Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 6574 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Lunedì, 14 Ottobre 2019

Quando il primo accoppiamento delle scrofette?

  • All’età di 220 giorni quando il peso corporeo è inferiore o uguale a 140 kg
giltsuperL'obiettivo di questo studio era quello di stabilire quale sia l’età migliore per il primo accoppiamento nelle scrofette alla prima gravidanza.Ottantasei scrofette sono state suddivise in 9 gruppi in una disposizione fattoriale con tre età (E1: scrofette di età ≤ 220 giorni; E2: scrofette di età compresa tra i 220 e i 240 giorni; E3: scrofette di età ≥ 240 giorni) e tre pesi (P1 ≤ 140 kg; P2 140-149 kg; P3 ≥ 150 kg)....

Lunedì, 14 Ottobre 2019

Asma felina versus filariosi cardiopolmonare

  • Una review sulle caratteristiche cliniche, l’iter diagnostico, il trattamento e la prognosi
Feline Heartworm Disease Fig 03Nei gatti con tosse o difficoltà respiratorie, la presenza di un pattern bronchiale o broncointerstiziale alle radiografie toraciche deve fare sospettare una patologia delle vie aeree inferiori. L’asma felina e la filariosi cardiopolmonare sono due importanti diagnosi differenziali di questo quadro clinico. Tali patologie presentano molte caratteristiche clinicopatologiche comuni ma, allo stesso tempo, importanti differenze per quanto riguarda l...

Lunedì, 14 Ottobre 2019

Lattulosio e microbiota fecale nel cane

  • Il lattulosio induce un cambiamento qualitativo e quantitativo reversibile del microbiota fecale
lactuloseL'encefalopatia epatica è una conseguenza frequente e debilitante delle patologie epatiche. L’impiego del lattulosio è stato supportato dalla risposta clinica dei pazienti sottoposti a tale trattamento, ma i meccanismi d’azione con i quali agisce non sono del tutto chiari.Lo scopo di questo studio prospettico di coorte era quello di esaminare come si modifichi la composizione del microbiota fecale durante e dopo il trattamento con lattulosio in una poplazione di cani....

Venerdì, 11 Ottobre 2019

Nuovi spunti diagnostici in corso di FIP

  • La RT-qPCR su campioni di FNA dei linfonodi mesenterici può supportare la diagnosi ante mortem di FIP secca
coc fip fig 3 17361 articleLo scopo di questo studio era quello di valutare l’utilizzo di una PCR quantitativa trascrittasi-inversa (RT-qPCR, reverse transcriptase quantitative PCR) nella diagnasi di peritonite infettiva felina (FIP). La tecnica veniva eseguita su campioni prelevati dai linfonodi mesenterici tramite agoaspirazione con ago sottile (FNA, fine-needle aspirate) e conservati in soluzione salina sterile.In primo luogo, la capacità della metodica di rilevare l'RNA viral...

Venerdì, 11 Ottobre 2019

Un nuovo agente zoonotico trasmesso dallo scoiattolo

  • Tre casi mortali di encefalite/meningoencefalite sostenuti da un nuovo bornavirus
scoiatvari1Tra il 2011 e il 2013, in Germania, tre allevatori di scoiattoli variegati (Sciurus variegatoides) che avevano avuto contatti tra di loro e si erano scambiati i loro esemplari di scoiattolo, avevano sviluppato segni clinici simili, compatibili con una encefalite o meningoencefalite, ed erano deceduti nel giro di 2-4 mesi.I sintomi clinici erano caratterizzati da febbre, brividi o entrambi; rallentamento psicomotorio progressivo; stato confusionario; instabilità nell’andatura; mioclono...

Venerdì, 11 Ottobre 2019

Tasso di deiscenza in seguito ad enterotomia

  • Probabilità molto bassa; è compito del chirurgo valutare quando sufficiente l’enterotomia e quando necessaria l’enterectomia
happy enterotomyL’obiettivo di questo studio era quello di riportare il tasso di deiscenza della sutura intestinale a seguito di enterotomia per la rimozione di corpi estranei nei cani.Lo studio ha incluso 247 cani di cui sono stati raccolti i dati relativi al segnalamento, all'anamnesi, alla chirurgia, ai riscontri clinico-patologici, al ricovero, alla deiscenza chirurgica e alla sopravvivenza. I cani sono stati suddivisi in 2 gruppi a seconda che, a seguito di enterotomia, si fosse verific...

Mercoledì, 09 Ottobre 2019

Diffusione della Salmonella negli ospedali per grossi animali

  • Il 5,9% degli animali di grossa taglia ricoverati era positivo al colturale per Salmonella
hqdefaultLa trasmissione della Salmonella negli ospedali veterinari è generalmente associata a contaminazione ambientale. I collegamenti tra le colonie isolate dai soggetti e quelle isolate dall'ambiente suggeriscono che gli stessi animali siano la fonte di contaminazione. Pertanto, comprendere i fattori che influenzano la diffusione della Salmonella è la chiave del controllo.L’obiettivo di questo studio era quello di indagare e analizzare i fattori di rischio associati alla contaminazione fecale...

Mercoledì, 09 Ottobre 2019

Studio epidemiologico sul mastocitoma canino

  • Predisposti cani anziani, sterilizzati e di determinate razze; dimensioni del tumore e metastasi sono associati a una minore sopravvivenza
mctcaninoIl comportamento clinico dei mastocitomi (MCT) è molto variabile e questo rende difficile poter fare delle previsioni in termini prognostici e complica anche la scelta terapeutica.Questo studio ha indagato la frequenza, il rischio e i fattori prognostici dei MCT nella specie canina....

Lunedì, 07 Ottobre 2019

Lesioni orali in corso di Leishmaniosi

  • Caratterizzate da aree nodulari ulcerate a carico di lingua, labbra, gengive e palato duro
CVLTONGLa leishmaniosi viscerale canina (CVL, Canine visceral leishmaniosis) è un'importante malattia zoonotica, a carattere endemico in alcune aree del mondo. La malattia può interessare più organi, ma le lesioni nella cavità orale sono considerate essere poco comuni.In questo studio condotto dal 2015 al 2018 in Brasile, dove la leishmaniosi è endemica, sono stati diagnosticati 23 casi di cani con lesioni orali compatibili con CVL. Di questi, 6 casi sono stati confermati sulla base dell’esame i...

Mercoledì, 09 Ottobre 2019

Ipercalcemia e ipocalcemia nel cane e nel gatto

  • Le alterazioni della calcemia sono più comuni in corso di neoplasie, malattie critiche e danno renale in entrambe le specie
ipoipercaGli squilibri del calcio sono comuni nei piccoli animali, ma pochi studi ne hanno indagato l’eziologia in grandi popolazioni.Questo studio aveva lo scopo di determinare l'incidenza delle alterazioni della calcemia ionizzata in cani e gatti e descrivere le malattie associate....

Pagina 1 di 795

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.