Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 6969 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Visualizza articoli per tag: Animali esotici

 Mastite stafilococcica della coniglia: risposta immunitaria dell’ospiteLe infezioni da stafilococchi causano sostanziali perdite economiche nel sistema produttivo commerciale del coniglio e si associano a una varietà di lesioni, inclusa la mastite cronica suppurativa che colpisce soprattutto le femmine da riproduzione.

La maggior parte delle infezioni stafilococciche croniche del coniglio sono causate dal ceppo ST121 di Staphylococcus aureus ma possono esser coinvolti anche altri ceppi meno comuni come ST96.

Uno studio ha caratterizzato la risposta immunitaria dell’ospite nei casi naturali di mastite del coniglio causati da S. aureus ST121, ha valutato le relazioni tra immunità periferica e locale e indagato l’effetto dei diversi genotipi di S. aureus ST121 su tale risposta immunitaria.

Si includevano coniglie adulte (n=204) multipare affette da mastite stafilococcica cronica. Si riscontravano differenze nel numero di cellule infiltranti in base al tipo di mastite, con le lesioni più immature che dimostravano maggiore cellularità,
caratterizzata da un elevato numero di linfociti T, macrofagi e plasmacellule.

Si notava una relazione tra le cellule ematiche e del tessuto mammario, la più notevole delle quali era la correlazione positiva tra monociti ematici e macrofagi tissutali. Quando le cellule erano infettate dai ceppi ST96 si identificavano meno granulociti e un numero maggiore di linfociti B, linfociti T, linfociti T CD4+ e linfociti T CD8+.


“Host responses associated with chronic staphylococcal mastitis in rabbits” Irene Guerreroa, et al. The Veterinary Journal. Volume 204, Issue 3, June 2015, Pages 338–344


Maria Grazia Monzeglio Med Vet PhD
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 Mastite stafilococcica della coniglia: risposta immunitaria dell’ospiteLe infezioni da stafilococchi causano sostanziali perdite economiche nel sistema produttivo commerciale del coniglio e si associano a una varietà di lesioni, inclusa la mastite cronica suppurativa che colpisce soprattutto le femmine da riproduzione. La maggior parte delle infezioni stafilococciche croniche del coniglio sono causate dal ceppo ST121 di Staphylococcus aureus ma possono esser coinvolti anche altri ceppi meno comuni come ST96.

Uno studio ha caratterizzato la risposta immunitaria dell’ospite nei casi naturali di mastite del coniglio causati da S. aureus ST121, ha valutato le relazioni tra immunità periferica e locale e indagato l’effetto dei diversi genotipi di S. aureus ST121 su tale risposta immunitaria.

Si includevano coniglie adulte (n=204) multipare affette da mastite stafilococcica cronica. Si riscontravano differenze nel numero di cellule infiltranti in base al tipo di mastite, con le lesioni più immature che dimostravano maggiore cellularità,
caratterizzata da un elevato numero di linfociti T, macrofagi e plasmacellule.

Si notava una relazione tra le cellule ematiche e del tessuto mammario, la più notevole delle quali era la correlazione positiva tra monociti ematici e macrofagi tissutali. Quando le cellule erano infettate dai ceppi ST96 si identificavano meno granulociti e un numero maggiore di linfociti B, linfociti T, linfociti T CD4+ e linfociti T CD8+.


“Host responses associated with chronic staphylococcal mastitis in rabbits” Irene Guerreroa, et al. The Veterinary Journal. Volume 204, Issue 3, June 2015, Pages 338–344


Maria Grazia Monzeglio Med Vet PhD
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Martedì, 28 Aprile 2015 10:44

Adenocarcinoma gastrico in un pitone

Adenocarcinoma gastrico in un pitoneUn pitone tappeto (Morelia spilota spilota
Disciplina Oncologia
Pagina 17 di 74

SCIVAC Rimini Web

eveditoria Editoria Scientifica

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.