’apparato respiratorio e il sistema nervoso centrale....

Lunedì, 16 Gennaio 2017

S. vulgaris nel cavallo: confronto tra RT-PCR e coltura delle larve

  • Numero significativamente maggiore di campioni positivi con la PCR, in uno studio
Schermata 2017 01 16 alle 10.54.43Uno studio ha confrontato due metodi diagnostici per l’identificazione di S. vulgaris e ha raccolto informazioni sulle presenza del parassita nei cavalli in Germania. Si analizzavano mediante real-time PCR i campioni fecali di 501 cavalli e si effettuava anche la coltura larvale dei campioni di 278 cavalli. In un sottogruppo di 26 cavalli si effettuavano follow up multipli con entrambi i metodi per valutar...

Venerdì, 13 Gennaio 2017

Baylisascaris spp. nelle moffette d’affezione

  • Positivo il 25% dei soggetti di varie regioni europee analizzati
baliLa moffetta striata (Mephitis mephitis) è un animale carnivoro popolare sia negli zoo sia nelle abitazioni, dove è tenuta come animale d’affezione. Questi piccoli carnivori sono considerati gli ospiti definitivi principali del nematode Baylisascaris columnaris. Uno studio ha valutato la presenza di Baylisascaris spp. nelle moffette striate tenute come animali d’affezione o in zoo privati in alcune aree europee.Si utilizzavano i dati copromicroscopici di due laboratori, uno in Italia e ...

Pagina 4 di 20

VET Channel

eveditoria Editoria Scientifica

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.