Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 7610 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Michele Tumbarello Med Vet PhD student

Michele Tumbarello Med Vet PhD student

bartonellosisL’infezione da specie di Bartonella è comune nei gatti, ma gli effetti cha hanno le batteriemie sulle variabili clinicopatologiche differiscono tra le varie specie di Bartonella.

L’obiettivo degli autori di questo studio era quello di valutare le associazioni tra batteriemie da Bartonella spp. ed esami ematochimici dei gatti affetti.

survey catIl primo scopo degli autori di questa indagine era di riportare l’esperienza dei proprietari circa la somministrazione di farmaci, in particolare glucocorticoidi e broncodilatatori, nella gestione dei gatti con malattie croniche delle vie aeree profonde (FLAD). Obiettivi secondari erano: accertare la percezione del proprietario sulla risposta al trattamento del proprio animale e il livello generale di soddisfazione.

Per realizzare i suddetti obiettivi, gli autori hanno condotto uno studio prospettico trasversale. Un sondaggio online è stato distribuito in tutto il mondo ed era destinato ai proprietari di gatti con tosse cronica. Sono stati inclusi solo i gatti segnalati per avere FLAD.

IMHA springerL’obiettivo degli autori dello studio era quello di riportare la prevalenza dell'ipertensione arteriosa in una popolazione di cani con anemia emolitica immunomediata non associativa (IMHA) alla presentazione e durante il ricovero. Inoltre, gli autori hanno voluto indagare eventuali relazioni tra pressione sistemica (SBP) e mortalità, e tra SBP e un punteggio relativo alla gravità dell’IMHA. 

In questo studio retrospettivo osservazionale sono stati inclusi 26 cani con IMHA non associativa (primaria), che sono stati ospedalizzati in terapia intensiva, e un gruppo di controllo di 23 cani con epilessia idiopatica ricoverati in terapia intensiva per trattamento o monitoraggio delle crisi.

insulinoma dogL’insulinoma è il più comune tumore del pancreas endocrino del cane. Tale neoplasia ha un comportamento maligno, ed è inoltre caratterizzata da un alto potere metastatico e da opzioni chemioterapiche limitate. L'inibitore della tirosin-chinasi sunitinib ha evidenziato dei benefici nelle persone con insulinoma metastatico. Il toceranib fosfato, un analogo agente veterinario, può apportare benefici ai cani con la medesima neoplasia.

Gli autori dello studio retrospettivo in oggetto hanno descritto gli outcome clinici e gli eventi avversi (AE) dei cani con diagnosi di insulinoma, trattati con toceranib.

Venerdì, 11 Febbraio 2022 19:29

Marker di stress nel suino

stress porkGli autori dello studio hanno misurato i marker ormonali e proteici dello stress acuto, dello stress ossidativo e della capacità antiossidante totale (TAC) nel liquido salivare dei suini; secondo obiettivo era quello di determinare quale di questi parametri sarebbe stato il più appropriato per la futura valutazione del benessere del bestiame.

Lo stress è stato indotto in 7 su 14 suini Danbred × Duroc, castrati, di sei settimane, mediante immobilizzazione su un'ansa nasale alle 8:00, 13:00 e 18:00; i campioni sono stati prelevati sia direttamente dopo l'applicazione del fattore di stress che 30 minuti dopo. I suini rimanenti rappresentavano il gruppo di controllo, che non era immobilizzato; i loro campioni sono stati prelevati contemporaneamente. Le concentrazioni di ormoni e malondialdeide (MDA) sono state misurate mediante cromatografia liquida e spettrometria di massa, mentre i livelli di alfa-amilasi e TAC sono stati misurati mediante spettrofotometria.

Giovedì, 10 Febbraio 2022 19:53

Tumori melanocitari uveali del cane e del gatto

melanocitomi uveaGli autori del presente studio hanno approfondito le caratteristiche macroscopiche, istopatologiche e immunoistochimiche delle neoplasie melanocitarie uveali del cane e del gatto.

Sono state pertanto valutate le caratteristiche morfologiche delle neoplasie melanocitarie uveali canine e feline con immunomarcatori anti-PNL2, anti-Melan-A, anti-Ki-67, anti-caspasi-3 e anti-BAP1. L'analisi statistica è stata eseguita per confrontare melanocitomi canini e melanomi.

analgesia tumorLa soglia del dolore può differire tra le specie animali e può anche variare tra individui della stessa specie. Pertanto, la valutazione del dolore negli animali è spesso impegnativa. L'obiettivo degli autori del presente studio era confrontare gli effetti analgesici del tramadolo con quelli ottenuti somministrando la morfina.

Lo studio è stato condotto su 20 cani di diverse razze e sesso selezionati casualmente con malattie neoplastiche che hanno richiesto un intervento chirurgico. Dopo l'induzione dell'anestesia con propofol, i cani sono stati intubati e l'anestesia è stata mantenuta con sevoflurano. Il fentanil per via endovenosa è stato utilizzato per l'analgesia intraoperatoria dopo la stabilizzazione dell'anestesia. Dopo l’asportazione chirurgica dei tumori ed il completamento dell’intevento, i cani sono stati divisi in due gruppi per somministrare l'agente analgesico postoperatorio. I primi 10 cani da indagare sono stati identificati come il gruppo morfina e i successivi 10 cani rappresentavano il gruppo tramadolo. I punteggi del dolore postoperatorio, la frequenza cardiaca, la frequenza respiratoria e la temperatura corporea sono stati registrati al tempo 0 e dopo: 4, 8, 12, 16, 20 e 24 ore rispetto alla procedura chirurgica.

Lunedì, 07 Febbraio 2022 19:50

Malattie da accumulo di rame nel furetto

furetto rameGli obiettivi degli autori del seguente studio erano i seguenti: determinare le concentrazioni epatiche di rame e la distribuzione zonale nei furetti con e senza malattia epatobiliare, convalidare uno score qualitativo del rame basato sulla rodanina e sulla quantificazione digitale del rame nei campioni epatici di furetto, e, infine, accertare se alcuni dati clinici fossero in grado di predire l'accumulo di rame.

La quantificazione digitale del rame basata sulla rodanina è stata convalidata mediante l'uso della spettroscopia di assorbimento atomico e scansione digitale (R2 = 0,98). Le caratteristiche cliniche, i punteggi e le concentrazioni di rame epatico (fegato a peso secco) sono stati confrontati tra i gruppi. È stata determinata la distribuzione zonale del rame.

TC temporomandLo scopo degli autori dello studio era caratterizzare e descrivere le tipologie di lesioni dell'articolazione temporo-mandibolare (ATM) che si verificano nei gatti, utilizzando la TC.

E’ stato quindi condotto uno studio trasversale in accordo con le linee guida STROBE, attraverso la revisione delle cartelle cliniche e TC di 79 gatti con 158 quadri complessivi di ATM.

Lunedì, 07 Febbraio 2022 17:12

Utilizzo del sildenafil nel megaesofago canino

megaesof caneGli autori dello studio avevano l’obiettivo di determinare se il sildenafil in soluzione, somministrato direttamente nello stomaco dei cani con megaesofago (ME), influisse sulla clearance esofagea, sulla frequenza del rigurgito, sul peso corporeo o sulla qualità di vita dei pazienti affetti.

Gli autori hanno condotto uno studio crossover randomizzato. I cani hanno ricevuto sildenafil (1 mg/kg, PO, q 12 h) o un placebo per 14 giorni, seguiti da un periodo di washout di 7 giorni, quindi il trattamento opposto per 14 giorni. Il tempo di clearance esofagea è stato valutato mediante videofluoroscopia prima del trattamento e il giorno 1 di ciascun periodo di trattamento. I proprietari hanno registrato gli episodi di rigurgito e un report sulla qualità della vita.

Pagina 6 di 34

VET Channel

eveditoria Editoria Scientifica

0
Shares
0
Shares