Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 6888 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Visualizza articoli per tag: cavia

Venerdì, 05 Giugno 2020 11:00

Ovariectomia laparoscopica nella cavia

cavlapL’obiettivo di questo studio pilota sperimentale era quello di valutare l’attuabilità e la sicurezza dell'ovariectomia laparoscopica nelle cavie utilizzando strumenti minilaparoscopici da 3 mm.

Tre cavie sono state sedate, poste in anestesia generale e intubate sotto visualizzazione endoscopica. È stata utilizzata una tecnica a 3 porte, con una cannula da 3,9 mm per l'endoscopio e due cannule da 3,5 mm per gli strumenti endoscopici da 3 mm, tra cui un dispositivo di sigillatura dei vasi da 3 mm, pinze da presa e forbici endoscopiche. L'addome è stato insufflato con CO2 ad una pressione di 6-8 mm Hg. Le cavie sono state inclinate lateralmente di 90°, prima su un fianco e poi sull’altro, per visualizzare di volta in volta l’ovaio posizionato dorsalmente.

Disciplina Chirurgia generale
Domenica, 29 Marzo 2020 19:29

Insulinoma in una cavia

insulcaviaNelle cavie gli insulinomi sono scarsamente documentati.

In questo case report viene descritto il caso di una cavia femmina di 2,5 anni con grave ipoglicemia, head tilt, debolezza, perdita di peso, ipotermia e con una struttura intra-addominale evidenziata all’esame radiografico.

Disciplina Endocrinologia
Venerdì, 24 Gennaio 2020 08:13

Linfoadenopatia nelle cavie

cavia linfLa linfoadenopatia è una condizione comunemente riscontrata nelle cavie che contraggono infezioni batteriche sostenute da microrganismi quali Streptococcus zooepidemicus, Yersinia pseudotuberculosis, Bordetella e Salmonelle (S. linate) che raggiungono i linfonodi cervicali attraverso abrasioni della mucosa orale.

In questo studio, sono state indagate tutte le possibili alterazioni presenti negli strisci citologici ottenuti dai linfonodi cervicali delle cavie con linfoadenopatia.

Disciplina Medicina interna
Domenica, 10 Marzo 2019 16:25

Ipertiroidismo nella cavia

pigDal database di un laboratorio diagnostico privato sono state selezionate le cavie con un valore di tiroxina totale (TT4) superiore a 66,9 nmol/l. Ai veterinari curanti sono stati inviati questionari standardizzati al fine di raccogliere informazioni di base sui segni clinici, la terapia attuata e la sua efficacia.

Sono state identificate un totale di 40 cavie, di cui 18 maschi (7 dei quali castrati), 21 femmine intere e di un individuo il sesso non era noto. Le concentrazioni di TT4 erano più frequentemente aumentate nelle cavie anziane. L'età media dei soggetti colpiti era di 5 anni. I segni clinici più comuni erano la perdita di peso associata ad un appetito mantenuto o aumentato.

Disciplina Endocrinologia
Mercoledì, 16 Gennaio 2019 00:24

Ipertiroidismo nella cavia

imagesNello studio sono state selezionate 40 cavie con un valore di tiroxina totale (TT4) > 66,9 nmol/l di cui sono stati raccolti i dati relativi ai segni clinici, alla terapia e alla sua efficacia.

Diciotto di questi soggetti erano maschi, 7 dei quali castrati; 21 erano femmine intere e di un esamplare non era noto il sesso. Il riscontro di un aumento del TT4 ematico era più frequente nelle cavie anziane e l'età media dei soggetti colpiti era di 5 anni. Il sintomo clinico più rilevante era la perdita di peso associata ad un appetito mantenuto o aumentato. I due terzi degli animali avevano masse palpabili nella regione ventrale del collo, considerate di pertinenza della tiroide, ma tali masse non erano correlate con aumentate concentrazioni di TT4 nel sangue.

Disciplina Endocrinologia
Lunedì, 14 Maggio 2018 10:31

Effetto sedativo dell’alfaxalone nella cavia

caviaUno studio prospettico sperimentale ha valutato l'efficacia e gli effetti collaterali dell’alfaxalone somministrato per via intramuscolare (IM) come agente sedativo in 30 porcellini d'India sottoposti a radiografie diagnostiche.

Dopo un attento esame di base, ad ogni soggetto sono stati somministrati 5 mg/kg di alfaxalone IM. In particolare, prima e dopo la sedazione a intervalli di 5 minuti, sono stati valutati: frequenza cardiaca, saturazione di ossigeno, frequenza respiratoria, temperatura corporea rettale, alcuni riflessi e reazioni alle manipolazioni. Infine, sono stati osservati e registrati il tempo trascorso dall'inizio della sedazione al ritorno della locomozione e movimenti coordinati degli arti, la qualità del recupero e il verificarsi di effetti indesiderati.

Disciplina Anestesiologia
Sabato, 14 Dicembre 2002 01:13

Russo G.

Disciplina Riviste
Sabato, 14 Dicembre 2002 00:48

Benini F.

Disciplina Riviste
Venerdì, 07 Giugno 2002 17:36

Capello V.

Disciplina Riviste
Venerdì, 07 Giugno 2002 17:36

Capello V.

Disciplina Riviste
Pagina 1 di 2

SCIVAC Rimini Web

eveditoria Editoria Scientifica

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.