Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 7192 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Visualizza articoli per tag: Cane

hematocheziaIl rapporto urea/creatinina (urea/creatinine ratio, UCR) è un marker per la presenza di sanguinamenti del tratto gastrointestinale superiore nell’uomo. L’obiettivo del presente studio era quello di valutare l'utilità dell'UCR nel predire la presenza di sanguinamento gastrointestinale (gastrointestinal bleeding, GIB) occulto e distinguere GIB del tratto superiore da quello del tratto inferiore nel cane.

Sono stati inclusi nello studio ottantanove cani con GIB e 65 cani clinicamente sani. I cani sono stati raggruppati in base a GIB clinicamente manifesto (n = 65) e GIB occulto (n = 24) e in base alla localizzazione della lesione (37 tratto superiore, 13 inferiore e 8 entrambi). Le seguenti variabili sono state confrontate tra i gruppi: concentrazione sierica di urea e creatinina, UCR, concentrazione di emoglobina, ematocrito, volume corpuscolare medio e concentrazione emoglobinica corpuscolare media. Per valutare se le variabili fossero in grado di distinguere i cani con GIB occulto dai cani sani e il GIB del tratto superiore da quello inferiore sono stati utilizzati dei modelli di regressione logistica.

Disciplina Gastroenterologia

therapy dogGli autori di questo studio avevano l’obiettivo di valutare l'evidenza dell'efficacia analgesica del tramadolo per la gestione del dolore postoperatorio nella specie canina e la presenza di eventi avversi associati a tale farmaco.

È stata pertanto eseguita una ricerca completa da giugno 2019 a luglio 2020 utilizzando PubMed / MEDLINE, LILACS, Google Scholar e database CAB. Sono stati inclusi studi randomizzati controllati (RCT) eseguiti su cani che sono stati sottoposti ad anestesia generale per qualsiasi tipo di intervento chirurgico. Due autori hanno classificato in modo indipendente gli studi, estratto i dati e valutato il loro rischio di bias utilizzando il metodo Cochrane. I metodi RevMan e GRADE sono stati utilizzati per valutare la certezza dell'evidenza (CoE).

Disciplina Anestesiologia

Fig 3 Pupillary Light ReflexL’obiettivo del presente studio era quello di descrivere i reperti clinici e l’outcome in cani con diagnosi di insulinoma e identificare eventuali fattori associati alla sopravvivenza. Un ulteriore obiettivo era quello di descrivere i sintomi neurologici di questa popolazione e la loro associazione con la sopravvivenza.

Sono stati inclusi nello studio, in modo retrospettivo,116 casi. La durata mediana dei segni clinici prima dell’ammissione era di 1,5 mesi. I segni clinici più comuni erano debolezza (59,5%), crisi epilettiche (33,6%) e cambiamenti dello stato mentale o del comportamento (27,6%). In 3 cani è stata sospettata una discinesia parossistica. In 32 cani l’esame neurologico ha messo in evidenza delle alterazioni, le più comuni comprendevano: ottundimento del sensorio (28,1%), diminuzione dei riflessi flessori (21,9%) e risposta alla minaccia assente (18,8%). Il tempo di sopravvivenza è risultato essere significativamente più lungo nei cani sottoposti a intervento chirurgico (20 mesi) rispetto ai cani trattati con terapia medica (8 mesi; HR: 0,33; IC 95%: 0,18-0,59). La presenza di metastasi era l'unica altra variabile associata alla prognosi (HR 1,72; IC 95%: 1,02-2,91).

Disciplina Medicina interna

vestibular s dogSebbene l'uso del ragionamento clinico sia stato valutato per diverse malattie neurologiche, questo approccio non è stato ancora studiato per le presentazioni cliniche dei cani con sindrome vestibolare. 

In questo studio retrospettivo sono stati inclusi 239 cani affetti da sindrome vestibolare. È stata eseguita l'analisi univariata delle seguenti variabili: segnalamento, anamnesi, presentazione clinica e riscontri dell'esame neurologico. Le variabili con p< 0,3 sono state poi selezionate e considerate per la regressione logistica.

Disciplina Neurologia

collasso tLo studio in oggetto aveva come obiettivo quello di confrontare i risultati a breve, intermedio e lungo termine dei cani con collasso tracheale (TC) sottoposti a due diversi tipi di trattamento: esclusiva terapia medica multimodale oppure posizionamento di uno stent endoluminale tracheale.

Sono state pertanto revisionate le cartelle cliniche dei cani con TC che sono stati sottoposti solo a gestione medica o posizionamento di stent presso un ospedale di riferimento. I dati riguardanti il segnalamento, i rilievi clinici inerenti la TC e l’otcome sono stati estratti dalle cartelle cliniche e raggruppati in periodi di follow-up a breve, intermedio e lungo termine. I dati descrittivi e i tempi di sopravvivenza mediani (MST) sono stati confrontati tra i due gruppi di trattamento.

Disciplina Chirurgia generale

DogPneumonia KnowtheCausesSignsandTreatment Funnyyoungstaffordshireterrierpuppylyingcoveredinthrowblanketandfallingasleep minLa proteina C-reattiva (C-reactive protein, CRP) è una proteina di fase acuta ben nota nel cane che potrebbe discriminare la broncopolmonite di origine batterica da altre condizioni patologiche polmonari. La broncopolmonite causata da Bordetella bronchiseptica (Bb) è comune nel cane ma l’associazione tra quest’ultima e un aumento della CRP non è stato del tutto indagato in cani con infezione naturale da Bb. Lo scopo di questo studio era quello di confrontare la concentrazione di CRP in cani con infezione da Bb, con o senza lesioni radiografiche polmonari, e cani con broncopolmonite ab ingestis (aspiration bronchopneumonia, ABP)

Sono stati inclusi, in modo retrospettivo, 16 cani con infezione da Bb e 36 cani con ABP. In tutti i soggetti erano disponibili la concentrazione sierica di CRP e le radiografie toraciche.

Disciplina Broncopneumologia

VHSNella specie canina sono state descritte due misure radiografiche della dimensione dell'atrio sinistro (LA), la misura vertebrale dell'atrio sinistro (VLAS) e la dimensione radiografica dell'atrio sinistro (RLAD). Gli autori di questo studio avevano lo scopo determinare l’applicazione dei suddetti indici e dimensioni, il loro valore diagnostico nella previsione di una dilatazione del LA e nella fase clinica dei cani con malattia mixomatosa della valvola mitrale (MMVD).

In questo studio retrospettivo sono stati inclusi 111 cani con MMVD. In ogni cane sono stati misurati VLAS, RLAD, punteggio cardiaco vertebrale (VHS) e rapporto atrio sinistro-aorta (LA / Ao). È stata valutata la correlazione tra VLAS, RLAD e LA / Ao. L'accuratezza diagnostica di VLAS e RLAD è stata valutata per il rilevamento della dilatazione di LA e della stadiazione clinica utilizzando l'analisi della curva di ROC.

Disciplina Cardiologia

dog high five paw 091718 image 600w 400h d copiaA causa della mancanza di prove scientifiche evidenti, gli effetti della gonadectomia sul comportamento del cane sono ancora oggetto di dibattito. Tuttavia, le diverse opinioni dei medici veterinari potrebbero determinare una notevole difformità nelle indicazioni che sono fornite ai proprietari degli animali. Lo scopo di questo studio era quello di valutare gli effetti della gonadectomia sul comportamento del cane nel corso del tempo.

Sono stati inclusi nello studio 96 cani, questi comprendevano 48 cani interi (gruppo di controllo) e 48 cani sottoposti a gonadectomia (gruppo sperimentale). I proprietari degli animali sono stati intervistati due volte, prima della chirurgia (T0) e nove mesi dopo (T1), per ottenere informazioni sul comportamento del loro cane.

RX AngiostrongylusL'angiostrongilosi canina è una malattia parassitaria cardiopolmonare emergente causata dal nematode Angiostrongylus vasorum trasmesso da gasteropodi terrestri. Da un punto di vista clinico si possono osservare un ampio spettro di segni clinici aspecifici e la volpe rossa rappresenta il reservoir più importante per le infezioni del cane. In Italia questa malattia è stata ben documentata sia nelle regioni nord-occidentali che centro-meridionali, mentre è scarsamente riconosciuta nell'area nord-orientale del paese. Questo studio descrive i reperti diagnostici di due casi autoctoni di angiostrongilosi canina e di un caso in una volpe rossa rilevati nel nord-est dell'Italia.

Gli autori concludono affermando che la segnalazione dei casi è importante per i medici veterinari al fine di aumentare la loro consapevolezza e ottenere una rapida diagnosi di una malattia che può rivelarsi potenzialmente fatale.

Disciplina Parassitologia

fegato laparoGli autori dello studio in oggetto hanno voluto determinare la fattibilità della procedura di lobectomia epatica per via laparoscopica (LLL) nella specie canina, utilizzando cadaveri canini e descrivendone l'applicazione clinica nei pazienti con malattia epatica.

Dodici cadaveri sono stati pertanto sottoposti a LLL con una cucitrice endoscopica. La percentuale di lobo epatico resecato è stata determinata in volume. È stata misurata la distanza dalla linea di graffetta all'ilo ed infine sono state revisionate le cartelle cliniche dei cani sottoposti a LLL.

Disciplina Chirurgia generale
Pagina 1 di 229

VET Channel

eveditoria Editoria Scientifica

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.