Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 6463 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Altro

Altro (534)

Mercoledì, 17 Gennaio 2018

Morte improvvisa del cavallo durante lo sport o le passeggiate: una casistica

Scritto da

  • Soprattutto Purosangue durante manifestazioni equestri. Forse sottostimato il problema durante le competizioni
Schermata 2018 01 16 alle 09.41.55La morte improvvisa è un problema per la salute dei cavalli, la sicurezza del cavaliere e la percezione pubblica del benessere animale durante gli eventi equestri. Uno studio retrospettivo basato su un questionario ha descritto il segnalamento, l’anamnesi clinica, l’episodio di decesso improvviso, i traumi riportati dal cavaliere e le cause di decesso del cavallo durante l’esercizio o subito dopo nelle...

Lunedì, 15 Gennaio 2018

Caratteristiche dei ricoveri ospedalieri per morsicature di cani in Sicilia

Scritto da

  • Soprattutto bambini fino ai 9 anni, con lesioni a testa, faccia e collo. Più aggredite le mani negli adulti e le braccia negli anziani
biteSono numerose le indagini in letteratura sulle lesioni da morsicature di cani e sulla loro epidemiologia, tuttavia non risultano in Italia valutazioni a conoscenza degli autori sui ricoveri ospedalieri provocati da morsicature di cani. Uno studio ha descritto l'incidenza e le caratteristiche dei ricoveri ospedalieri in Sicilia determinati da morsicature di cani nel quadriennio 2012 - 2015. L'indagine è stata condotta sui dati del Dipartimento per le Attività Sanitarie e dell'Osservatorio ...

Lunedì, 08 Gennaio 2018

Comunicazione del rischio da parte dei veterinari italiani

Scritto da

  • Livello moderato di leggibilità dei comunicati stampa a causa dell'uso di termini scientifici e tecnici
Schermata 2017 12 27 alle 10.41.56Uno studio ha valutato le conoscenze circa la comunicazione del rischio acquisite dai medici veterinari italiani durante un corso di formazione. La valutazione è avvenuta attraverso l'analisi di 694 comunicati stampa redatti dai partecipanti sul tema di un ipotetico focolaio d'influenza aviaria. Variabili e indici testuali sono stati utilizzati per identificare le strutture linguistiche usate. Lo studio de...

Lunedì, 08 Gennaio 2018

Patologie comuni in conigli e cavie: confronto tra pratica clinica e letteratura

Scritto da

  • Discrepanza tra le condizioni riportate dai veterinari in un questionario e quelle citate nelle pubblicazioni
Schermata 2017 12 27 alle 10.24.31I conigli e le cavie sono animali d’affezione sempre più popolari, tuttavia non sono molte le informazioni circa i loro comuni problemi di salute e quanto queste siano correlate a quanto pubblicato in letteratura. Uno studio ha caratterizzato le più comuni condizioni patologiche di conigli e cavie osservate in ambito clinico e segnalate in un sondaggio effettuato ai veterinari inglesi e le ha confrontate...

Mercoledì, 29 Novembre 2017

Crudeltà sugli animali: un indicatore di traumi familiari

Scritto da

  • Anche i medici veterinari tra i soggetti che possono favorire un percorso di individuazione e aiuto dei giovani vulnerabili
Schermata 2017 11 29 alle 09.29.36È noto che i giovani responsabili di crudeltà sugli animali sono esposti a un maggior rischio di perpetrare violenze anche sull’uomo durante la loro vita, quali coetanei, persone amate e membri più anziani della famiglia. Questi giovani sono stati spesso esposti a violenze familiari, inclusa la crudeltà perpetrata sui loro amati animali d’affezione da parte di adulti violenti. Uno studio ha utilizzat...

Lunedì, 20 Novembre 2017

Minor rischio cardiovascolare nei proprietari di cani

Scritto da

  • Benefici soprattutto per i single
oldI cani possono essere di beneficio nel ridurre il rischio cardiovascolare dei proprietari fornendo loro supporto sociale e motivazione per l’attività fisica. Uno studio ha indagato l’associazione del possesso di un cane con le malattie cardiovascolari (CVD) e i decessi in uno studio prospettico su scala nazionale (n = 3.432.153) di persone tra i 40 e gli 80 anni d’età, con follow-up fino a 12 anni. Erano disponibili dati auto-forniti sulla salute e lo stile di vita di 34.202 partec...

Mercoledì, 15 Novembre 2017

Effetto dei tempi di sosta durante i viaggi lunghi sul benessere delle pecore

Scritto da

  • In uno studio, una riduzione dei tempi di sosta da 24 a 16 ore non aveva impatti negativi
Schermata 2017 11 14 alle 08.49.26I trasporti commerciali di animali vivi all'interno dell'Unione Europea devono soddisfare i requisiti e le prescrizioni previste dal Regolamento CE 1/2005. Tale norma prevede, per gli ovini adulti trasportati per più di 29 ore (h) (14 h di viaggio, 1 h di sosta intermedia e 14 h di viaggio), una sosta obbligatoria di 24h in un posto di controllo (CP). Ciononostante, non esiste a oggi evidenza scientifica de...

Mercoledì, 08 Novembre 2017

Prevenzione del tail biting: misure a confronto

Scritto da

  • Necessaria una combinazione di misure preventive per ridurre il rischio al livello dei suini caudectomizzati
Schermata 2017 11 08 alle 09.53.41Uno dei problemi dell’allevamento intensivo del suino sono le lesioni della coda causate dal tail biting (morsicatura della coda), spesso affrontato dagli allevatori con la caudectomia. Tuttavia, il taglio della coda non è una misura preventiva ottimale per questa condizione e sarebbero preferibili alternative. Uno studio ha indagato l’effetto relativo di tre possibili misure preventive delle lesioni de...

Schermata 2017 11 02 alle 09.37.30Due studi presentati al meeting annuale dell’American College of Allergy, Asthma and Immunology (ACAAI) indicano alcuni effetti protettivi dell’esposizione dei bambini al cane. Il primo studio mostra che i bambini nati in una casa in cui è presente un cane durante la gravidanza ricevono una protezione dall’eczema allergico, effetto protettivo che diminuisce entro i 10 anni di età. Il secondo studio m...

Venerdì, 03 Novembre 2017

Valutazione del polimorfismo della beta caseina bovina nel Nord Italia

Scritto da

  • Uno studio descrive un metodo rapido ed economico con elevata sensibilità e specificità
Schermata 2017 11 03 alle 08.04.47La beta-caseina bovina A1 è una delle più comuni varianti nelle razze bovine da latte ed è considerata un fattore di rischio dell’intolleranza al latte e di altre importanti malattie dell’uomo, a causa del suo peptide bioattivo beta casomorfina-7 (BCM7) prodotto durante la digestione del latte A1 crudo o processato ma non del latte A2. Uno studio ha messo a punto un metodo rapido ed economico per iden...

Pagina 2 di 39

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.