Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 7390 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Visualizza articoli per tag: Animali da reddito

bvdv bovinoL'impatto di un focolaio di diarrea virale bovina (BVD) sulle prestazioni riproduttive e sulla produzione lattea è stato studiato in 28 allevamenti di vacche da latte spagnoli utilizzando un disegno di studio osservazionale.

Sono stati registrati l'intervallo medio dal parto al concepimento (CCI), il numero medio di inseminazioni per concepimento (AI/P) e la produzione media giornaliera di latte da allevamenti colpiti da epidemie. L'infezione è stata confermata dall'evidenza di trasmissione virale a giovani animali (giovenche 9-24 mesi) e animali infetti in modo persistente, dopo un precedente stato di esenzione da BVD. 

Domenica, 18 Luglio 2021 16:14

Valutazione del rapporto pu/cu negli ovini

urine ovineIl rapporto proteine ​​urinarie:creatinina urinaria (UPC) è considerato il test di riferimento per valutare la proteinuria. Il suo valore diagnostico in medicina ovina necessita di ulteriori delucidazioni. Nel monitoraggio della popolazione e/o per scopi di ricerca, è conveniente raccogliere molti campioni contemporaneamente e conservarli per analisi successive. Tuttavia, i dati sulla stabilità degli analiti sono necessari per garantire risultati affidabili. 

In questo studio sono stati pertanto utilizzati 15 dei 90 campioni di urina di pecora, raccolti per valutare l'effetto del tempo di conservazione sul rapporto UPC. Dopo la centrifugazione, il surnatante di ciascun campione è stato suddiviso in 6 aliquote. Le concentrazioni di proteine ​​urinarie e creatinina urinaria sono state determinate immediatamente, utilizzando rispettivamente l’indicatore rosso pirogallolo e un metodo Jaffè modificato. Le altre aliquote sono state conservate a -18°C. Sono stati inclusi nello studio i campioni che non mostravano sedimento attivo, con pH delle urine alcalino e rapporto UPC ≥ 0,2; i campioni che avevano queste caratteristiche erano complessivamente 15. 

vitelli diarreaQuesto studio ha valutato l'impatto di un sistema multidisciplinare per ridurre e perfezionare l'uso di farmaci antibatterici per il trattamento della diarrea dei vitelli da latte. L'intervento consisteva nella modifica delle pratiche di gestione per la prevenzione delle malattie, nella formazione sanitaria del personale dell'allevamento, nell'implementazione di un algoritmo diretto alla terapia antimicrobica per i vitelli con diarrea e visite mensili in allevamento.

È stata utilizzata una combinazione di valutazioni retrospettive (prima del periodo di intervento [BP], 1 anno) e prospettiche (immediatamente dopo il periodo di intervento [AP], 1 anno). Gli outcome clinici misurati includevano l'incidenza di diarrea e la mortalità complessiva. Sono stati inoltre valutati i tassi di trattamento antimicrobico per la diarrea e la massa totale di farmaci antimicrobici utilizzati a livello di vitelli e allevamenti. I risultati sono stati valutati utilizzando il test χ2 o il test esatto di Fisher e sono stati calcolati gli odds ratio e gli intervalli di confidenza al 95% (95% CI). 

Disciplina Gastroenterologia

pericardite fibrinosaQuesto studio ha determinato la prevalenza della pericardite fibrinosa e la sua correlazione con altre lesioni della corata in 658 lotti di suini provenienti da 236 allevamenti intensivi, situati nel Nord Italia per un periodo di 12 mesi. 

Tutti i suini sono stati macellati a 170 kg e un totale di 57943 corate (circa 90 suini/lotto) sono state valutate individualmente per la presenza di pericardite fibrinosa, polmonite, pleurite e lesioni epatiche a “macchia da latte”. 

vitello polmoniteVi sono ad oggi dei dubbi su quale sia il miglior test, tra l'ecografia toracica (TUS) e la radiografia toracica (TR), o la migliore combinazione di test (in serie o in parallelo), per diagnosticare la broncopolmonite infettiva attiva (BP) nei vitelli da latte ospedalizzati. L’obiettivo degli autori di questo studio era pertanto quello di stimare le prestazioni di TUS e TR per rilevare la PA attiva nei vitelli da latte ospedalizzati, al fine di determinare la migliore strategia per l'utilizzo di questi test sulla base di un metodo di diagnosi panel (PDM). L’ipotesi di partenza degli autori era che le prestazioni di TUS e TR fossero equivalenti.

Lo studio ha riguardato 50 vitelli da latte ospedalizzati (età ≥7 giorni; 100 kg; in piedi; pCO2 ≥ 53 mm Hg; qualsiasi motivo di presentazione). Ogni vitello è stato sottoposto in modo prospettico e sequenziale a esame fisico, auscultazione toracica, analisi del sangue e TUS e TR. Tre esperti in cieco hanno determinato se la PA attiva era presente/assente in base al PDM. L'alpha di Krippendorff ha misurato l'accordo tra gli esperti. Sono state confrontate le sensibilità (Se) e le specificità (Sp) di TUS e TR da soli e in serie o in parallelo (test di McNemar; p< 0,05).

footrotLa footrot (pododermatite infetiva) è una malattia dello zoccolo contagiosa che colpisce principalmente le pecore. È causata dal batterio anaerobio Gram-negativo Dichelobacter nodosus. Le condizioni ambientali calde e umide favoriscono lo sviluppo del footrot e, solitamente, occorrono solo 2-3 settimane dall'infezione alla manifestazione dei segni clinici. Le pecore colpite mostrano zoppie di vario grado e spesso, al pascolo, riposano sui loro carpi. I segni clinici locali variano in gravità ed estensione. 

La diagnosi di laboratorio comprende idealmente la raccolta di campioni di tamponi interdigitali di quattro zampe, seguita da una PCR competitiva real time che consente il rilevamento della presenza di D. nodosus e la differenziazione tra ceppi benigni e virulenti. In generale, è raccomandata una diagnostica di laboratorio di gruppo, caratterizzata dal campionamento basato sul rischio e sul raggruppamento dei campioni di tamponi interdigitali. 

partum

Il parto assistito nei bovini è una evenienza relativamente comune e, sebbene gli analgesici siano comunemente somministrati, la loro valenza in termini di miglioramento del benessere non è nota. Inoltre, pochi studi presenti in letteratura considerano sia l'assistenza al parto che il trattamento analgesico, rapportandoli a gruppi di controllo appropriati.

Mercoledì, 14 Aprile 2021 17:52

Risposta ormonale alla dislipidemia nell'asino

donkeyI disturbi metabolici ed endocrini, come la dislipidemia, sono comunemente riscontrati negli asini. Il bilancio energetico negativo dovuto a digiuno, condizioni stressanti o malattie è un fattore scatenante principale per la mobilizzazione dei grassi che spesso portano alla dislipidemia. La risposta ormonale al digiuno non è stata ben caratterizzata negli asini. 

Pertanto, gli autori di questo studio hanno valutato le variazioni nelle concentrazioni di insulina, glucagone, leptina, adiponectina totale, grelina e fattore di crescita insulino-simile-1, rapporti insulina-glucagone (IGR) e glucagone-insulina (GIR), parametri lipidici e carboidrati durante un periodo di digiuno di 66 ore in 8 asini adulti, al fine di determinare le differenze a seconda della condizione corporea.

Disciplina Endocrinologia

vitello latteGli autori dello studio avevano lo scopo di valutare le risposte di termoregolazione neonatale al freddo e le prestazioni dei vitelli alimentati con diversi volumi di colostro. 

Trenta vitelli Holstein appena nati sono stati selezionati in base al peso corporeo alla nascita (BW; 39,4 ± 6,5 kg) e nutriti con diversi volumi di colostro di alta qualità: 10%, 15% o 20% di BW, che è stato diviso e somministrato a 2 e 8 ore dopo nascita. A 24 ore di vita, i vitelli sono stati posti in una camera a 10 ° C per 150 min. La temperatura cutanea e rettale (RT), la frequenza cardiaca e respiratoria e i tremori sono stati misurati ogni 15 min. Sono stati raccolti dei campioni ematici ogni 30 min. Dopo la sfida al freddo, i vitelli sono stati alloggiati a temperatura ambiente (26,8 ± 5,9 ° C), con libero accesso all'acqua e al concentrato e hanno ricevuto 6 L / d di sostituto del latte. L'assunzione di cibo, il punteggio fecale e la RT sono stati registrati quotidianamente, fino a 56 giorni di età. Campioni di sangue, peso corporeo e misure del corpo sono stati presi settimanalmente. 

Disciplina Fisiologia
Mercoledì, 17 Febbraio 2021 11:59

Criptorchidectomia nei piccoli ruminanti

criptochidectomiaGli autori dello studio hanno voluto descrivere la procedura di criptorchidectomia nei piccoli ruminanti con l’utilizzo di un approccio chirurgico paramediano caudale.

Nello studio sono state incluse retrospettivamente 20 pecore e 9 capre. Sono stati valutati i dati relativi al segnalamento, complicanze peri e postoperatorie e il grado di soddisfazione del proprietario.

Disciplina Chirurgia generale
Pagina 1 di 133

VET Channel

eveditoria Editoria Scientifica

0
Shares
0
Shares