Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 7087 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Visualizza articoli per tag: Cavallo

Mercoledì, 30 Dicembre 2020 18:01

Carcinoma squamocellulare nel cavallo e nel gatto

SCC cavalloIl carcinoma a cellule squamose (Squamous cell carcinoma, SCC) è il più comune tumore sinonasale equino e orale felino. L’obiettivo di questo studio era quello di descrivere le caratteristiche tomografiche e istopatologiche del SCC equino e felino.

Sono stati inclusi, in modo retrospettivo, 13 cavalli e 10 gatti a cui era stato diagnosticato tramite istopatologia un SCC orale o sinonasale e che erano stati sottoposti a tomografia computerizzata (TC). Sono state annotate le caratteristiche TC della massa e delle strutture coinvolte. Gli esami istologici sono stati valutati secondo un sistema di classificazione utilizzato in medicina umana per SCC orale; quest’ultimo considerava quattro gradi crescenti di aggressività del processo neoplastico.

Disciplina Oncologia
Sabato, 05 Dicembre 2020 18:21

Effetti della terapia con omeprazolo nel cavallo

horse eatLa somministrazione di omeprazolo è stata associata, sia nell’uomo che nel cane, a cambiamenti nel microbiota gastrico e fecale e ad una maggiore incidenza di enterocolite da Clostridioides difficile.

Gli autori di questo studio prospettico controllato hanno voluto valutare l'effetto dell'omeprazolo sul microbiota gastrico e fecale in cavalli adulti sani.

Disciplina Gastroenterologia
Lunedì, 23 Novembre 2020 21:22

Malattie ematologiche immunomediate del cavallo

hematological horseAd oggi, risultano carenti gli studi riguardanti le informazioni sulla presentazione clinico-patologica, patologie associate e l’outcome dei cavalli con anemia emolitica immunomediata (IMHA) e trombocitopenia immunomediata (IMTP). Precedenti casi clinici suggerivano un’associazione fra neoplasia e sviluppo di malattia immunomediata.

Questo studio retrospettivo aveva quindi l’obiettivo di caratterizzare la presentazione clinica, i dati clinicopatologici, le patologie sottostanti, il trattamento e l'outcome dei cavalli con IMHA e IMTP. Gli autori avevano ipotizzato che l'IMHA con trombocitopenia concomitante si potesse verificare più spesso delle singole malattie (IMHA e IMTP), che le neoplasie potessero essere comunemente associate a queste malattie immunomediate e che i pazienti con tali patologie potessero spesso presentare una prognosi sfavorevole.

Disciplina Ematologia

Cavallo quarterL'iperparatiroidismo primario è una patologia rara nei grossi animali; pertanto si conosce poco riguardo la sua fisiopatologia, i test endocrini e le alterazioni elettrolitiche, la diagnosi, la gestione medica e la prognosi. Questo case report descrive la diagnosi clinico-patologica di un adenoma della ghiandola paratiroidea in una cavalla Quarter Horse di 12 anni, incluse le alterazioni del paratormone (PTH) e degli elettroliti associate alla neoplasia, la rimozione chirurgica dell'adenoma e la gestione medica del caso. Infine, questo case report descrive per la prima volta l'utilizzo dell'immunoistochimica per confermare la natura di questa neoplasia in un cavallo.

“Primary Hyperparathyroidism in a Quarter Horse Mare Associated With a Chief Cell Adenoma” Shannon Darby, et al. J Equine Vet Sci. 2020 Dec;95:103302. doi: 10.1016/j.jevs.2020.103302.

Disciplina Endocrinologia

asma cavalloL'ipertensione polmonare e il cuore polmonare sono complicazioni riconosciute nei quadri gravi di asma nella specie equina e si verificano come conseguenza della vasocostrizione ipossica polmonare. Tuttavia, poiché l'ipertensione polmonare è solo parzialmente reversibile mediante somministrazione di ossigeno, è probabile che siano coinvolti altri fattori eziologici. Nella broncopneumopatia cronica ostruttiva umana, il rimodellamento dell'arteria polmonare contribuisce allo sviluppo dell'ipertensione polmonare. Nei modelli di roditori, il rimodellamento vascolare polmonare è presente come conseguenza dell'infiammazione su base allergica delle vie aeree. 

Il presente studio ha voluto quindi studiare la presenza del rimodellamento delle arterie polmonari nell'asma equino grave, la sua distribuzione nei polmoni e la sua reversibilità a seguito di strategie di prevenzione antigenica a lungo termine e somministrazione di corticosteroidi per via inalatoria. 

Disciplina Broncopneumologia
Venerdì, 13 Novembre 2020 11:42

Artrite settica nel puledro

A young foal of a dark brown color grazes on a green meadow against a background of a young forest in the rays of the setting sun in the Caucasus.In letteratura sono presenti informazioni limitate riguardo i fattori associati alla sopravvivenza e sulle performance di gara a lungo termine nei puledri purosangue trattati per l'artrite settica. L’obiettivo di questo studio era quello di indagare i fattori associati alla sopravvivenza e analizzare le performance di gara dei puledri con artrite settica rispetto a puledri sani nati dalla stessa fattrice.

Sono state esaminate, in maniera retrospettiva, le cartelle cliniche di puledri purosangue di età ≤180 giorni che erano stati sottoposti a lavaggio artroscopico per il trattamento dell’artrite settica tra il 2009 e il 2015. È stata utilizzata un'analisi di regressione logistica per determinare i fattori associati alla sopravvivenza o alle performance di gara. Sono stati, quindi, confrontati i dati tra i puledri trattati per l'artrite settica e i puledri sani nati dalla stessa fattrice.

Disciplina Ortopedia

terapie cavalloIn medicina umana, la sepsi è associata alla deplezione dell'acido ascorbico (AA) e all’insufficienza corticosteroidea legata allo stato di criticità del paziente (CIRCI). Gli autori di questo studio sperimentale randomizzato controllato con placebo hanno ipotizzato che l'infusione endovenosa di lipopolisaccaride (LPS) nella specie equina: (a) possa ridurre le concentrazioni endogene di AA e (b) possa indurre CIRCI. Infine, in ultima ipotesi, (c) la somministrazione di una combinazione di AA e idrocortisone (HC) potrebbe portare ad una riduzione dei marker infiammatori rispetto all’utilizzo dei suddetti farmaci in monoterapia.

Nello studio sono stati inclusi 32 cavalli sani, i quali sono stati successivamente assegnati a 1 dei 4 gruppi terapeutici (soluzione salina, AA e HC, solo AA o solo HC). I trattamenti sono stati somministrati un'ora dopo il completamento dell'infusione di LPS. Sono stati valutati in diversi momenti: i segni clinici, le variabili clinico-patologiche, l'espressione genica e la produzione di citochine pro-infiammatorie, insieme alle concentrazioni plasmatiche di AA. Per la valutazione del CIRCI, sono stati analizzati: le concentrazioni sieriche di cortisolo e i test di stimolazione con ACTH.

Disciplina Medicina d'urgenza

TH LEGACY IMAGE ID 306 horse drinking water 1280x640 1Attualmente esistono opzioni limitate per diagnosticare un danno renale acuto (AKI) nei cavalli. La dimetilarginina simmetrica (SDMA) viene abitualmente utilizzata nella medicina umana e nei piccoli animali. L’obiettivo di questo studio era quello di valutare le concentrazioni sieriche di SDMA in cavalli sani e cavalli con AKI. Un ulteriore obiettivo era quello di valutare l'associazione tra: 1) età, 2) sesso, 3) peso corporeo o 4) livelli sierici di creatinina/urea e le concentrazioni sieriche di SDMA.

Sono stati inclusi nello studio 53 cavalli sani, inclusi 17 puledri (2-6 mesi di età) e 36 cavalli adulti (3-29 anni di età); in aggiunta sono stati inclusi 23 cavalli con AKI sulla base di anamnesi, esame fisico, analisi del sangue, analisi delle urine ed esame ecografico delle vie urinarie. Le concentrazioni sieriche di SDMA sono state misurate utilizzando un test ELISA commerciale non specifico per la specie.

Disciplina Nefrologia-Urologia

dex horseLe lesioni strangolanti dell'intestino tenue nel cavallo hanno una maggiore morbidità e mortalità rispetto alle ostruzioni non strangolanti. Ciò è conseguenza della rottura della barriera mucosale e della conseguente endotossiemia.

Gli autori di questo studio prospettico randomizzato controllato si sono posti l’obiettivo di studiare gli effetti protettivi della dexmedetomidina sul danno da ischemia-riperfusione dell'intestino tenue nel cavallo.

Disciplina Chirurgia generale

epidural horseL'analgesia epidurale mediante oppioidi si è dimostrata efficace da un punto di vista analgesico nel cavallo. Poche prove vi sono sull'effetto dell'analgesia epidurale oppioide sulla qualità del recupero nei cavalli.

Gli autori avevano l’obiettivo di verificare se l'analgesia epidurale da oppioidi potesse influenzare la qualità del recupero nei cavalli sottoposti ad anestesia generale per il management della sepsi sinoviale degli arti posteriori.

Disciplina Anestesiologia
Pagina 1 di 133

SCIVAC Rimini Web

eveditoria Editoria Scientifica

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.