Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 6771 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Visualizza articoli per tag: Cavallo

Domenica, 22 Marzo 2020 11:09

Microbiota fecale nei cavalli con asma

microbiofechorIl microbiota gastrointestinale può essere influenzato da diversi fattori, tra cui la dieta e l'infiammazione sistemica, e potrebbe a sua volta agire da modulatore della risposta allergica. Ad oggi, non erano presenti in letteratura studi che avessero indagato il microbiota fecale nei cavalli con asma.

L’obiettivo di questo studio osservazionale prospettico era quello di analizzare il microbiota fecale dei cavalli con e senza asma in condizioni ambientali e dietetiche diverse, sia durante la fase di remissione che durante l'esacerbazione della malattia.

Disciplina Medicina interna
Domenica, 22 Marzo 2020 10:48

Paraoxonasi-1 nel cavallo

pon1È stato dimostrato in diverse specie che la paraoxonasi-1 (PON-1), una glicoproteina di origine epatica, diminuisce in corso di infiammazione a causa della presenza di stress ossidativo. La sua misurazione è stata recentemente validata nel cavallo, ma il suo ruolo come marker clinico non è ancora noto.

L’obiettivo di questo studio trasversale, che ha coinvolto 3 ospedali veterinari per un totale di 172 campioni di sangue prelevati da 58 cavalli malati, era quello di valutare la sensibilità, la specificità e il rapporto di verosimiglianza (likelihood ratio) dell'attività della PON-1 nell’identificare i cavalli affetti da sindrome da risposta infiammatoria sistemica (SIRS, systemic inflammatory response syndrome) o i cavalli con prognosi sfavorevole.

Disciplina Medicina interna
Venerdì, 06 Marzo 2020 07:09

Miopatia atipica equina

Sycamore Maple tree flowerNel 2014 è stato scoperto che la miopatia atipica (MA) equina in Europa è collegata all’acero di monte, detto anche sicomoro (Acer pseudoplatanus). L'emergere di questa intossicazione stagionale causata da un albero nativo ha sollevato molte domande.

Questo manoscritto mira a rispondere alle cinque domande più frequenti riguardanti: (1) l'identificazione di alberi tossici; riduzione del rischio a livello (2) di pascoli e (3) di equidi; (4) il rischio associato ai pascoli in cui sono presenti gli aceri ma in cui non sono stati riportati casi di avvelenamento e (5) i periodi dell’anno a rischio.

Disciplina Tossicologia
Martedì, 11 Febbraio 2020 18:35

Uso responsabile degli antibiotici nel cavallo

eqantimicrGli obiettivi di questo studio erano quello di valutare il tasso di resistenza batterica a una combinazione di penicillina+gentamicina per via parenterale e a una combinazione di trimetoprim+sulfametossazolo per via orale e, in secondo luogo, quello di determinare il tasso di resistenza agli antimicrobici di seconda linea quando quelli di prima linea non sono efficaci.

Lo studio è consistito in un’analisi retrospettiva delle concentrazioni minime inibenti (MIC, minimal inhibitory concentration) degli antimicrobici in un campione costituito da 6354 colture batteriche, di cui 365 ottenute da pratiche ambulatoriali e 519 da un ospedale di riferimento.

Disciplina Farmacologia
Giovedì, 30 Gennaio 2020 22:05

Risveglio dall’anestesia nel cavallo

anestromifidesofNel cavallo, al termine di un’anestesia inalatoria, viene comunemente somministrata una sedazione al fine di migliorare la qualità del risveglio e ridurre il rischio di lesioni traumatiche.

L’obiettivo di questo studio clinico prospettico, randomizzato, mascherato era quello di valutare se la dexmedetomidina migliora la qualità del risveglio dall'anestesia con sevoflurano confrontandola con una dose precedentemente studiata di romifidina.

Disciplina Anestesiologia
Domenica, 19 Gennaio 2020 20:39

Condizionamento del fotoperiodo sul mantello equino

hair coat sheddingIl fotoperiodo è considerato il più importante stimolo ambientale che consente agli animali di anticipare e adattarsi ai cambiamenti stagionali. Nei mammiferi a riproduzione stagionale, le variazioni delle ore di luce alterano la secrezione epifisaria di melatonina e quella ipofisaria di prolattina. Nello specifico, con l’avanzare dell’inverno e la riduzione delle ore di luce, aumenta la secrezione di melatonina e si riduce quella di prolattina, condizione che in molte specie determina la crescita del mantello invernale. Studi hanno dimostrato, secondo il meccanismo inverso, che è possibile attivare la muta prolungando il fotoperiodo in maniera artificiale (aumentando le ore di luce).

Questo studio prevede 4 esperimenti longitudinali per determinare se il prolungamento delle ore di luce e delle alte temperature riuscissero a inibire la crescita del mantello invernale, a preservare il mantello estivo e accelerare la caduta del mantello invernale nei cavalli e nei pony.

Disciplina Altro
Martedì, 14 Gennaio 2020 23:04

Impiego di fluidi non sterili nel cavallo

fncDate le recenti difficoltà di approvviggionamento di fluidi commerciali (FC) per infusione endovenosa, in alcuni ospedali si è reso necessario il ricorso a fluidi non sterili (FNS) bilanciati. Non esistono studi che mettono a confronto l’outcome di cavalli trattati con infusione endovenosa di FNS rispetto a quella di FC e sono disponibili informazioni limitate sugli effetti avversi dei FNS.

L’obiettivo di questo studio retrospettivo era quello di indagare la mortalità, le complicanzioni, il pH ematico e le concentrazioni di elettroliti plasmatici in cavalli trattati con FNS e in cavalli trattati con FC.

Disciplina Medicina interna
Mercoledì, 18 Dicembre 2019 07:59

West Nile in Austria

viral encephalomyelitis encephalitisIn questo studio sono state riportate le caratteristiche dei primi sette casi equini confermati di malattia neuro-invasiva da virus West Nile in Austria. I casi si sono verificati tutti durante la stagione estiva o autunnale e, in particolare, 2 di questi nel 2016, 3 nel 2017 e 2 nel 2018.

Tutti i cavalli hanno mostrato deficit dell'andatura e 6 su 7 cavalli hanno mostrato fascicolazioni e/o tremori, di cui gli autori forniscono registrazioni video. Tre cavalli hanno anche mostrato il coinvolgimento del nervo cranico.

Giovedì, 12 Dicembre 2019 20:49

Flurochinolini nelle cavalle gravide

HorsePregnancyFT 1024x596Nonostante studi recenti abbiano dimostrato che l’enrofloxacina e la ciprofloxacina, pur superando la barriera placentare, non inducono lesioni evidenti nel feto di 9 mesi e nel puledro, molti professionisti sono ancora restii a prescrivere i fluorochinoloni durante la gestazione. Considerato che il momento più critico per lo sviluppo scheletrico fetale è rappresentato dai primi mesi di gestazione, sarebbe assolutamente importante sapere se la somministrazione dei fluorochinoloni in questa fase esercita un effetto condrotossico per il feto.

Lo scopo di questo studio era quello di valutare gli effetti sul feto conseguenti ad un trattamento con enrofloxacina della durata di 2 settimane, dal 46° al 60° giorno di gestazione.

Disciplina Farmacologia
Martedì, 10 Dicembre 2019 21:20

Tumori odontogeni nel cavallo

sisissisisI tumori odontogenici si presentano come gonfiori del viso localmente invasivi, a crescita lenta e a consistenza compatta. Sono rari in tutte le specie e vengono caratterizzati istologicamente in base al grado di differenziazione e dal tessuto dentale da cui originano. L'aspetto radiografico non ha un ruolo patognomonico in questo tipo di lesioni. La tomografia computerizzata (CT, computed tomographic) consente l'esatta determinazione dell'estensione e dell'aggressività del tumore.

Gli obiettivi di questo case series retrospettivo erano, in primo luogo, quello di descrivere la presentazione clinica, le caratteristiche della TC e l’outcome nei cavalli con tumori odontogenici confermati istologicamente e, in secondo luogo, quello di identificare le caratteristiche di imaging suggestive dei singoli tipi di tumori.

Pagina 1 di 129

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.