Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 6252 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

pulciniLe infezioni sistemiche sostenute da Escherichia coli sono causa di mortalità precoce nei broiler. Sebbene l'enrofloxacina sia da tempo impiegata in questa specie aviare, non è ad oggi ancora chiara quale sia la relazione farmacocinetica/farmacodinamica (PK/PD) in vivo di tale antibiotico nei confronti di E. coli.

L’obiettivo di questo studio era quello di stabilire un modello di PK/PD in vivo dell’enrofloxacina contro E. coli in pulcini di sette giorni e di accertare se tale modello fosse influenzato dalla scelta dell’organo bersaglio.

I risultati di questa indagine hanno dimostrato che l’efficacia in vivo dell’enrofloxacina nei confronti di E. coli è diversa in funzione dell’organo bersaglio. Il rapporto tra l’area sottesa alla curva nelle 24 ore e la minima concentrazione inibente (AUC0-24/MIC), sia nel caso dell’enrofloxacina da sola sia nel caso dell’associazione tra enrofloxacina e ciprofloxacina, si correlava con l’efficacia in ciascun organo. Nello specifico, il rapporto AUC0-24/MIC dell’associazione di enrofloxacina e ciprofloxacina in grado di espletare la funzione battericida era rispettivamente di 21,29 e 32,13 nel sangue; 41,68 e 58,52 nel fegato e 27,65 e 46,22 nel polmone.

Gli autori concludono che l'efficacia in vivo dell’enrofloxacina nei confronti di E. coli, a parità di dosaggio, era differente in funzione dell’organo bersaglio considerato. Questo concetto deve essere tenuto in considerazione per la scelta della dose di antibiotico da somministrare al fine di garantire l’efficacia della terapia.

 

“In vivo pharmacokinetic/Pharmacodynamic modeling of Enrofloxacin against Escherichia coli in broiler chickens” Xiao X, et al. BMC Vet Res. 2018 Nov 29;14(1):374. doi: 10.1186/s12917-018-1698-3.

Disciplina Farmacologia
Lunedì, 03 Dicembre 2018 11:12

Aminoacidi solforati nella dieta del broiler

np74ub4j54Parte della Metionina (Met) presente nelle diete dei broiler viene convertita in Cistina (Cys), ma la percentuale con cui tale fenomeno si verifica non è nota e potrebbe portare ad un eccessivo apporto di Met. Gli autori di questo studio sostengono che tale inconveniente potrebbe essere facilmente evitato conoscendo il rapporto ideale Met:Cys/aminoacidi solforati totali (AAST) e la percentuale di conversione della Met in Cys.

I risultati di questo studio hanno dimostrato che le fonti di Met non hanno influito sulle performance. Impiegando un rapporto Met/AAST del 52%, l'aumento di peso corporeo ottimale è stato stimato in 1007 g/giorno è il rapporto di conversione alimentare ottimale è stato stimato in 1,49. L'assunzione di cibo non è stata influenzata dal rapporto Met:Cys/AAST. La percentuale con cui la Met è stata convertita in Cys variava dal 27 al 43% in base ai diversi rapporti Met:Cys/AAST, essendo maggiore quando il rapporto era 56:44.

In base ai risultati ottenuti, nelle diete per broiler da 14 a 28 giorni di età, la concentrazione minima di Met rispetto alla Cys in funzione della quantità di AAST è del 52% (52:48 Met:Cys/AAST). Gli autori concludono che più è alto l’apporto di Met nelle diete, maggiore è la sua conversione in Cys.

 

“Methionine to cystine ratio in the total sulfur amino acid requirements and sulfur amino acid metabolism using labelled amino acid approach for broilers” Pacheco LG, et al. BMC Vet Res. 2018 Nov 22;14(1):364. doi: 10.1186/s12917-018-1677-8.

sdmIl grasso, nei polli da carne, è un effetto collaterale indesiderato, indotto dalla selezione genetica.

In questo studio, è stata introdotta la polvere di sedano di montagna come integratore alimentare al fine di sopprimere la lipogenesi e migliorare lo stato antiossidante.

Polli da carne maschi (Ross 308) sono stati alimentati, per 42 giorni, con una dieta di controllo oppure con una dieta supplementata con 7,5 g/kg di sedano di montagna (SdM).

L'aumento di peso corporeo e l’indice di conversione alimentare sono migliorati significativamente (P <0,05) nei pulcini alimentati con SdM. Inoltre, nel fegato dei polli alimentati con SdM, è stata osservata una significativa down-regulation dei geni coinvolti nella lipogenesi epatica, inclusi acetil CoA carbossilasi, acido grasso sintasi, enzima malico e lipoproteina lipasi. Dall’altro lato, questi soggetti hanno avuto anche una maggiore up-regulation compensatoria dei geni antiossidanti SOD1 e catalasi rispetto a quelli che hanno assunto la dieta di controllo. Il gruppo di polli trattati con SdM presentavano un livello significativamente più basso di perossidazione lipidica rispetto al gruppo di controllo (P = 0,0024), concentrazioni ematiche significativamente più basse di triacilgliceroli, colesterolo e LDL, ma concentrazioni più elevate di HDL. Il peso relativo del fegato e il deposito di grasso addominale erano ridotti significativamente durante la somministrazione di SdM.

Gli autori concludono che l’aggiunta di SdM alla dieta dei polli sopprime significativamente la lipogenesi epatica e aumenta la capacità antiossidante.

 

“Evaluation of hepatic lipogenesis and antioxidant status of broiler chickens fed mountain celery” Ahmadipour B, et al. BMC Vet Res. 2018 Aug 13;14(1):234. doi: 10.1186/s12917-018-1561-6.

Venerdì, 07 Giugno 2002 17:36

Franciosini M.P., Asdrubali G.

Recenti acquisizioni sulla leucosi mieloide e linfoide del pollo
Disciplina Riviste

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.