Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 6514 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Lunedì, 15 Luglio 2019 10:09

Metionina rumine-protetta nelle vacche

crazy dairyAlcuni studi hanno dimostrato che l'integrazione di metionina nelle diete dei bovini ha effetti positivi sull'ambiente uterino, sulla qualità dell'oocita e sullo sviluppo dell'embrione.

L'obiettivo di questo studio era quello di valutare gli aspetti riproduttivi delle vacche che ricevevano una integrazione con metionina rumine-protetta (MRP) durante la fase precoce e media della lattazione (da circa il dodicesimo al centoquarantesimo giorno post-partum), confrontandoli con quelli di un gruppo di vacche di controllo non trattate. Inoltre, è stato indagato l'effetto delle patologie puerperali sulle prestazioni riproduttive sia nel gruppo che riceveva l’integrazione con MRP che nel gruppo di controllo.

Disciplina Riproduzione

230117 landgate farm cattle P1010736Studi precedenti hanno dimostrato che la gravità delle lesioni polmonari valutata, al momento della diagnosi di broncopolmonite (BP), mediante ecografia toracica (ECO-t) è in grado di predire la morte nei manzi che, a seguito della diagnosi, non sono stati sottoposti ad alcun tipo di trattamento. Attualmente non ci sono studi in letteratura che confermino che tali lesioni polmonari rilevate tramite ECO-t siano associate ad outcome negativi nei bovini con BP che, a seguito della diagnosi, siano stati sottoposti ad una terapia medica.

L’obiettivo di questo studio era quello di indagare se la gravità delle lesioni polmonari rilevate con ECO-t influenzasse il tasso di recidiva e l’incremento ponderale medio giornaliero (IPMG) dei bovini da carne alla prima diagnosi di BP.

bov urineLa concentrazione urinaria (CU) fornisce informazioni clinicamente utili riguardanti lo stato di idratazione e la funzionalità renale.

L’obiettivo di questo studio era quello di stabilire quale dei seguenti parametri fosse più idoneo per valuatre la CU nei bovini da latte: peso specifico urinario misurato con rifrattometro ottico (USG-R), peso specifico urinario valutato mediante dipstick Multistix-SG (USG-D), conduttività elettrica urinaria quantificata mediante un misuratore di conduttività OAKTON Con 6 (CEU), colore dell'urina (Colore-U) utilizzando una scala di tonalità a 8 punti e, infine, concentrazione della creatinina urinaria (Crea-U).

Disciplina Nefrologia-Urologia

mastIl batterio Escherichia coli causa, in tutto il mondo, un numero significativo di casi di mastite clinica nei bovini da latte. La sensibilità antimicrobica di E. coli è importante per la salute umana e animale. Studi di sorveglianza hanno rilevato che l'efficacia della maggior parte degli antibiotici è sostanzialmente preservata, ma è stata segnalata la presenza di colonie di E. coli isolate da casi di mastite clinica che producono beta-lattamasi in grado di conferire una resistenza multi-farmaco.

Lo scopo di questo studio era quello di stabilire se un terreno di agar MacConkey integrato con 8 mg/L di ceftiofur (MC-CEF) possa essere uno strumento utile per identificare, tra le colonie di E. coli isolate dai casi di mastite bovina, quelle resistenti alle cefalosporine e quelle multiresistenti.

Disciplina Farmacologia
Martedì, 30 Aprile 2019 19:13

Papillomavirus bovino

BPVI Papillomavirus sono, tra i virus animali, quelli con la più vasta diffusione, considerato che molti ospiti possono albergare anche più specie differenti.

L’obiettivo di questo studio era quello di valutare il profilo ematologico e immunofenotipico di bovini infetti dal Papillomavirus bovino (BPV, bovine papillomavirus).

Domenica, 28 Aprile 2019 23:14

Endotossine nei vitelli diarroici

CalfDiarrheaUno studio prospettico osservazionale ha indagato se il lipopolisaccaride (LPS) fosse presente nel plasma dei vitelli con diarrea. Il secondo obiettivo consisteva nel determinare se la concentrazione plasmatica di LPS fosse correlata con le variabili cliniche, ematologiche, biochimiche e con l’assetto acido-base e, infine, se la concentrazione di LPS diferisse tra i vitelli diarroici sopravvissuti e quelli non sopravvissuti.

Sono stati inclusi 34 vitelli di età inferiore a 28 giorni, ricoverati e trattati per la diarrea, e 30 vitelli sani come gruppo di controllo. Sono stati raccolti i dati demografici, i riscontri dell’esame fisico, i parametri emogasanalitici e biochimici e l’outcome. La concentrazione plasmatica di LPS è stata determinata, sia nei vitelli diarroici sia nel gruppo di controllo, usando un saggio ELISA specifico per il bovino.

Disciplina Medicina interna

dairy vaccinationLa selezione di ceppi batterici resistenti è una evenienza che sta coinvolgendo il mondo intero; l’abuso o l’impiego scorretto degli antibiotici sta alla base di questa preoccupazione che minaccia la salute pubblica e quella animale. Alcuni paesi europei, come Paesi Bassi, Belgio e Danimarca, hanno adottato metodi per quantificare l’uso di antibiotici nel contesto dell’azienda agricola. Nel 2014, la Società Veterinaria operante nel settore zootecnico (SIVAR) ha lanciato un software, disponibile per tutti i membri, con l’obiettivo di quantificare l’effettivo utilizzo degli antibiotici all’interno delle aziende. Il software utilizza il sistema “Defined Daily Dose” (DDD, dose definita giornaliera), raccomandato dall’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità, per controllare l’uso di antibiotici umani) e dall’EMA (European Medicines Agency, per controllare l’uso di antibiotici zootecnici). Questo stesso sistema è impiegato, seppur con alcune differenze nel processo di calcolo, nei Paesi Bassi, in Belgio e in Danimarca. La SIVAR ha deciso di adottare il sistema di calcolo scelto dai Paesi Bassi a causa del loro ruolo di avanguardia nel settore lattiero-caseario.

Il presente studio, condotto in collaborazione con SIVAR presso aziende lattiero-casearie del Piemonte, ha come obiettivo principale quello di accertare la quantità media di antibiotico utilizzato e le sue modalità di impiego mediante il sistema “Defined Daily Dose on a year” (DDD/y, dose definita giornaliera su base annua). I risultati sono stati quindi confrontati con quelli olandesi, adottando gli stessi riferimenti attualmente utilizzati nei Paesi Bassi. Lo scopo secondario dello studio è quello di suggerire possibili modi per migliorare il software impiegato per calcolare la DDD/y per ogni azienda in funzione del tipo di antibiotico utilizzato e della categoria specifica di animali (vacche, giovenche e vitelli in allattamento).

Disciplina Altro
Lunedì, 18 Marzo 2019 03:03

Oli essenziali nelle vacche da latte

oilI risultati di recenti studi sperimentali in vitro suggeriscono che gli oli essenziali (OE) possono non solo influenzare le fermentazioni ruminali, ma anche modulare l'assorbimento di cationi, quali Na+, Ca2+ e NH4+, attraverso l’epitelio ruminale di bovini e ovini, mediante l'interazione diretta con proteine di trasporto epiteliali.

Questo studio si è posto l’obiettivo di verificare in vivo questa ipotesi testando l'effetto di una miscela di OE sullo stato dei cationi e sull'efficienza alimentare dei mangimi nelle vacche in lattazione.

AI

L'obiettivo di questo studio era quello di confrontare il tasso di gravidanza per inseminazione artificiale ottenuto mediante inseminazione con seme convenzionale (SC) o con seme sessuato (SS) in vacche da latte sottoposte a uno dei tre protocolli di sincronizzazione degli estri.

Disciplina Riproduzione

3 28Le diete ricche di carboidrati possono aumentare l'escrezione urinaria di cromo (Cr) e, di conseguenza, aumentarne il fabbisogno.

Questo studio aveva la finalità di valutare l'influenza esercitata dal tipo di cereale (orzo o mais) e dalla supplementazione di Cr sull'assunzione di cibo, sul comportamento alimentare e sull'aumento di peso nei vitelli da latte.

Pagina 1 di 16

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.