Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 7430 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Visualizza articoli per tag: Cane e gatto

torsione lpGli obiettivi di questo studio retrospettivo erano quello di indagare la sopravvivenza di cani e gatti con torsione di un lobo polmonare (TLP), diagnosticata in sede chirurgica o post-mortem, e quello di valutare se la presenza di versamento pleurico, il lobo polmonare interessato e la taglia del paziente avessero un ruolo prognostico.

Sono stati inclusi 35 cani, di cui 17 di piccola taglia e 18 di grande taglia, e 4 gatti di cui 3 gatti domestici a pelo corto e 1 gatto di razza Minskin.

Disciplina Broncopneumologia

ownerLo scopo di questa revisione della letteratura era quello di descrivere e valutare la qualità dell’evidenza relativamente ai fattori che influenzano la compliance dei proprietari di cani e gatti relativamente alle raccomandazioni sui trattamenti farmacologici e, più nello specifico, in quelle situazioni che richiedono la somministrazione di più farmaci.

A questo scopo è stata effettuata una ricerca bibliografica (PubMed, CAB Abstracts e Google) al fine di identificare la letteratura pertinente che rispettasse criteri di inclusione ed esclusione predeterminati. Per ciascun articolo selezionato è stata effettuata l'estrazione standardizzata dei dati e una valutazione critica volta a stabilire il grado di evidenza scientifica sulla base dei requisiti stabiliti dal Center for Evidence-Based Medicine.

Disciplina Altro
Martedì, 19 Febbraio 2019 08:13

Test allergologici rapidi nel cane e nel gatto

allergie primavera cane gatto 657x360Negli ultimi anni, diverse aziende hanno commercializzato test che i proprietari di animali domestici possono attuare da pelo o saliva per la diagnosi di allergia. Tali test non sono stati validati e non vi è un adeguato controllo sull’impiego di questi test in medicina veterinaria.

L’obiettivo di questo studio era quello di indagare l'accuratezza e la riproducibilità di un test per la diagnosi di allergia da eseguire su campioni di pelo e saliva.

parto gattaL'aborto e la mortalità neonatale sono eventi possibili negli allevamenti di cani e gatti. È stato riportato che fino al 55% di questi casi nel cane e il 33% nel gatto rimangono senza una causa nota. In queste circostanze possono essere coinvolti agenti abortigeni e potenzialmente zoonotici insoliti, tra cui Coxiella burnetii e Leptospira spp. Per quanto riguarda C. burnetii, questo agente è in grado di causare disturbi riproduttivi nei bovini, ovini e caprini e sono stati osservati casi di aborto anche nei cani e nei gatti. Inoltre, diversi focolai di infezione da C. burnetii negli esseri umani sono esplosi a seguito di parti di cagne e gatte, alcune delle quali avevano subito degli aborti. Leptospira interrogans è in grado di causare aborto o natimortalità in numerose specie animali e il suo ruolo abortigeno è stato occasionalmente descritto anche nelle cagne e nelle gatte.

Lo scopo di questo studio era quello di ricercare il DNA di C. burnetii e Leptospira spp. in 103 casi di aborto, natimortalità e mortalità neonatale nelle specie canina e felina al fine di identificare possibili agenti infettivi responsabili di questi fenomeni.

Disciplina Neonatologia

CeusL'ecografia con mezzo di contrasto (CEUS, contrast-enhanced ultrasonography) è sempre più utilizzata in ambito veterinario, tuttavia sono pochi gli studi che descrivono l'impiego di questa tecnica per la caratterizzazione delle masse intratoraciche.

Lo scopo di questo studio prospettico osservazionale è stato quello di descrivere i pattern di enhancement della CEUS in corso di masse intratoraciche in cani e gatti.

can dogs eat cat foodIn letteratura sono stati frequentemente descritti sintomi cutanei in cani e gatti con reazione avversa al cibo (AFR, adverse food reaction); al contrario, non sono state dettagliatamente documentate le manifestazioni non cutanee.

L’obiettivo di questo studio di metanalisi era quello di riesaminare la letteratura al fine di individuare i sintomi non cutanei riportati in cani e gatti con AFR.

Disciplina Gastroenterologia

shunt 7 crop u19920Una review retrospettiva ha voluto descrivere le implicazioni della morfologia dello shunt portosistemico extraepatico congenito, nel cane e nel gatto, sulla scelta del sito chirurgico per la chiusura dello stesso.

Gli shunt descritti, in un totale di 54 cani e 10 gatti, erano classificabili in: shunt gastrofrenico sinistro, shunt gastrocavale destro, shunt splenocavale, shunt colocavale e shunt gastro-azygos sinistro. I risultati dell’angioTC e l’osservazione diretta al momento della chirurgia hanno confermato, in tutti i 64 casi, i 4 siti di comunicazione tra il vaso anomalo (shunt) e il circolo venoso sistemico: la vena cava caudale a livello del forame epiploico, la vena frenica sinistra a livello dello iato esofageo, la vena azygos a livello dello iato aortico e la vena cava caudale o la vena iliaca a livello della sesta o settima vertebra lombare. L’uso della portografia mesenterica intraoperatoria è stata efficace nel confermare che, al momento della chirurgia, tutti i vasi portali tributari erano posti prossimalmente rispetto al punto di chiusura dello shunt.

Disciplina Chirurgia generale

gigioQuale sia il trattamento medico ottimale per l'enteropatia cronica (EC) nei cani e nei gatti è, ancora oggi, controverso. Il trattamento sequenziale con dieta, antibiotici e farmaci immunosoppressori è la strategia attualmente più comunemente utilizzata dai medici.

L’obiettivo di questo studio retrospettivo era quello di effettuare una revisione della letteratura finalizzata ad analizzare l'efficacia della dieta, dei farmaci e degli interventi alternativi nell’indurre la remissione clinica in cani e gatti con EC.

Disciplina Gastroenterologia

NPS Figure 3jpgwmL’obiettivo di questo case series è quello di valutare l’outcome di 15 cani e 31 gatti con stenosi rinofaringea benigna o imperforazione del rinofaringe sottoposti a dilatazione pneumatica o al posizionamento di uno stent metallico.

Cinque cani e 22 gatti sono stati sottoposti a dilatazione pneumatica, ottenendo il successo terapeutico in soli 11/27 (41%) pazienti (0 cani e 11 gatti). Gli stent sono stati posizionati in 34 pazienti (inclusi 15 soggetti in cui la dilatazione pneumatica non aveva avuto successo). Gli stent nudi sono stati posizionati in 30 pazienti, in 20 (67%) dei quali con successo. Gli stent rivestiti sono stati applicati in 11 pazienti (inclusi 7 soggetti in cui il posizionamento dello stent nudo non aveva avuto esito positivo), ottenendo un successo terapeutico nel 100% dei casi trattati. Ventitre dei 34 (68%) pazienti in cui sono stati posizionati gli stent hanno sviluppato complicazioni. Le complicazioni più comuni nei 30 pazienti con stent nudi sono state crescita anomala di tessuto (n = 10), infezione cronica (7) e rottura dello stent (5); quelle degli 11 pazienti con stent rivestiti sono state infezione cronica (8) e fistola oronasale (3). Complessivamente, l'outcome è stato positivo in 36 dei 46 (78%) pazienti (tempo di follow-up mediano, 24 mesi, range:2-109 mesi).

Disciplina Broncopneumologia
Venerdì, 09 Novembre 2018 08:44

Coma e stupor in cani e gatti: 386 casi

chihuaUno studio retrospettivo multicentrico si è posto l’obiettivo di raccogliere i dati relativi a segnalamento, eziologia e outcome a breve termine di soggetti portati in pronto soccorso in stato comatoso o stuporoso.

Sono state analizzate le cartelle cliniche di 386 animali (cani e gatti) per identificare quale fosse l’eziologia più comunemente responsabile dello stato di coma e stupor.

Disciplina Medicina d'urgenza
Pagina 6 di 44

VET Channel

eveditoria Editoria Scientifica

0
Shares
0
Shares