Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 7663 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Visualizza articoli per tag: serpenti

b7a97144 71b0 460e 9200 d7a784f31020I Serpentoviruses (ordine Nidovirales) sono un'importante causa di malattie respiratorie nei serpenti. Sebbene gli studi sulla trasmissione abbiano dimostrato che i serpentoviruses possono causare malattie respiratorie nei pitoni, non è ancora chiaro il ruolo potenziale di agenti patogeni concomitanti. In particolare, sono disponibili in letteratura veterinaria informazioni limitate sul ruolo delle infezioni da mycoplasma e chlamydia nei pitoni.

Nel presente studio sono stati valutati i campioni diagnostici (prevalentemente tamponi orali) di 271 pitoni, di generi diversi, inviati presso un singolo laboratorio per il rilevamento di serpentoviruses. I campioni sono stati sottoposti a screening mediante PCR per il rilevamento di mycoplasma e chlamydia.

Tentacle snakeIl serpente dai tentacoli (Erpeton tentaculatum) è un serpente acquatico viviparo desiderabile nei parchi zoologici grazie al suo aspetto unico e alle sue strategie di alimentazione. Nonostante la sua presenza negli zoo negli ultimi 50 anni, i dati in letteratura sulla mortalità e morbilità di questa specie risultano essere limitate. L’obiettivo di questo studio era quello di valutare retrospettivamente 125 referti patologici di serpenti dai tentacoli, ottenuti tra il 1996 e il 2017 presso il “The Wildlife Conservation Society's Bronx and Central Park zoos” di New York.

I risultati hanno mostrato che poco più della metà dei decessi era dovuta a malattie infettive (n = 67; 53,6%) e di questi, oltre la metà (n = 40; 59,7%) era dovuta a micosi cutanee. Paranannizziopsis spp. era il microrganismo isolato nella maggior parte dei casi. Anche la morte per infezione batterica era relativamente comune (n = 21; 16,8%) e in un terzo dei casi (n = 7; 5,6%) sono stati riscontrati bacilli intralesionali compatibili con Mycobacterium spp. Le comorbilità più comuni includevano: parassiti gastrointestinali (n = 44; 35,2%), patologie renali (n = 31; 24,8%) e accumulo lipidico negli epatociti (n = 13; 10,4%).

Venerdì, 07 Giugno 2002 17:36

E.A. Russo

Disciplina Riviste

VET Channel

eveditoria Editoria Scientifica

0
Shares
0
Shares