Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 6514 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Giovedì, 01 Agosto 2019 23:17

Indagine italiana sulla leishmaniosi felina

cat leishL'infezione da Leishmania infantum, così come casi clinici di leishmaniosi, nei gatti sono stati recentemente segnalati in diversi paesi del bacino del Mediterraneo, con una grande variabilità relativamente ai dati di prevalenza. La difficoltà di confrontare tra loro i dati disponibili dipende dalle differenti tecniche diagnostiche impiegate e dalle popolazioni di gatti campionate.

Gli scopi di questo studio erano quello di indagare la prevalenza dell'infezione da L. infantum nei gatti di proprietà del territorio italiano attraverso test sierologici e molecolari e quello di identificare potenziali fattori di rischio.

kittenCGUno studio ha voluto indagare se vi fossero alcuni eventi/condizioni verificatisi nelle prime 16 settimane di vita che accomunassero i gatti che venivano portati dal veterinario per sintomi gastroenterici in almeno due occasioni tra i 6 e i 30 mesi di età.

Ai proprietari di 1212 gatti sono stati sottoposti 2 questionari, di cui il primo relativo alle prime 16 settimane di vita e il secondo relativo al periodo tra i 6 e i 30 mesi d’età.

Disciplina Gastroenterologia

veterinary cat face grey eyes yellow 166423370 450Lo scopo di questo studio era quello di indagare gli effetti antiemetici, comportamentali e fisiologici del trattamento con maropitant orale prima della somministrazione della soluzione di brimonidina oftalmica nei gatti sani.

Lo studio ha incluso 5 gatti che hanno ricevuto 8 mg di maropitant o nessun trattamento (controllo) 18 ore prima della somministrazione di una goccia di soluzione di brimonidina in entrambi gli occhi. Ad ogni gatto è stato somministrato ciascuno dei due trattamenti, con un periodo di washout di 1 settimana. L'incidenza di emesi, conati di vomito, scialorrea e leccamento delle labbra dopo la somministrazione di brimonidina è stata registrata, mentre i parametri comportamentali e fisiologici, tra cui la frequenza cardiaca, la pressione arteriosa media, la frequenza respiratoria e la temperatura rettale, sono stati registrati prima e 0, 30, 60, 90, 120, 180 e 240 minuti dopo la somministrazione di brimonidina.

Disciplina Medicina interna
Domenica, 21 Luglio 2019 15:44

Ecografia cardiaca focalizzata nel gatto

cat heart murmur 410832In medicina umana l'ecografia cardiaca focalizzata (FCU, Focused cardiac ultrasound) è d’ausilio nell’identificare la cardiopatia occulta.

Gli autori di questo studio di coorte prospettico multicentrico ipotizzano che l'ecografia cardiaca focalizzata eseguita da un operatore non-specialista (ONS) aumenti la probabilità di diagnosticare malattie cardiache occulte in gatti asintomatici rispetto all'esame obiettivo e all'ECG.

Disciplina Cardiologia
Domenica, 21 Luglio 2019 13:43

Malattia delle basse vie urinarie del gatto

flutd 133La malattia delle basse vie urinarie del gatto (FLUTD, feline lower urinary tract disease) causa segni clinici quali stranguria, pollachiuria, ematuria, vocalizzazioni e periuria. In molti soggetti questa condizione tende spesso a recidivare.

L'obiettivo principale di questo studio era quello di indagare il decorso a lungo termine dei gatti presentati per FLUTD in termini di tasso di recidiva e mortalità.

Disciplina Nefrologia-Urologia

cat lying on pillowIl diabete mellito è la causa principale di malattia renale cronica (CKD, chronic kidney disease) nelle persone. Non è chiaro se vi sia una correlazione tra le due malattie nel gatto.

Uno studio retrospettivo multicentrico ha indagato l’associazione tra diabete e CKD in una popolazione di gatti adulti.

Disciplina Medicina interna

tcc catIl carcinoma a cellule transizionali (TCC, transitional cell carcinoma) è una neoplasia rara nel gatto con una prevalenza stimata dello 0,18%. I gatti con TCC mostrano segni clinici sovrapponibili a quelli presenti in patologie più comuni del tratto urinario, come la cistite idiopatica felina o le infezioni del tratto urinario. I segni clinici sono aspecifici e comprendono ematuria, pollachiuria o stranguria. In letteratura non sono presenti studi in cui siano state descritte le caratteristiche ecografiche del TCC felino.

Questo studio retrospettivo multicentrico si è posto l’obiettivo di descrivere le caratteristiche ecografiche del TCC felino e di valutarne le eventuali somiglianze ecografiche con il TCC canino. Gli autori hanno ipotizzato che il pattern ecografico del TCC sarebbe stato simile tra le due specie.

Disciplina Oncologia

nasofarinxL’obiettivo di questo studio era quello di descrivere l'uso della palatoplastica estesa come trattamento della stenosi nasofaringea caudale nei gatti.

In 6 gatti domestici a pelo corto con segni clinici compatibili con stenosi rinofaringea (russamento n=4, stertore n=4, secrezione nasale n=3 e starnuti n=1), la diagnosi è stata confermata mediante esame TC, che ha evidenziato una stenosi dei tessuti molli a livello del rinofaringe caudale. Altre alterazioni riscontrate includevano rinite bilaterale (n=3), linfadenomegalia retrofaringea (n=2), sinusite monolaterale (n=1) e otite esterna bilaterale con otite media unilaterale (n=1). La palatoplastica estesa rostrale alle tonsille è stata effettuata mediante elettrocauterio monopolare consentendo la simultanea rimozione della parte aborale del palato molle e dell'area stenotica. I gatti sono stati rivalutati 2 settimane dopo l'intervento. Un colloquio telefonico è stato utilizzato per ottenere un follow-up a lungo termine.

Disciplina Chirurgia generale

pancre cistQuesto case report descrive il caso di una gatta domestica a pelo corto femmina sterilizzata di 15 anni con vomito a cadenza giornaliera da un anno, non correlato all'assunzione di cibo.

L'esame fisico e i risultati degli esami ematochimici erano irrilevanti tranne che per la presenza di un soffio cardiaco di grado II/VI a sinistra e una lieve iperazotemia persistente. All’ecografia addominale era stata evidenziata una struttura cistica multilobulata situata tra la milza e il rene sinistro.

Disciplina Chirurgia generale

emesiL’obiettivo di questo studio prospettico, crossover, in cieco e randomizzato era quello di confrontare l'efficacia dell’idromorfone e della dexmedetomidina nell’indurre l’emesi nei gatti.

Sono stati impiegati 12 gatti che hanno ricevuto idromorfone (0,1 mg/kg SC) o dexmedetomidina (7 μg/kg IM) e, nelle 6 ore successive alla somministrazione, sono stati registrati l'incidenza del vomito, il numero di episodi emetici, i segni di nausea (ipersalivazione, leccamento delle labbra), la temperatura, la frequenza cardiaca, la frequenza respiratoria e il grado di sedazione.

Disciplina Altro
Pagina 1 di 126

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.