Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 7390 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Michele Tumbarello Med Vet PhD student

Michele Tumbarello Med Vet PhD student

ernia periNei cani adulti è stata ipotizzata una possibile associazione tra lo sviluppo di ernie inguinali acquisite non traumatiche (NAIH) ed ernie perineali (PH). L'obiettivo di questo studio era valutare la frequenza di diagnosi concomitanti di IP nei cani presentati con NAIH e determinare potenziali fattori di rischio per lo sviluppo concomitante di IP e NAIH.

Sono state revisionate retrospettivamente le cartelle cliniche dei cani maschi adulti presentati per NAIH in 4 ospedali tra il 2007 e il 2017. 

ipercobalaminemia caneLa concentrazione di cobalamina viene spesso valutata nella pratica clinica, ma si sa poco sul significato dell'ipercobalaminemia. L'obiettivo di questo studio retrospettivo era identificare le condizioni associate all'ipercobalaminemia nei cani e studiare l'associazione con le variabili clinicopatologiche.

Sono state revisionate le cartelle cliniche dei cani con cobalamina sierica misurata tra il 2016 e il 2018. 

glioma dogI gliomi sono tumori relativamente comuni nei cani anziani (soprattutto razze brachicefale) e il cane si sta dimostrando utile come modello traslazionale per gli esseri umani affetti da tumori cerebrali. Finora, ci sono relativamente pochi dati prognostici per i gliomi canini e nessuno sugli outcome relativi a specifiche caratteristiche istologiche. 

Sono state pertanto revisionate le sezioni istologiche di biopsie tumorali di 33 cani con glioma trattati con resezione chirurgica e immunoterapia e 21 cervelli interi ottenuti post mortem. I tumori sono stati diagnosticati come glioma astrocitico, oligodendrogliale o indefinito utilizzando i criteri del Comparative Brain Tumor Consortium. Sono state inoltre valutate le caratteristiche presunte della malignità, vale a dire conta mitotica, vascolarizzazione glomeruloide e necrosi. 

Domenica, 18 Luglio 2021 16:14

Valutazione del rapporto pu/cu negli ovini

urine ovineIl rapporto proteine ​​urinarie:creatinina urinaria (UPC) è considerato il test di riferimento per valutare la proteinuria. Il suo valore diagnostico in medicina ovina necessita di ulteriori delucidazioni. Nel monitoraggio della popolazione e/o per scopi di ricerca, è conveniente raccogliere molti campioni contemporaneamente e conservarli per analisi successive. Tuttavia, i dati sulla stabilità degli analiti sono necessari per garantire risultati affidabili. 

In questo studio sono stati pertanto utilizzati 15 dei 90 campioni di urina di pecora, raccolti per valutare l'effetto del tempo di conservazione sul rapporto UPC. Dopo la centrifugazione, il surnatante di ciascun campione è stato suddiviso in 6 aliquote. Le concentrazioni di proteine ​​urinarie e creatinina urinaria sono state determinate immediatamente, utilizzando rispettivamente l’indicatore rosso pirogallolo e un metodo Jaffè modificato. Le altre aliquote sono state conservate a -18°C. Sono stati inclusi nello studio i campioni che non mostravano sedimento attivo, con pH delle urine alcalino e rapporto UPC ≥ 0,2; i campioni che avevano queste caratteristiche erano complessivamente 15. 

coniglio squamocellI conigli domestici (oryctolagus cuniculi) possono essere affetti da una varietà di neoplasie cutanee, incluso il carcinoma a cellule squamose (SCC). Manca, nella letteratura dei conigli domestici, una revisione dettagliata della malattia macroscopica e microscopica, unitamente alla risposta al trattamento.

È stato pertanto condotto uno studio retrospettivo su 39 casi di SCC nei conigli da compagnia, nel tentativo di caratterizzare meglio la presentazione tipica, la prognosi e la risposta terapeutica in corso di tale neoplasia. Sedici di questi casi sono stati selezionati anche per il test del papillomavirus utilizzando una generica PCR.

anest horseL'obiettivo di questo studio era di indagare l'effetto della durata dell'anestesia sulla qualità del recupero dei cavalli. Sono state revisionate le cartelle cliniche dei cavalli che sono stati anestetizzati e sottoposti a intervento chirurgico per condizioni elettive e di emergenza dei tessuti molli e ortopediche dal 2013 al 2019. 

I cavalli inclusi nello studio (n = 305) soddisfacevano i seguenti requisiti: tutti avevano lo stesso protocollo di premedicazione/induzione e la stessa anestesia bilanciata per il mantenimento e sono stati anestetizzati dallo stesso anestesista esperto certificato dal Board. È stato completato un punteggio di recupero anestetico standardizzato per tutti i cavalli per valutare il loro recupero e sono state valutate le seguenti variabili: età, peso corporeo, razza, sesso, punteggio ASA dell'American Society of Anesthesiologists, tipo di procedura chirurgica, insorgenza di ipotensione, uso di dobutamina, numero di dosi aggiuntive di xilazina/ketamina dopo l'interruzione dell'isoflurano, durata dell'anestesia, sedazione post-anestetica e la concentrazione di isoflurano di fine espirazione durante il mantenimento e al momento del trasferimento in sala di risveglio. Queste interazioni sono state valutate in base alla qualità del punteggio di recupero utilizzando la regressione logistica. 

discLo scopo di questo studio retrospettivo era di valutare l'outcome e la prognosi dell’ernia del disco toracolombare (IVDD) trattata mediante decompressione chirurgica.

Sonio stati analizzati dati relativi a: età, razza, sesso, peso corporeo, segno clinico presentato, diagnosi neuroanatomica alla presentazione, reperti di diagnostica per immagini, intervento chirurgico eseguito, outcome complessivo alla dimissione e al follow-up. Le associazioni tra le variabili sono state valutate utilizzando il test di Kruskal-Wallis (età e grado di IVDD alla presentazione) e il test esatto di Fisher (grado di IVDD alla presentazione e outcome).

catt ironGli autori di questo studio avevano lo scopo di analizzare le concentrazioni di ferro, rame e zinco negli alimenti commerciali destinati alla specie felina; inoltre, le suddette concentrazioni di oligoelementi, sono state confrontate tra formati alimentari differenti (secco, in scatola, crudo), tra alimenti per categoria di età (adulto 1+ anni e senior 7+ anni) e tra alimenti destinati al mantenimento degli adulti rispetto a tutte le fasi della vita.

 In totale, negli Stati Uniti sono stati acquistati 112 prodotti dietetici commerciali non terapeutici commercializzati per gatti adulti e anziani sani. Gli alimenti sono stati analizzati per la loro composizione. Le concentrazioni di minerali in tracce sono state misurate utilizzando la spettroscopia di emissione atomica al plasma di argon accoppiata induttivamente e descritte su una base di energia metabolizzabile calcolata utilizzando valori Atwater modificati standard.

laringe gattoLa laringectomia parziale è una procedura chirurgica per la rimozione di masse laringee che salvaguarda gli organi circostanti e che non è stata descritta nella specie felina. Lo scopo di questo studio era di riportare la procedura chirurgica e gli outcome clinici a breve e lungo termine dei gatti sottoposti a laringectomia parziale.

Sono state analizzate retrospettivamente le cartelle cliniche dei gatti sottoposti a laringectomia parziale per un periodo di 4 anni. Sono stati recuperati i seguenti dati: segnalamento, anamnesi, segni clinici, risultati dei test diagnostici, procedura chirurgica, gestione postoperatoria, complicanze ed outcome.

vitelli diarreaQuesto studio ha valutato l'impatto di un sistema multidisciplinare per ridurre e perfezionare l'uso di farmaci antibatterici per il trattamento della diarrea dei vitelli da latte. L'intervento consisteva nella modifica delle pratiche di gestione per la prevenzione delle malattie, nella formazione sanitaria del personale dell'allevamento, nell'implementazione di un algoritmo diretto alla terapia antimicrobica per i vitelli con diarrea e visite mensili in allevamento.

È stata utilizzata una combinazione di valutazioni retrospettive (prima del periodo di intervento [BP], 1 anno) e prospettiche (immediatamente dopo il periodo di intervento [AP], 1 anno). Gli outcome clinici misurati includevano l'incidenza di diarrea e la mortalità complessiva. Sono stati inoltre valutati i tassi di trattamento antimicrobico per la diarrea e la massa totale di farmaci antimicrobici utilizzati a livello di vitelli e allevamenti. I risultati sono stati valutati utilizzando il test χ2 o il test esatto di Fisher e sono stati calcolati gli odds ratio e gli intervalli di confidenza al 95% (95% CI). 

Pagina 4 di 23

VET Channel

eveditoria Editoria Scientifica

0
Shares
0
Shares